laRegione
30.08.22 - 08:48
Aggiornamento: 18:47

Rincaro del grano e fenomeni meteo estremi fanno volare Syngenta

Nel primo semestre dell’anno il fatturato del colosso agrochimico (svizzero, ma in mani cinesi) è lievitato del 25%, a 18,1 miliardi di dollari

Ats, a cura di Red.Web
rincaro-del-grano-e-fenomeni-meteo-estremi-fanno-volare-syngenta
Keystone
Non tutto il male viene per nuocere per Syngenta

La crisi alimentare globale della produzione e le conseguenze degli eventi meteorologici estremi hanno messo le ali al fatturato di Syngenta nel primo semestre: le vendite del colosso agrochimico (svizzero, ma in mani cinesi) sono salite a 18,1 miliardi di dollari (17,5 miliardi di franchi), il 25% in più dello stesso periodo del 2021.

Tutti i comparti aziendali hanno presentato crescite dei ricavi a due cifre, ha indicato oggi il gruppo che comprende la svizzera Syngenta, l’israeliana Adama e le attività agricole della cinese SinoChem. Il comparto più grande, quello dei prodotti per la protezione delle colture, ha visto i proventi salire di un quarto a 8,6 miliardi di dollari. Le attività agricole in Cina (Syngenta Group China) hanno invece segnato +26% a 5,3 miliardi.

Il volume d’affari del primo semestre riflette la forte domanda di prodotti e servizi da parte dei coltivatori, fanno sapere i vertici di Syngenta. I prezzi di alimenti importanti come il grano sono aumentati notevolmente dopo la guerra in Ucraina: ciò aumenta l’incentivo per gli agricoltori a utilizzare i prodotti Syngenta per proteggere le loro colture.

I profitti sono cresciuti ancora più rapidamente delle vendite. Il risultato operativo rettificato a livello Ebitda (cioè prima di interessi, imposte, svalutazioni e ammortamenti) è progredito del 32% a 3,5 miliardi di dollari. Il corrispondente margine è salito di 1,2 punti al 19,5%. Stando a Syngenta l’aumento degli utili è dovuto al lancio di nuovi prodotti, a una maggiore produttività e a un ritocco dei prezzi volto a compensare l’incremento dei costi dei fattori produttivi.

Syngenta è nata nel 2000 dalla fusione delle divisioni agrochimiche dei giganti farmaceutici AstraZeneca e Novartis. Ha sede a Basilea e ha decine di migliaia di dipendenti attivi in oltre 100 nazioni. Un tempo quotata alla borsa svizzera, l’impresa è stata rilevata nel 2017 dal gigante cinese ChemChina per 43 miliardi di dollari. Due anni prima la società renana aveva respinto un tentativo di acquisizione da parte dell’americana Monsanto, che è stata in seguito inghiottita dalla tedesca Bayer. Nel frattempo Syngenta punta a un nuovo sbarco in borsa, questa volta a Shanghai: potrebbe avvenire ancora nel corso di quest’anno.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Economia
1 sett
Profondo rosso all’orizzonte per Credit Suisse
Potrebbe raggiungere il miliardo e mezzo di franchi la perdita, ante-imposte, dell’ultimo trimestre dell’istituto di credito
Economia
2 sett
Splendori e miserie della globalizzazione
Il processo d’integrazione internazionale non è forse così malconcio come si dice. Ma si stanno formando nuovi ‘gruppi’ (e l’Ue potrebbe rafforzarsi)
Economia
3 sett
Ftx in bancarotta, trema il mondo delle criptovalute
Dalle stelle alle stalle: per Sam Banked-Fried, il ‘mago di Oz’ delle valute digitali, è il tramonto
Economia
3 sett
La Banca nazionale pensa ulteriori aumenti del tasso guida
Andréa Maechler anticipa le possibili mosse della Bns contro l’inflazione. E ricorda: ‘Il nostro compito non è fare utili’
Economia
3 sett
Costi dei sinistri compensati dall’aumento delle tariffe
Risultati in linea con le attese per Zurich Insurance per i primi nove mesi del 2022. Premi lordi cresciuti dell’8% nel ramo danni e incidenti
Economia
1 mese
Bce e Bank of England, linea dura anche con recessione
Avanti tutta col rialzo dei tassi d’interesse. La Banca centrale inglese li porta al 3%, ai massimi dal 2008.
Economia
1 mese
Elon Musk è ancora l’uomo più ricco al mondo
La posizione nella classifica del fondatore di Tesla e nuovo boss di Twitter nel Billionaires Index è stata confermata. Scivola invece Zuckerberg
Economia
1 mese
Microchip, come l’Europa cerca di risalire sul treno perso
La produzione è nelle mani di un manipolo di Paesi asiatici. Con il Chip Act ora l’Ue getta le basi di una politica industriale dei semiconduttori.
Economia
1 mese
La tesi controcorrente di George Muzinich sull’Italia
Il fondatore di Muzinich & Co. sostiene che ‘il Belpaese ha più di un buon numero da giocare’ e che è ben posizionata rispetto a Germania e Regno Unito
Economia
1 mese
Credit Suisse cancellerà 540 posti in Svizzera entro fine 2022
Il piano di risanamento varato dall’istituto di credito dovrebbe portare alla raccolta di 4 miliardi di franchi tramite l’emissione di nuove azioni
© Regiopress, All rights reserved