laRegione
30.10.22 - 10:30
Aggiornamento: 17:41

Credit Suisse cancellerà 540 posti in Svizzera entro fine 2022

Il piano di risanamento varato dall’istituto di credito dovrebbe portare alla raccolta di 4 miliardi di franchi tramite l’emissione di nuove azioni

Ats, a cura di Red.Web
credit-suisse-cancellera-540-posti-in-svizzera-entro-fine-2022
Keystone
Quadro a tinte fosche

Credit Suisse intende cancellare 540 posti di lavoro in Svizzera entro la fine dell’anno. "Sopprimeremo 2’700 impieghi nel mondo, di cui il 20% in Svizzera, entro la fine del quarto trimestre 2022", ha dichiarato oggi il Ceo della banca Ulrich Körner.

L’istituto di credito ha annunciato questa settimana nel quadro della sua ristrutturazione il taglio di 9’000 impieghi nel mondo, di cui 2’000 nella Confederazione. Il piano di risanamento prevede pure la raccolta di circa 4 miliardi di franchi svizzeri attraverso l’emissione di nuove azioni, in particolare grazie alla Saudi National Bank (Snb), la più grande banca commerciale dell’Arabia Saudita, che si è impegnata per 1,5 miliardi di franchi, pari al 9,9% del capitale sociale.

Quest’ultima dovrebbe così diventare il primo azionista di Credit Suisse e dovrebbe consentire di rafforzare la solidità della banca. Tale manovra non dovrebbe avere alcuna influenza sull’identità dell’istituto, ha assicurato Körner in un’intervista al domenicale Nzz am Sonntag. Gli azionisti non hanno alcun influsso sulla direzione del gruppo né sui suoi principi etici, ha precisato il Ceo. "La Saudi National Bank è un’azionista come gli altri, un’azionista importante naturalmente".

La data in cui Credit Suisse cederà le sue attività sui mercati dei capitali e di consulenza alla nuova entità Cs First Boston non è ancora nota. "Credit Suisse possiederà sicuramente una partecipazione di maggioranza nella fase iniziale", ha spiegato Körner, "forse ci sarà un ingresso in Borsa alla fine del percorso".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Economia
10 ore
Per Ubs il 2022 si chiude con il segno positivo
Nel quarto trimestre la banca ha registrato un utile di 1,65 miliardi, per un totale complessivo di 7,63 sull’arco dell’intero anno
Economia
1 sett
Banca Migros supera il milione di clienti
La clientela nel 2022 registra un +27% rispetto all’anno precedente, sulla scia dell’introduzione della nuova carta di credito Cumulus
Economia
1 sett
Credit Suisse prevede un’inflazione più alta
La banca scommette su un rincaro 2023 che dovrebbe raggiungere l’1,7%, oltre a un aumento pari a 1,75% anche per i tassi della Banca nazionale svizzera
Economia
1 sett
Blocchi regionali e protezionismo contro le economie emergenti
I Paesi Non Allineati Nuovi (Nan) temono che la loro crescita venga ostacolata dai muri commerciali eretti da Stati Uniti, Europa e Cina
Economia
1 sett
E all’improvviso nulla più turba le Borse
Inflazione, tassi d’interessi più elevati, rallentamento cinese, timori di recessione: in Europa e negli Usa l’ottimismo si diffonde, nonostante tutto
Economia
1 sett
Lufthansa vuole comprare una quota di Ita Airways
È l’unica offerta arrivata al Governo italiano, tedeschi pronti a rilevare l’intera compagnia aerea
Economia
2 sett
Importante cessione nel settore chimico
Sika, gruppo attivo nelle specialità chimiche, ha deciso di vendere una parte dell’ex filiale del colosso tedesco Basf
Speciale Economia
2 sett
La deglobalizzazione non è la strada giusta
Economia
2 sett
Il franco si indebolisce sull’euro: moneta europea sopra 1,00
È la prima volta dall’inizio di luglio 2022 che l’euro torna sopra la parità
Economia
3 sett
Pry-Cam Home, la nuova frontiera di Prysmian
Il colosso mondiale della produzione di cavi ad alta tecnologia entra nelle case con una tecnologia che monitora la rete elettrica domestica
© Regiopress, All rights reserved