laRegione
26.09.22 - 11:18
Aggiornamento: 20:33

Fino a che punto il franco potrà diventare ancora più forte?

La Bns non interviene più per impedire le pressioni al rialzo della divisa elvetica, che proteggono parzialmente dall’eccessiva inflazione

Ats, a cura di Red.Web
fino-a-che-punto-il-franco-potra-diventare-ancora-piu-forte
Keystone

Cambio di paradigma per la Bns: dopo anni di tentativi per indebolire il franco, la Banca nazionale svizzera ha compiuto una svolta di 180 gradi. Di fronte all’impennata dell’inflazione globale, sta ora permettendo alla moneta nazionale di apprezzarsi. Ancora scambiata a 1,03 franchi per euro all’inizio dell’anno, la moneta svizzera ha guadagnato slancio il 16 giugno dopo che la banca centrale elvetica ha aumentato il tasso di interesse di riferimento per la prima volta da anni. Alla fine di giugno, il cambio con l’euro è sceso sotto la parità e lunedì mattina ha raggiunto un nuovo minimo storico di 0,9409 Eur/Chf.

Il presidente della direzione della Bns, Thomas Jordan, aveva dato fuoco alle polveri a metà giugno dichiarando: "nel caso in cui il franco si indebolisse, prenderemmo in considerazione la possibilità di vendere valute" per mantenere il franco forte. Questo messaggio è stato ribadito giovedì scorso, con l’abbandono dei tassi di riferimento negativi che sono stati aumentati di 0,75 punti percentuali a +0,50%. "Prima la Bns interveniva per ridurre le pressioni al rialzo sul franco, ma ora può intervenire per rafforzare il franco e ridurre le pressioni inflazionistiche", riassume Nikolay Markov. Per l’economista senior di Pictet Asset Management, "non c’è più il timore che il franco si apprezzi. Al contrario, l’apprezzamento del franco è benvenuto in quanto limita i rialzi dei tassi necessari per raggiungere la stabilità dei prezzi.

Ruolo di ammortizzatore

La Svizzera ha registrato un tasso d’inflazione record del 3,5% in agosto, ben al di sopra dell’obiettivo di stabilità dei prezzi della Bns, che si colloca tra lo 0% e il 2%. "Se togliamo i prezzi regolamentati, l’inflazione ammonta al 4,1%, ossia un tasso doppio rispetto all’obiettivo di stabilità della Bns", calcola Alix Bhend-Lambin, stratega finanziario della Banca cantonale vodese (BCV). Il dato è notevolmente inferiore al 9,1% registrato ad agosto nella zona euro e all’8,3% negli Stati Uniti. La forza del franco svizzero fornisce una parziale protezione contro un’eccessiva accelerazione dei prezzi grazie al potere d’acquisto della valuta svizzera per gli acquisti all’estero, in particolare per i prodotti energetici. Secondo le stime del Credit Suisse, un calo del 10% del tasso di cambio euro-franco ridurrà l’inflazione in Svizzera di mezzo punto percentuale.

"Il franco sta svolgendo (...) il suo ruolo di ammortizzatore per i prezzi delle importazioni, ma non ha impedito l’aumento dei prezzi delle esportazioni (+1,3%). La valuta svizzera contribuisce a ridurre i costi per le aziende", afferma Bhend-Lambin. A suo avviso "il franco non è così sopravvalutato: il valore equo rispetto all’euro è 1,08 Eur/Chf". Alla luce di questo sviluppo, quanto potrebbe scendere il cambio? "In termini assoluti, non c’è limite all’apprezzamento del franco. Ma c’è un limite alla velocità di questa tendenza", avverte Markov. Se l’apprezzamento del franco è troppo rapido, la Bns potrebbe intervenire per ridurre il tasso di apprezzamento della valuta svizzera.

Molte incertezze

"Un apprezzamento troppo rapido penalizzerebbe la competitività-prezzo delle esportazioni, nonostante il posizionamento di fascia alta della nostra industria", sostiene Arthur Jurus, senior strategist di Oddo-Bhf Svizzera. Secondo Jurus, il franco si sta strutturalmente apprezzando rispetto all’euro a causa dei differenziali di prezzo. Alla luce di questa situazione, la specialista della Banca cantonale vodese prevede che tra sei mesi il cambio euro-franco si attesterà a 0,98, "in ogni caso sotto la parità". "Il resto dipenderà molto dal contesto, poiché ci sono molte incertezze", avverte. Nikolay Markov prevede che il prossimo anno il franco si deprezzerà rispetto all’euro, "poiché il contesto di mercato dovrebbe attenuarsi". Entro dicembre 2023, si aspetta un livello di 1,05 franchi per l’euro, prima che il franco si rafforzi nuovamente nel 2024. Per Arthur Jurus, l’apprezzamento a medio termine dovrebbe continuare e portare la coppia di valute a 0,85 Eur/Chf entro cinque anni, riflettendo "i fondamentali macrofinanziari attualmente osservati".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Economia
1 gior
Pedrotti: ‘Nel 2022 costellazione di eventi negativi completa’
Il direttore regionale di Ubs Ticino fa il bilancio dell’anno che sta finendo e con Elena Guglielmin e Matteo Ramenghi traccia una previsione sul futuro
la banca in difficoltà
4 gior
‘I problemi di Credit Suisse risolti se venisse rilevata’
Secondo la SonntagsZeitung potrebbe essere acquisita dalla più piccola Julius Bär
Economia
2 sett
Profondo rosso all’orizzonte per Credit Suisse
Potrebbe raggiungere il miliardo e mezzo di franchi la perdita, ante-imposte, dell’ultimo trimestre dell’istituto di credito
Economia
2 sett
Splendori e miserie della globalizzazione
Il processo d’integrazione internazionale non è forse così malconcio come si dice. Ma si stanno formando nuovi ‘gruppi’ (e l’Ue potrebbe rafforzarsi)
Economia
3 sett
Ftx in bancarotta, trema il mondo delle criptovalute
Dalle stelle alle stalle: per Sam Banked-Fried, il ‘mago di Oz’ delle valute digitali, è il tramonto
Economia
3 sett
La Banca nazionale pensa ulteriori aumenti del tasso guida
Andréa Maechler anticipa le possibili mosse della Bns contro l’inflazione. E ricorda: ‘Il nostro compito non è fare utili’
Economia
4 sett
Costi dei sinistri compensati dall’aumento delle tariffe
Risultati in linea con le attese per Zurich Insurance per i primi nove mesi del 2022. Premi lordi cresciuti dell’8% nel ramo danni e incidenti
Economia
1 mese
Bce e Bank of England, linea dura anche con recessione
Avanti tutta col rialzo dei tassi d’interesse. La Banca centrale inglese li porta al 3%, ai massimi dal 2008.
Economia
1 mese
Elon Musk è ancora l’uomo più ricco al mondo
La posizione nella classifica del fondatore di Tesla e nuovo boss di Twitter nel Billionaires Index è stata confermata. Scivola invece Zuckerberg
Economia
1 mese
Microchip, come l’Europa cerca di risalire sul treno perso
La produzione è nelle mani di un manipolo di Paesi asiatici. Con il Chip Act ora l’Ue getta le basi di una politica industriale dei semiconduttori.
© Regiopress, All rights reserved