laRegione
accordi-di-libero-scambio-risparmi-per-2-3-miliardi-in-dazi
Ti-Press
C’è chi ci ha guadagnato
15.06.22 - 15:09
Ats, a cura de laRegione

Accordi di libero scambio, risparmi per 2,3 miliardi in dazi

È quanto economizzato dalle imprese elvetiche nel 2020 per le loro importazioni (per un totale di 214,26 miliardi) in Svizzera

Grazie agli accordi di libero scambio (Als), nel 2020 le imprese elvetiche hanno risparmiato 2,3 miliardi di franchi in dazi doganali sulle loro importazioni in Svizzera. Lo indica la Segreteria di Stato dell’economia (Seco) in una pubblicazione odierna ad hoc.

La Svizzera dispone di una rete molto sviluppata di Als. Queste intese offrono agli operatori economici in Svizzera e nei Paesi partner un migliore accesso al mercato in quanto prevedono condizioni doganali più vantaggiose. Gli Als permettono così alle imprese elvetiche di migliorare la loro competitività sul mercato interno e all’estero, indica la Seco.

Stando al ‘Monitoraggio degli Als 2020’, due anni fa la Svizzera ha importato dai Paesi partner di tali accordi prodotti per un valore di 214,26 miliardi di franchi.

Le analisi della Seco, come è d’uopo nelle statistiche sul commercio estero svizzero, non considerano però le importazioni di oro. Neppure i prodotti sottoposti a contingenti sono stati inclusi nell’analisi perché difficili da quantificare.

Le importazioni considerate nel monitoraggio hanno così raggiunto un valore di 165,44 miliardi di franchi. Su questo volume, le aziende svizzere hanno potuto risparmiare dazi doganali per un ammontare di 2,271 miliardi di franchi, una somma corrisponde all’89,2% dei risparmi ipoteticamente possibili.

Dalla sola Unione europea (Ue) – sempre escludendo l’oro – sono stati importati prodotti per 124,6 miliardi di franchi. I risparmi in questo caso ammontano a 1,958 miliardi.

I prodotti farmaceutici sono stati i più importati nel 2020, per un valore di 32,775 miliardi di franchi. Tuttavia, conformemente all’accordo sui farmaci dell’Organizzazione mondiale del commercio, questi beni sono esenti da dazi doganali, ha ricordato la Seco a Keystone-Ats. Seguono le importazioni di macchinari per un valore di 16,343 miliardi, le automobili (12,963 miliardi), i macchinari speciali (12,103 miliardi) e i gioielli (11,752 miliardi di franchi).

I maggiori risparmi tariffari sono stati realizzati sulle importazioni di materie plastiche, per un valore di 227 milioni di franchi. Seguono le importazioni di automobili (142 milioni) e quelle di macchinari (74 milioni).

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
accordi libero scambio aziende svizzere dazi doganali importazioni
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Economia
3 gior
Fallimenti aziendali in forte aumento in Svizzera
Il Ticino è fra i cantoni con meno casi di insolvenza. Lo rileva la Dun & Bradstreet
Economia
5 gior
Gli esperti dell’Ubs escludono un rapido calo dell’inflazione
Il rialzo dei prezzi proseguirà anche nel secondo semestre: il tasso annuale dovrebbe attestarsi al 3,1%. Raiffeisen rivede al ribasso le previsioni 2022
Economia
1 sett
Smartphone: crollano le spedizioni in Europa
‘Molti Paesi si stano avvicinando alla recessione, con maggiori tensioni politiche’, scrive Counterpoint Research che si attende una ripresa lunga e lenta
Economia
1 sett
Migliaia di impieghi a rischio a Credit Suisse
L’agenzia Bloomberg riferisce di un piano per attuare una drastica cura dimagrante nei prossimi anni. La banca non commenta
Economia
1 sett
Swiss torna in attivo nel primo semestre
Il fatturato è più che raddoppiato e il numero di passeggeri è quintuplicato. Nel 2020 e 2021 aveva registrato grandi perdite a causa della pandemia
Economia
1 sett
Boom di Airbnb: oltre 100 milioni di notti prenotate in 3 mesi
La piattaforma segna il record di prenotazioni per l’estate, che sarà la più redditizia di sempre. Ricavi in crescita del 58%
Economia
1 sett
Catastrofi naturali, danni per 75 miliardi nel primo semestre
Secondo la stima di Swiss Re, la cifra è inferiore sia a quella del 2021, sia alla media degli ultimi dieci anni
Economia
2 sett
Commercio al dettaglio, aumentato il fatturato a giugno
L’incremento è del 3,2% rispetto all’anno precedente. Lo ha rilevato l’Ufficio federale di statistica.
Economia
2 sett
Fatturato stagnante nel secondo trimestre per Sunrise
Buone notizie dal settore della telefonia mobile, con un aumento netto di 47mila abbonamenti
Economia
2 sett
Profondo rosso per Renault nel primo semestre dell’anno
L’uscita dal mercato russo dopo l’invasione dell’Ucraina pesa sulle casse della casa automobilistica: perdite per 1,6 miliardi di euro
© Regiopress, All rights reserved