laRegione
Ti-Press
Confine
20.11.18 - 07:480

Frontalieri: si punta il dito contro la Polizia cantonale

Proteste sui social, ieri mattina lunghe code alla dogana Oria Valsolda-Gandria per entrare in Ticino: 'Controlli a ogni singola vettura'

Le proteste via social, è lo strumento sempre più utilizzato dei gruppi facebook dei frontalieri. È successo ieri mattina dopo che si sono formate lunghe code alla dogana di Oria Valsolda-Gandria, per entrare in Canton Ticino. Valico dal quale quotidianamente transitano 8mila frontalieri. Sotto accusa la Polizia Cantonale che avrebbe effettuato minuziosi controlli alle auto dei frontalieri. Si viene a sapere che segnali di malcontento sarebbero stati lanciati attorno alle 7: ''Oltre un’ora da Porlezza a Gandria, causa controlli. Ok per il rispetto del lavoro degli altri, ma adesso la polizia cantonale dia una spiegazione alle ditte di tutti i lavoratori arrivati in ritardo stamattina''. Quanto si poteva leggere attorno alle 7 sul profilo “Frontalieri Insubria”. Il portavoce del gruppo a ''La Provincia'', quotidiano comasco ha detto: ''La Cantonale - dunque non gli agenti che vigilano sul valico di Gandria –  controllava ogni singola vettura. Le ripercussioni sul traffico sono state pesantissime. Basti pensare che la coda arrivava a Porlezza e che bloccati nel traffico sono rimasti anche scuolabus e auto dirette magari verso aeroporti e stazioni. In certe situazioni bisognerebbe utilizzare il buonsenso. Anche perché se alcuni datori di lavoro hanno compreso il motivo dei ritardi, altri sono stati decisamente meno comprensivi''.

Tags
polizia cantonale
polizia
controlli
TOP NEWS Estero
© Regiopress, All rights reserved