laRegione
29.07.22 - 09:15
Aggiornamento: 15:14

Sulzer chiude il semestre in rosso. Ma era tutto previsto

I risultati operativi sono segnati dagli oneri legati alla chiusura dei siti polacchi e dall’abbandono di tutte le attività in Russia

Ats, a cura di Red.Web
sulzer-chiude-il-semestre-in-rosso-ma-era-tutto-previsto
Keystone
Cifre rosse. Ma preventivate

Come previsto, Sulzer ha chiuso il primo semestre in rosso, appesantita dagli oneri legati alla chiusura dei siti polacchi e all’abbandono di tutte le attività in Russia. Nonostante un leggero aumento delle vendite, il gruppo industriale zurighese ha registrato una perdita netta per le sue attività continuative di 48,8 milioni di franchi, rispetto a un utile netto di 60,8 milioni alla fine di giugno 2021.

Gli oneri di ammortamento per la chiusura di due siti in Polonia e la cessazione delle attività commerciali in Russia sono stati pari a 141,4 milioni di franchi, fa sapere il gruppo di Winterthur. In termini di utile operativo prima degli interessi e delle imposte (Ebit), l’onere è stato pari a 132,5 milioni, con una perdita di 25,5 milioni, a fronte di una performance positiva di 97,4 milioni a fine giugno 2021.

A maggio, Sulzer aveva chiuso i suoi stabilimenti polacchi dopo essere stata inserita nella lista delle aziende sanzionate nel Paese a causa del suo azionista di riferimento, l’oligarca russo Viktor Vekselberg. L’azienda aveva lasciato anche la Russia e aveva previsto un onere una tantum di 125-135 milioni di franchi.

Corretto da questo effetto, il risultato operativo delle attività continuative ha raggiunto 135,8 milioni di franchi, il 6,5% in più rispetto all’anno precedente. Il margine corrispondente è migliorato dall’8,5 al 9%. I risultati semestrali del gruppo non includono la performance di Medmix, che è stata esternalizzata e quotata alla Borsa svizzera lo scorso autunno.

Balzo avanti delle commesse

Il fatturato è aumentato dello 0,9% a 1,52 miliardi di franchi rispetto al primo semestre del 2021. La crescita organica è stata dello 0,6%, con un contributo delle acquisizioni di 4,6 milioni e un effetto valutario favorevole di 8,3 milioni.

Le nuove commesse sono aumentate dell’11,4% a 1.734,1 miliardi di franchi. La crescita organica è stata del 10,9% e le acquisizioni hanno contribuito per 7 milioni di franchi. Gli effetti valutari hanno avuto un impatto favorevole di 5,9 milioni di franchi mentre il margine lordo è leggermente diminuito dal 33,1 al 32,8%.

Sulzer entra nella seconda metà del 2022 con un elevato portafoglio ordinativi di 1,89 miliardi di franchi, rispetto agli 1,72 miliardi di fine dicembre.

Sebbene la perdita netta sia risultata superiore al previsto, anche le vendite e le commesse hanno superato le aspettative medie. Gli analisti intervistati da Awp avevano previsto in media una perdita netta di 38,2 milioni di franchi, un fatturato di 1,497 miliardi e ordini per 1,71 miliardi.

Ottimismo per i mercati continui

In dettaglio, la divisione pompe, Flow Equipment, ha subìto un calo delle vendite del 4,4% (5,1% organico). Il calo nel segmento dell’energia (-10,9%) era atteso, dato che il settore ha iniziato l’anno con un portafoglio ordinativi ridotto. I ricavi dei clienti industriali sono diminuiti del 2,5%, mentre quelli del settore idrico sono aumentati dello 0,6%; le acquisizioni hanno aggiunto 4,5 milioni di franchi al fatturato.

Le vendite della Divisione servizi hanno registrato una forte crescita nelle Americhe che compensa di gran lunga i cali in Europa, Medio Oriente e Africa (Emea) e Asia Pacifico. Nel complesso, i Servizi hanno registrato una crescita delle vendite del 2,8% su base annua (2,4% in termini organici).

Nel settore Chemtech, specializzato in attrezzature per la produzione chimica, le vendite sono aumentate del 9,2% (9,8% in termini organici, a causa di una cessione in Brasile), poiché il gruppo ha intensificato gli sforzi per superare le difficoltà dovute ai lockdown per Covid-19 in Cina.

Per il resto dell’anno, Sulzer prevede che lo slancio positivo dei mercati continui, nonostante l’aumento dell’incertezza e della volatilità. Il gruppo conferma le sue aspettative per l’intero anno, ovvero una crescita organica degli ordinativi del 3-5% e del 2-4% per le vendite. La redditività operativa dovrebbe continuare a migliorare, raggiungendo quasi il 10% del fatturato.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Economia
1 gior
Il ‘momento critico’ di Credit Suisse scuote la Borsa
Le dichiarazioni rilasciate venerdì dal Ceo Ulrich Körner si sono ripercosse sulle quotazioni dell’istituto di credito
Economia
1 sett
Tonfo Credit Suisse: le azioni crollano a poco più di 4 franchi
Da inizio anno il titolo ha perso il 48% del suo valore, il 16% solo nell’ultimo mese. L’apice l’aveva invece raggiunto nel 2000: 96,50 franchi
Economia
2 sett
Credit Suisse sborsa oltre 32 milioni: ‘Ci rallegriamo’
La banca elvetica passa alla cassa per risolvere una denuncia collettiva sulla qualità della gestione dei rischi negli Stati Uniti
Economia
2 sett
Rete elettrica, ‘la Svizzera non è un’isola’
Swissgrid investe 2,5 miliardi per le linee, ma il rischio è che le tensioni con l’Europa portino a problemi di collegamento e approvvigionamento
Economia
3 sett
Agosto col segno negativo per le casse pensioni
Il calo medio, dopo la deduzione delle commissioni, è stato dell’1,45%, che fissa a -7,87% quello da inizio anno
Economia
3 sett
Da Novartis 100 milioni per il campus di Basilea
L’importante investimento servirà a sviluppare il ramo delle bioterapie. Previsto un nuovo centro per lo sviluppo tecnico precoce
Economia
3 sett
Ermotti: ‘Non è così importante il numero di banche’
In un’intervista rilasciata alla stampa d’oltre Gottardo l’ex ceo di Ubs ha risposto con un ‘no comment’ sulla sua posizione al Credit Suisse
Economia
4 sett
Una capsula per il caffè che non è una... capsula
Per contrastare i rifiuti e favorire la sostenibilità Migros ha lanciato sul mercato una nuova macchina che non utilizza plastica né alluminio
Economia
4 sett
Porsche entra in Borsa e segna una quotazione da record
Le azioni del noto marchio di auto di lusso saranno quotate a Francoforte a fine settembre-inizio ottobre
Economia
4 sett
Settore assicurativo e nuova normalità, una tavola rotonda
Il Centro studi Villa Negroni ha promosso una discussione sulle peculiarità necessarie per superare il momento di crisi: intelligenza artificiale su tutte
© Regiopress, All rights reserved