laRegione
04.05.22 - 22:10

La Fed alza i tassi di mezzo punto percentuale

Si tratta dell’aumento maggiore dal 2000. Pesano i timori per l’inflazione e le conseguenze della guerra in Ucraina

a cura de laRegione
la-fed-alza-i-tassi-di-mezzo-punto-percentuale
Keystone
Il presidente della Federal Reserve Jerome Powell

New York - La Fed alza i tassi di interesse di mezzo punto percentuale per la prima volta dal 2000. Una stretta forte e decisa per combattere un’inflazione che galoppa e che rischia di accelerare con la guerra in Ucraina e i lockdown in Cina. Confermandosi falco, la banca centrale americana annuncia anche l’avvio della riduzione del suo bilancio, schizzato a 9mila miliardi di dollari con la pandemia. Il processo inizierà il 1° di giugno a una velocità di 47,5 miliardi di dollari al mese, ma non è escluso che possa successivamente aumentare.

"L’inflazione è troppo alta ed è essenziale abbassarla" per promuovere una crescita a beneficio di tutti, afferma Jerome Powell aprendo la sua prima conferenza stampa in persona in due anni e rivolgendosi direttamente agli americani. "La Fed ha gli strumenti per ridurla e si sta muovendo rapidamente per farlo", aggiunge il presidente della Fed aprendo a ulteriori rialzi da mezzo punto percentuale nelle prossime riunioni. L’inflazione negli Stati Uniti è in corsa ormai da mesi e in marzo è volata all’8,5%, il livello più alto da quaranta anni, mentre nei paesi Ocse è salita addirittura all’8,8%, ai massimi dal 1988.

Al momento non si intravede all’orizzonte negli Stati Uniti una frenata dei prezzi nonostante il rallentamento dell’economia, che nel primo trimestre si è contratta a sorpresa dell’1,4%. L’invasione dell’Ucraina è probabile che crei "ulteriori pressioni al rialzo per l’inflazione oltre a pesare sull’attiività economica. Inoltre i lockdown per il Covid in Cina potrebbero esacerbare le difficoltà delle catene di approvvigionamento. La Fed è molto attenta ai rischi di inflazione", il cui livello attuale riflette gli squilibri fra l’offerta e la domanda, si legge nel comunicato finale diffuso al termine della due giorni di riunione. Nel tentativo di stemperare i timori ormai diffusi di stagflazione, Powell assicura che l’economia americana è forte e può sopportare una politica monetaria meno accomodante. Una recessione nel 2023 è data quasi per scontata dagli analisti, ma la vera paura è quella di un’inflazione alta e di una crescita bassa, un fenomeno molto più difficile da combattere. "Ci attendiamo che l’inflazione torni all’obiettivo del 2% e il mercato del lavoro resti forte", osserva comunque la Fed ribadendo di essere in grado di traghettare l’economia americana a un atterraggio morbido. "Ci sono buone chance" che questo accada, spiega Powell ritenendo "ulteriori aumenti dei tassi di interesse appropriati". La Fed ha aperto il periodo di rialzi dei tassi di interesse più aggressivo della sua storia, è la convinzione di molti analisti secondo i quali in giugno la banca centrale potrebbe alzare il costo del denaro di addirittura 75 punti base. E questo perché - è l’idea dei critici - è stata troppo colomba e ora è in ritardo nella battaglia contro il caro-prezzi. da qui la necessità di agire con rapidità ma con l’elevato rischio di far scivolare l’economia in recessione. L’ipotesi di una stretta da 75 punti base, spiega Powell, non "è considerata attivamente" dalla Fed. La banca centrale avrebbe dovuto alzare i tassi prima, dice senza esitazione l’amministratore delegato di JPMorgan, Jamie Dimon descrivendo come "forte" l’economia americana e quindi in grado di sopportare i rialzi della Fed. Sulle prospettive economiche, ammette però Dimon, pesa l’incertzza dell’Ucraina, che è il rischio maggiore. Nel caso in cui il conflitto dovesse peggiorare, l’Europa potrebbe scivolare in recessione e questo rischierebbe di infliggere un duro colpo alla ripresa americana. Dopo una seduta cauta e una reazione fredda all’atteso rialzo dei tassi di interesse da mezzo punto percentuale, Wall Street avanza decisa, con i listini che brindano a Powell e all’esclusione di un aumento dei tassi da 75 punti base in giugno.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Economia
1 sett
Profondo rosso all’orizzonte per Credit Suisse
Potrebbe raggiungere il miliardo e mezzo di franchi la perdita, ante-imposte, dell’ultimo trimestre dell’istituto di credito
Economia
2 sett
Splendori e miserie della globalizzazione
Il processo d’integrazione internazionale non è forse così malconcio come si dice. Ma si stanno formando nuovi ‘gruppi’ (e l’Ue potrebbe rafforzarsi)
Economia
3 sett
Ftx in bancarotta, trema il mondo delle criptovalute
Dalle stelle alle stalle: per Sam Banked-Fried, il ‘mago di Oz’ delle valute digitali, è il tramonto
Economia
3 sett
La Banca nazionale pensa ulteriori aumenti del tasso guida
Andréa Maechler anticipa le possibili mosse della Bns contro l’inflazione. E ricorda: ‘Il nostro compito non è fare utili’
Economia
3 sett
Costi dei sinistri compensati dall’aumento delle tariffe
Risultati in linea con le attese per Zurich Insurance per i primi nove mesi del 2022. Premi lordi cresciuti dell’8% nel ramo danni e incidenti
Economia
1 mese
Bce e Bank of England, linea dura anche con recessione
Avanti tutta col rialzo dei tassi d’interesse. La Banca centrale inglese li porta al 3%, ai massimi dal 2008.
Economia
1 mese
Elon Musk è ancora l’uomo più ricco al mondo
La posizione nella classifica del fondatore di Tesla e nuovo boss di Twitter nel Billionaires Index è stata confermata. Scivola invece Zuckerberg
Economia
1 mese
Microchip, come l’Europa cerca di risalire sul treno perso
La produzione è nelle mani di un manipolo di Paesi asiatici. Con il Chip Act ora l’Ue getta le basi di una politica industriale dei semiconduttori.
Economia
1 mese
La tesi controcorrente di George Muzinich sull’Italia
Il fondatore di Muzinich & Co. sostiene che ‘il Belpaese ha più di un buon numero da giocare’ e che è ben posizionata rispetto a Germania e Regno Unito
Economia
1 mese
Credit Suisse cancellerà 540 posti in Svizzera entro fine 2022
Il piano di risanamento varato dall’istituto di credito dovrebbe portare alla raccolta di 4 miliardi di franchi tramite l’emissione di nuove azioni
© Regiopress, All rights reserved