laRegione
banca-nazionale-pronta-a-misure-per-contrastare-l-inflazione
Keystone
Situazione monitorata in modo costante
23.05.22 - 17:02
Ats, a cura de laRegione

Banca nazionale pronta a misure per contrastare l’inflazione

L’inasprimento della politica monetaria è un’opzione qualora la situazione non dovesse migliorare. Maechler: ‘Fondamentale capirne la dinamica’

Se l’inflazione non rientrerà nella fascia d’obiettivo (0-2%) nel medio termine, la Banca nazionale svizzera (Bns) è pronta ad aumentare i tassi di interesse: "Non esiteremo a inasprire la nostra politica monetaria", ha dichiarato Andréa Maechler, membro della direzione generale della Bns, in un’intervista alla rivista Bilan.

L’inflazione in Svizzera ha raggiunto il 2,5% in aprile. "Oggi è fondamentale capire la dinamica dell’inflazione piuttosto che il suo livello. Attualmente, le pressioni provengono in gran parte da due fattori che consideriamo ancora transitori: l’aumento dei prezzi delle materie prime, dell’energia e di alcuni prodotti alimentari, nonché i ritardi nelle consegne legati alla produzione globale e alle strozzature nei trasporti", ha spiegato la dirigente. La banca centrale si aspetta una normalizzazione di questi fattori nei prossimi trimestri.

A differenza degli Stati Uniti, dove l’inflazione è trainata dai servizi e dalla crescita dei salari, in Svizzera il rincaro non ha una base così ampia. La Bns non si aspetta "un aumento diffuso e significativo dei salari che potrebbe aggiungersi agli attuali fattori inflazionistici", ha dichiarato Maechler. I rischi rimangono tuttavia "significativi".

La forza del franco

Per contenere l’alta inflazione, la banca centrale statunitense (Federal Reserve, Fed) ha iniziato ad aumentare i tassi e prevede diversi rialzi nei prossimi mesi. La Banca centrale europea (Bce) dal canto suo ha annunciato che abbandonerà i tassi negativi entro la fine del terzo trimestre.

"L’inflazione è ancora molto bassa in Svizzera rispetto all’estero, in parte a causa della forza del franco", ha detto Maechler. Ma se dovesse prendere piede, la Bns non esiterebbe a inasprire la propria politica monetaria. L’uscita dai tassi di interesse negativi è un’opzione. "Non appena saremo in grado di revocare il tasso di interesse negativo, lo faremo. Tuttavia, non sappiamo ancora quando saremo in grado di farlo".

Mentre negli ultimi anni la Bns è intervenuta regolarmente per frenare l’apprezzamento del franco sul mercato dei cambi e prevenire una potenziale deflazione nell’economia svizzera, la situazione attuale è ben diversa. "Con un’inflazione in Svizzera più bassa che all’estero, l’economia elvetica può tollerare un apprezzamento del franco in termini nominali senza risentirne troppo, perché in termini reali il valore del franco rimane stabile", ha dichiarato.

Sul mercato immobiliare, l’aumento dei tassi di interesse dovrebbe consentire di rallentare la crescita dei prezzi. "Tuttavia, un forte e rapido aumento dei tassi di interesse potrebbe innescare una correzione dei prezzi degli immobili. L’importante è che le banche siano in grado di assorbire una simile correzione", ha dichiarato Maechler.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
banca nazionale svizzera inflazione
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Economia
1 gior
Fallimenti aziendali in forte aumento in Svizzera
Il Ticino è fra i cantoni con meno casi di insolvenza. Lo rileva la Dun & Bradstreet
Economia
3 gior
Gli esperti dell’Ubs escludono un rapido calo dell’inflazione
Il rialzo dei prezzi proseguirà anche nel secondo semestre: il tasso annuale dovrebbe attestarsi al 3,1%. Raiffeisen rivede al ribasso le previsioni 2022
Economia
6 gior
Smartphone: crollano le spedizioni in Europa
‘Molti Paesi si stano avvicinando alla recessione, con maggiori tensioni politiche’, scrive Counterpoint Research che si attende una ripresa lunga e lenta
Economia
1 sett
Migliaia di impieghi a rischio a Credit Suisse
L’agenzia Bloomberg riferisce di un piano per attuare una drastica cura dimagrante nei prossimi anni. La banca non commenta
Economia
1 sett
Swiss torna in attivo nel primo semestre
Il fatturato è più che raddoppiato e il numero di passeggeri è quintuplicato. Nel 2020 e 2021 aveva registrato grandi perdite a causa della pandemia
Economia
1 sett
Boom di Airbnb: oltre 100 milioni di notti prenotate in 3 mesi
La piattaforma segna il record di prenotazioni per l’estate, che sarà la più redditizia di sempre. Ricavi in crescita del 58%
Economia
1 sett
Catastrofi naturali, danni per 75 miliardi nel primo semestre
Secondo la stima di Swiss Re, la cifra è inferiore sia a quella del 2021, sia alla media degli ultimi dieci anni
Economia
1 sett
Commercio al dettaglio, aumentato il fatturato a giugno
L’incremento è del 3,2% rispetto all’anno precedente. Lo ha rilevato l’Ufficio federale di statistica.
Economia
2 sett
Fatturato stagnante nel secondo trimestre per Sunrise
Buone notizie dal settore della telefonia mobile, con un aumento netto di 47mila abbonamenti
Economia
2 sett
Profondo rosso per Renault nel primo semestre dell’anno
L’uscita dal mercato russo dopo l’invasione dell’Ucraina pesa sulle casse della casa automobilistica: perdite per 1,6 miliardi di euro
© Regiopress, All rights reserved