laRegione
06.07.22 - 17:35
Aggiornamento: 18:48

Il franco praticamente ai massimi di sempre sull’euro

Nel pomeriggio la moneta europea valeva 0,9875 franchi: minimo storico astraendo dal 15 gennaio 2015, giorno dello stop al cambio minimo fissato dalla Bns

il-franco-praticamente-ai-massimi-di-sempre-sull-euro
Keystone

Il franco non è praticamente mai stato così forte nei confronti dell’euro: nel pomeriggio il corso della moneta europea ha toccato un minimo storico a 0,9875 franchi.

Si tratta del punto più basso di sempre, se si fa astrazione del 15 gennaio 2015, il caotico giorno in cui la Banca nazionale svizzera (Bns) abolì la soglia minima di cambio precedentemente fissata unilateralmente. La decisione provocò un crollo dell’euro fino a un minimo giornaliero di 0,9652 franchi.

Le ragioni della debolezza attuale della moneta Ue sono legate alla paura di una crisi energetica in Europa, dopo che la Russia ha diminuito le forniture di gas. Il dollaro continua così a rafforzarsi. A sostenere il franco è anche la decisione della Bns dello scorso 16 giugno di alzare di mezzo punto (dal -0,75% al -0,25%) il suo tasso guida, anticipando la Banca centrale europea (Bce), che da parte sua ha annunciato una prima stretta in luglio.

Stando a quanto osservato dagli operatori dei cambi la Bns sta tollerando il rafforzamento del franco, anche in funzione anti-inflazione. Potrebbe però intervenire se la situazione dovesse ulteriormente evolvere: nessuno sa comunque al momento quale sia la soglia che potrebbe spingere l’istituto a muoversi.

Come noto l’euro (in circolazione monetaria effettiva dal 2002) ha toccato il suo massimo di sempre sul franco nel 2007 a 1,68 franchi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Economia
1 gior
Per Ubs il 2022 si chiude con il segno positivo
Nel quarto trimestre la banca ha registrato un utile di 1,65 miliardi, per un totale complessivo di 7,63 sull’arco dell’intero anno
Economia
1 sett
Banca Migros supera il milione di clienti
La clientela nel 2022 registra un +27% rispetto all’anno precedente, sulla scia dell’introduzione della nuova carta di credito Cumulus
Economia
1 sett
Credit Suisse prevede un’inflazione più alta
La banca scommette su un rincaro 2023 che dovrebbe raggiungere l’1,7%, oltre a un aumento pari a 1,75% anche per i tassi della Banca nazionale svizzera
Economia
1 sett
Blocchi regionali e protezionismo contro le economie emergenti
I Paesi Non Allineati Nuovi (Nan) temono che la loro crescita venga ostacolata dai muri commerciali eretti da Stati Uniti, Europa e Cina
Economia
1 sett
E all’improvviso nulla più turba le Borse
Inflazione, tassi d’interessi più elevati, rallentamento cinese, timori di recessione: in Europa e negli Usa l’ottimismo si diffonde, nonostante tutto
Economia
2 sett
Lufthansa vuole comprare una quota di Ita Airways
È l’unica offerta arrivata al Governo italiano, tedeschi pronti a rilevare l’intera compagnia aerea
Economia
2 sett
Importante cessione nel settore chimico
Sika, gruppo attivo nelle specialità chimiche, ha deciso di vendere una parte dell’ex filiale del colosso tedesco Basf
Speciale Economia
2 sett
La deglobalizzazione non è la strada giusta
Economia
3 sett
Il franco si indebolisce sull’euro: moneta europea sopra 1,00
È la prima volta dall’inizio di luglio 2022 che l’euro torna sopra la parità
Economia
3 sett
Pry-Cam Home, la nuova frontiera di Prysmian
Il colosso mondiale della produzione di cavi ad alta tecnologia entra nelle case con una tecnologia che monitora la rete elettrica domestica
© Regiopress, All rights reserved