laRegione
15.06.22 - 11:03
Aggiornamento: 11:46

Prezzi alla produzione e all’importazione sempre in crescita

Oltre ai prodotti petroliferi, più cari carne e legno. In controtendenza il settore farmaceutico e i computer

Ats, a cura de laRegione
prezzi-alla-produzione-e-all-importazione-sempre-in-crescita
Keystone
Mentre il resto sale, i prezzi dei prodotti farmaceutici calano

I prezzi alla produzione e all’importazione si confermano in sensibile aumento in Svizzera. In maggio il relativo indice calcolato dall’Ufficio federale di statistica (Ust) si è attestato a 109,4 punti, con una progressione dello 0,9% rispetto ad aprile e un incremento del 6,9% in confronto allo stesso periodo del 2021.

Nel dettaglio, per quanto riguarda il dato sui soli prezzi alla produzione – che mostra l’evoluzione dei prodotti indigeni – si è assistito a una crescita rispettivamente dello 0,4% (mese) e del 4,4% (anno), con un indice a 105,8 punti. Nel confronto con aprile sono diventati più cari soprattutto i prodotti petroliferi, le materie plastiche, i metalli, il gas, prodotti chimici, nonché la carne e il legno. Più a buon mercato sono invece diventati i prodotti farmaceutici.

Il secondo sottoindice, quello dei prezzi all’importazione, presenta un incremento rispettivamente del 2,0% e dell’11,9%, con un indice a 117,2. Si è dovuto pagare di più – nel paragone mensile – soprattutto per petrolio, gas e prodotti chimici, ma il costo è aumentato anche per plastiche, legno, metalli e prodotti farmaceutici di base. Fra i pochi articoli diventati meno cari figurano invece i computer.

L’indice dei prezzi alla produzione e all’importazione è un indicatore congiunturale che riflette l’andamento dell’offerta e della domanda sui mercati dei beni, spiegavano gli specialisti dell’Ust di Neuchâtel in una pubblicazione di qualche tempo fa. Rappresenta quindi l’espressione del concorso di vari fattori, tra i quali in particolare i cambiamenti in atto nelle strutture di mercato, nelle condizioni generali, nella produttività, nei tassi di cambio e nella globalizzazione economica.

Il dato è considerato un indicatore importante per capire lo sviluppo dei prezzi al consumo (cioè l’inflazione), poiché i costi di produzione sono normalmente trasferiti sui prodotti finali. Tuttavia mostra oscillazioni significativamente più marcate ed è molto più volatile a causa della forte dipendenza dalle materie prime.

Come noto il tema dell’inflazione figura ormai al primo posto nell’agenda economica mondiale, con i Paesi avanzati alle prese con tassi che non si vedevano da decenni. A titolo d’esempio il rincaro annuo si è attestato all’8,6% in maggio negli Stati Uniti, massimo da 40 anni e all’8,1% in aprile (ultimo dato disponibile) nell’Eurozona, record da quando è stata creata l’unione monetaria.

Anche in Svizzera i prezzi al consumo stanno aumentando, sebbene in modo meno marcato: nel quinto mese dell’anno il relativo indice è salito del 2,9% su base annua, massimo da quasi 14 anni.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
la banca in difficoltà
1 gior
‘I problemi di Credit Suisse risolti se venisse rilevata’
Secondo la SonntagsZeitung potrebbe essere acquisita dalla più piccola Julius Bär
Economia
1 sett
Profondo rosso all’orizzonte per Credit Suisse
Potrebbe raggiungere il miliardo e mezzo di franchi la perdita, ante-imposte, dell’ultimo trimestre dell’istituto di credito
Economia
2 sett
Splendori e miserie della globalizzazione
Il processo d’integrazione internazionale non è forse così malconcio come si dice. Ma si stanno formando nuovi ‘gruppi’ (e l’Ue potrebbe rafforzarsi)
Economia
3 sett
Ftx in bancarotta, trema il mondo delle criptovalute
Dalle stelle alle stalle: per Sam Banked-Fried, il ‘mago di Oz’ delle valute digitali, è il tramonto
Economia
3 sett
La Banca nazionale pensa ulteriori aumenti del tasso guida
Andréa Maechler anticipa le possibili mosse della Bns contro l’inflazione. E ricorda: ‘Il nostro compito non è fare utili’
Economia
3 sett
Costi dei sinistri compensati dall’aumento delle tariffe
Risultati in linea con le attese per Zurich Insurance per i primi nove mesi del 2022. Premi lordi cresciuti dell’8% nel ramo danni e incidenti
Economia
1 mese
Bce e Bank of England, linea dura anche con recessione
Avanti tutta col rialzo dei tassi d’interesse. La Banca centrale inglese li porta al 3%, ai massimi dal 2008.
Economia
1 mese
Elon Musk è ancora l’uomo più ricco al mondo
La posizione nella classifica del fondatore di Tesla e nuovo boss di Twitter nel Billionaires Index è stata confermata. Scivola invece Zuckerberg
Economia
1 mese
Microchip, come l’Europa cerca di risalire sul treno perso
La produzione è nelle mani di un manipolo di Paesi asiatici. Con il Chip Act ora l’Ue getta le basi di una politica industriale dei semiconduttori.
Economia
1 mese
La tesi controcorrente di George Muzinich sull’Italia
Il fondatore di Muzinich & Co. sostiene che ‘il Belpaese ha più di un buon numero da giocare’ e che è ben posizionata rispetto a Germania e Regno Unito
© Regiopress, All rights reserved