laRegione
23.05.22 - 17:02

Banca nazionale pronta a misure per contrastare l’inflazione

L’inasprimento della politica monetaria è un’opzione qualora la situazione non dovesse migliorare. Maechler: ‘Fondamentale capirne la dinamica’

Ats, a cura de laRegione
banca-nazionale-pronta-a-misure-per-contrastare-l-inflazione
Keystone
Situazione monitorata in modo costante

Se l’inflazione non rientrerà nella fascia d’obiettivo (0-2%) nel medio termine, la Banca nazionale svizzera (Bns) è pronta ad aumentare i tassi di interesse: "Non esiteremo a inasprire la nostra politica monetaria", ha dichiarato Andréa Maechler, membro della direzione generale della Bns, in un’intervista alla rivista Bilan.

L’inflazione in Svizzera ha raggiunto il 2,5% in aprile. "Oggi è fondamentale capire la dinamica dell’inflazione piuttosto che il suo livello. Attualmente, le pressioni provengono in gran parte da due fattori che consideriamo ancora transitori: l’aumento dei prezzi delle materie prime, dell’energia e di alcuni prodotti alimentari, nonché i ritardi nelle consegne legati alla produzione globale e alle strozzature nei trasporti", ha spiegato la dirigente. La banca centrale si aspetta una normalizzazione di questi fattori nei prossimi trimestri.

A differenza degli Stati Uniti, dove l’inflazione è trainata dai servizi e dalla crescita dei salari, in Svizzera il rincaro non ha una base così ampia. La Bns non si aspetta "un aumento diffuso e significativo dei salari che potrebbe aggiungersi agli attuali fattori inflazionistici", ha dichiarato Maechler. I rischi rimangono tuttavia "significativi".

La forza del franco

Per contenere l’alta inflazione, la banca centrale statunitense (Federal Reserve, Fed) ha iniziato ad aumentare i tassi e prevede diversi rialzi nei prossimi mesi. La Banca centrale europea (Bce) dal canto suo ha annunciato che abbandonerà i tassi negativi entro la fine del terzo trimestre.

"L’inflazione è ancora molto bassa in Svizzera rispetto all’estero, in parte a causa della forza del franco", ha detto Maechler. Ma se dovesse prendere piede, la Bns non esiterebbe a inasprire la propria politica monetaria. L’uscita dai tassi di interesse negativi è un’opzione. "Non appena saremo in grado di revocare il tasso di interesse negativo, lo faremo. Tuttavia, non sappiamo ancora quando saremo in grado di farlo".

Mentre negli ultimi anni la Bns è intervenuta regolarmente per frenare l’apprezzamento del franco sul mercato dei cambi e prevenire una potenziale deflazione nell’economia svizzera, la situazione attuale è ben diversa. "Con un’inflazione in Svizzera più bassa che all’estero, l’economia elvetica può tollerare un apprezzamento del franco in termini nominali senza risentirne troppo, perché in termini reali il valore del franco rimane stabile", ha dichiarato.

Sul mercato immobiliare, l’aumento dei tassi di interesse dovrebbe consentire di rallentare la crescita dei prezzi. "Tuttavia, un forte e rapido aumento dei tassi di interesse potrebbe innescare una correzione dei prezzi degli immobili. L’importante è che le banche siano in grado di assorbire una simile correzione", ha dichiarato Maechler.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Economia
1 gior
Il ‘momento critico’ di Credit Suisse scuote la Borsa
Le dichiarazioni rilasciate venerdì dal Ceo Ulrich Körner si sono ripercosse sulle quotazioni dell’istituto di credito
Economia
1 sett
Tonfo Credit Suisse: le azioni crollano a poco più di 4 franchi
Da inizio anno il titolo ha perso il 48% del suo valore, il 16% solo nell’ultimo mese. L’apice l’aveva invece raggiunto nel 2000: 96,50 franchi
Economia
2 sett
Credit Suisse sborsa oltre 32 milioni: ‘Ci rallegriamo’
La banca elvetica passa alla cassa per risolvere una denuncia collettiva sulla qualità della gestione dei rischi negli Stati Uniti
Economia
2 sett
Rete elettrica, ‘la Svizzera non è un’isola’
Swissgrid investe 2,5 miliardi per le linee, ma il rischio è che le tensioni con l’Europa portino a problemi di collegamento e approvvigionamento
Economia
3 sett
Agosto col segno negativo per le casse pensioni
Il calo medio, dopo la deduzione delle commissioni, è stato dell’1,45%, che fissa a -7,87% quello da inizio anno
Economia
3 sett
Da Novartis 100 milioni per il campus di Basilea
L’importante investimento servirà a sviluppare il ramo delle bioterapie. Previsto un nuovo centro per lo sviluppo tecnico precoce
Economia
3 sett
Ermotti: ‘Non è così importante il numero di banche’
In un’intervista rilasciata alla stampa d’oltre Gottardo l’ex ceo di Ubs ha risposto con un ‘no comment’ sulla sua posizione al Credit Suisse
Economia
4 sett
Una capsula per il caffè che non è una... capsula
Per contrastare i rifiuti e favorire la sostenibilità Migros ha lanciato sul mercato una nuova macchina che non utilizza plastica né alluminio
Economia
4 sett
Porsche entra in Borsa e segna una quotazione da record
Le azioni del noto marchio di auto di lusso saranno quotate a Francoforte a fine settembre-inizio ottobre
Economia
4 sett
Settore assicurativo e nuova normalità, una tavola rotonda
Il Centro studi Villa Negroni ha promosso una discussione sulle peculiarità necessarie per superare il momento di crisi: intelligenza artificiale su tutte
© Regiopress, All rights reserved