laRegione
07.08.22 - 07:10
Aggiornamento: 14:52

Smartphone: crollano le spedizioni in Europa

‘Molti Paesi si stano avvicinando alla recessione, con maggiori tensioni politiche’, scrive Counterpoint Research che si attende una ripresa lunga e lenta

Ats, a cura di Red.Web
smartphone-crollano-le-spedizioni-in-europa
archivio Keystone

Le spedizioni di smartphone in Europa sono diminuite nel secondo trimestre dell’11% su base annua, con un calo ancora maggiore, pari al -13%, rispetto ai primi tre mesi del 2022. Sono gli ultimi dati rilasciati da Counterpoint Research, società di consulenza con sede a Hong Kong.

Secondo gli analisti, si tratta del peggior trimestre vissuto dal settore mobile dopo il secondo del 2020, in piena pandemia. Sono 40,3 milioni gli smartphone spediti dai produttori a catene e rivenditori nel secondo trimestre del 2022 rispetto al picco raggiunto a fine dicembre, quando il numero totale ammontava a 56,6 milioni di unità.

Confrontando i dati anno su anno, solo Apple, Samsung e Realme sono cresciuti in termini di spedizioni, rispettivamente del 3, 9 e 21%. Con metriche più ristrette, che prendano in considerazione gli ultimi due trimestri, solo Xiaomi è riuscita a spedire più smartphone, dai 6,1 milioni del primo trimestre ai 7,5 milioni del secondo, mentre le prime due regine del mercato, Samsung e Apple hanno subito sia la crisi economica, che porta le persone a spendere per dispositivi più economici, che l’uscita dal mercato russo sin dall’invasione dell’Ucraina in primavera.

Proprio Samsung resta il primo marchio di smartphone in Europa, con una quota di mercato passata dal 27 al 32% su base annua. Apple segue a ruota, dal 21 al 24%, mentre per tutti gli altri marchi si registra una contrazione, tranne la già citata Realme che guadagna un punto, dal 2 al 3% sul totale.

Commentando le prospettive per il resto dell’anno, Counterpoint Research scrive che "la situazione in Europa resta purtroppo cupa. Molti Paesi si stanno avvicinando alla recessione, con tensioni politiche interne in aumento, ad esempio in Francia, Germania e Regno Unito. Rimaniamo fiduciosi, tuttavia, che la traiettoria dovrebbe presto tornare al rialzo, anche se la ripresa sarà probabilmente lunga e lenta".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Economia
5 gior
Tonfo Credit Suisse: le azioni crollano a poco più di 4 franchi
Da inizio anno il titolo ha perso il 48% del suo valore, il 16% solo nell’ultimo mese. L’apice l’aveva invece raggiunto nel 2000: 96,50 franchi
Economia
1 sett
Credit Suisse sborsa oltre 32 milioni: ‘Ci rallegriamo’
La banca elvetica passa alla cassa per risolvere una denuncia collettiva sulla qualità della gestione dei rischi negli Stati Uniti
Economia
1 sett
Rete elettrica, ‘la Svizzera non è un’isola’
Swissgrid investe 2,5 miliardi per le linee, ma il rischio è che le tensioni con l’Europa portino a problemi di collegamento e approvvigionamento
Economia
2 sett
Agosto col segno negativo per le casse pensioni
Il calo medio, dopo la deduzione delle commissioni, è stato dell’1,45%, che fissa a -7,87% quello da inizio anno
Economia
2 sett
Da Novartis 100 milioni per il campus di Basilea
L’importante investimento servirà a sviluppare il ramo delle bioterapie. Previsto un nuovo centro per lo sviluppo tecnico precoce
Economia
2 sett
Ermotti: ‘Non è così importante il numero di banche’
In un’intervista rilasciata alla stampa d’oltre Gottardo l’ex ceo di Ubs ha risposto con un ‘no comment’ sulla sua posizione al Credit Suisse
Economia
3 sett
Una capsula per il caffè che non è una... capsula
Per contrastare i rifiuti e favorire la sostenibilità Migros ha lanciato sul mercato una nuova macchina che non utilizza plastica né alluminio
Economia
3 sett
Porsche entra in Borsa e segna una quotazione da record
Le azioni del noto marchio di auto di lusso saranno quotate a Francoforte a fine settembre-inizio ottobre
Economia
3 sett
Settore assicurativo e nuova normalità, una tavola rotonda
Il Centro studi Villa Negroni ha promosso una discussione sulle peculiarità necessarie per superare il momento di crisi: intelligenza artificiale su tutte
Economia
3 sett
Pil progredito in Svizzera del 2,8% su un anno
Traino l’aumento della spesa dei consumatori dovuto all’abolizione delle misure contro il Covid-19
© Regiopress, All rights reserved