laRegione
uccisione-di-don-roberto-il-presunto-autore-ritratta
Ti-Press
Ucciso in piazza San Rocco
Confine
17.09.20 - 14:490
Aggiornamento : 15:49

Uccisione di don Roberto, il presunto autore ritratta

Il 53enne tunisino, sospettato d'aver accoltellato il prete, in un primo tempo si era costituito e aveva confessato il delitto. Ora si dice estraneo ai fatti

Si è aggravata la posizione del 53enne tunisino che martedì mattina in piazza San Rocco a Como, con tre coltellate ha ucciso don Roberto Malgesini, 51enne, il 'sacerdote degli ultimi'. Il magistrato inquirente Massimo Astori, al termine dell'udienza di convalida nel carcere del Bassone, gli ha contestato l'aggravante della premeditazione, che prevede la condanna all'ergastolo.

Assistito dall'avvocato d'ufficio Davide Giudici l'omicida, dopo essersi costituito e confessato il delitto, stamane nel corso dell'interrogatorio di garanzia da parte del giudice delle indagini preliminari Laura De Gregorio, ha cambiato versione, negando di aver assassinato il sacerdote. «Non sono io l'autore del delitto, non c'entro nulla» ha detto davanti al giudice che gli ha contestato la prima versione fornita nel corso di un interrogatorio in Questura a Como. Non è dato sapere cosa ha risposto alla contestazione del giudice.

Un 'complotto per cacciarlo dall'Italia'

L'omicida prima di cambiare versione aveva sostenuto che si sentiva vittima di un complotto organizzato per cacciarlo dall'Italia. Martedì mattina si sarebbe dovuto presentare davanti al giudice di pace di Como per discutere il ricorso al decreto d'espulsione dall'Italia. Ad assisterlo un avvocato che gli aveva procurato don Roberto. Ossessionato dall'espulsione che gli ha fatto maturare un odio verso chiunque si è occupato di lui negli ultimi anni: il prefetto, il questore, la polizia, i carabinieri, i magistrati, gli avvocati e don Roberto. «Dovevo uccidere uno di loro e ho ucciso don Roberto come un cane».

Se non fosse stato don Roberto, sarebbe toccato ai due avvocati (sono gemelli) che da anni lo assistono. Il giorno prima del delitto aveva dato la caccia ai legali, senza trovarli. Per cui ha deciso di prendersela con il sacerdote. Un bersaglio facile in quanto sapeva che ogni mattina don Roberto usciva dalla canonica di San Rocco, per consegnare assieme ai volontari che da anni lo affiancavano, la colazione agli emarginati. «Mi sono avvicinato al don dicendogli che avevo il mal di denti, mi ha detto di tornare attorno alle dieci che mi avrebbe accompagnato da un dentista. Nel momento in cui si è girato per salire in macchina l'ho accoltellato». Un racconto che coincide con le prime risultanze investigative che il presunto omicida davanti al gip Laura De Gregorio ha sconfessato. Il giudice al termine dell'interrogatorio ha comunque firmato l'ordinanza di custodia cautelare in carcere. I prossimi interrogatori saranno condotti da Massimo Astori, l'inquirente che ha sostenuto in aula l'accusa dei coniugi Rosa Bazzi e Olindo Romano, condannati all'ergastolo per la strage di Erba. Il sostituto procuratore lariano ha lasciato capire che intende portare l'omicida davanti ai giudici entro quest'anno.

L'avvocato dell'omicida chiederà per il 53enne tunisino una perizia psichiatrica.  Già effettuata l'autopsia (la coltellata mortale è quella al collo quella secondo l'anatomo patologo Giovanni Scola); il magistrato inquirente ha dato il nulla osta per il seppellimento. La salma di don Roberto dalla tarda mattinata è a Cosio di Valtellina, paese d'origine del sacerdote. Como in mattinata ha abbracciato per l'ultima volta il prete degli ultimi. Il feretro dopo la partenza dall'ospedale Sant'Anna, accompagnato dai fratelli Caterina, Mario e Enrico, si è fermato per alcuni minuti davanti alla chiesa di San Rocco, a due passi da luogo della tragedia. Una breve sosta, voluta dai familiari del sacerdote: tra silenzi rotti soltanto dai rintocchi delle campane, raccoglimento e preghiera delle persone in continuo pellegrinaggio, per lasciare fiori, disegni e lettere. A Cosio di Valtellina ad attendere il feretro c'erano gli anziani genitori del prete, papà Bruno e mamma Ida. E in Valtellina domani pomeriggio alle 17 saranno celebrati i funerali del sacerdote. Lo famiglia ha preferito una cerimonia sobria, riservata, com'era nel carattere di don Roberto.

TOP NEWS Estero
GALLERY
ITALIA
17 ore
A Napoli violente proteste contro il lockdown
Centinaia di persone con petardi e fumogeni contestano il coprifuoco e la prospettiva di lockdown
Estero
20 ore
Svolta in Libia, accordo per una tregua permanente
Il cessate il fuoco immediato è stato raggiunto stamane a Ginevra dal Comitato militare congiunto sotto l'egida dell'Onu
Estero
22 ore
Trump evoca un accordo tra Israele e l'Arabia Saudita
Il presidente degli Stati Uniti prevede che la normalizzazione delle relazioni sia vicina
Vaticano
23 ore
Coronavirus, positive 13 guardie svizzere
Per nessuno è stato necessario il ricovero in ospedale. Non tutti sono sintomatici
Confine
1 gior
Migrante sale su un traliccio e si lancia nel vuoto
L'episodio è avvenuto tra Como e Chiasso, lungo la ferrovia. La sua caduta sarebbe stata attutita da due uomini degli enti di primo soccorso
Africa
1 gior
In Namibia 12mila cuccioli di foca morti sulle spiagge
Il motivo rimane per ora è sconosciuti: non si esclude che a giocare un ruolo sia il cambiamento climatico
Italia
1 gior
Conte: 'Lockdown da scongiurare'. Campania pronta a chiudere
Il presidente del consiglio italiano: 'L'attenzione rimanga alta'. Ma nella regione a sud ogni misura parziale sembra ormai inutile
Strasburgo
1 gior
Francia, fermato presunto autore di 160 stupri
L'italiano è sospettettato di aver, in particolare, abusato dei figli delle sue compagne tra il 2000 e il 2014
Estero
1 gior
Maxi-operazione contro una rete internazionale pedofili
Succede in Australia, dove la polizia ha incriminato almeno 44 uomini. Condividevano materiale di abusi violenti
Estero
1 gior
Ultimo duello tv vinto da Joe Biden
Emerge da un sondaggio della Cnn. L'avversario di Trump avrebbe raccolto il 53% delle preferenze
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile