laRegione
22.04.22 - 18:03
Aggiornamento: 18:23

Covid, crollo della produzione industriale a Shanghai

In marzo l’attività manifatturiera si è contratta del 7,5% a causa delle misure sanitarie per contenere l’epidemia di Omicron

Ansa, a cura de laRegione
covid-crollo-della-produzione-industriale-a-shanghai
Keystone
Le auotrità cinesi hanno decretato un lockdown per 26 milioni di abitanti

Pechino – L’ondata di Covid-19 ha causato a Shanghai una contrazione della produzione industriale a marzo pari al 7,5% annuo per la prima volta da marzo 2020 a causa delle misure draconiane di contenimento della variante Omicron.

Lo ha riferito Wu Jincheng, presidente dell’agenzia di pianificazione economica dell’hub finanziario cinese, precisando che nel primo trimestre 2022 la crescita ha accusato un rallentamento a +4,8%. Le statistiche diffuse oggi non hanno incluso le fabbriche più piccole e i dati comparativi per il quarto trimestre 2021.

Il trend, tuttavia, è preoccupante considerando che Shanghai genera quasi il 5% del Pil cinese, avendo manifatture avanzate come Tesla e Smic, il colosso dei semiconduttori del Dragone. Nel 2021 il valore aggiunto della produzione del settore industriale ha toccato per la prima volta la cifra di 1’000 miliardi di yuan (155 miliardi di dollari), la più alta tra tutte le città del Paese.

Ad oggi, hanno riferito i media cinesi, il 70% delle 666 imprese chiave individuate a Shanghai dal Ministero dell’industria e dell’Information Technology ha ripreso le attività dopo la chiusura provocata dal lockdown di fine marzo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Economia
6 gior
Profondo rosso all’orizzonte per Credit Suisse
Potrebbe raggiungere il miliardo e mezzo di franchi la perdita, ante-imposte, dell’ultimo trimestre dell’istituto di credito
Economia
1 sett
Splendori e miserie della globalizzazione
Il processo d’integrazione internazionale non è forse così malconcio come si dice. Ma si stanno formando nuovi ‘gruppi’ (e l’Ue potrebbe rafforzarsi)
Economia
2 sett
Ftx in bancarotta, trema il mondo delle criptovalute
Dalle stelle alle stalle: per Sam Banked-Fried, il ‘mago di Oz’ delle valute digitali, è il tramonto
Economia
2 sett
La Banca nazionale pensa ulteriori aumenti del tasso guida
Andréa Maechler anticipa le possibili mosse della Bns contro l’inflazione. E ricorda: ‘Il nostro compito non è fare utili’
Economia
2 sett
Costi dei sinistri compensati dall’aumento delle tariffe
Risultati in linea con le attese per Zurich Insurance per i primi nove mesi del 2022. Premi lordi cresciuti dell’8% nel ramo danni e incidenti
Economia
3 sett
Bce e Bank of England, linea dura anche con recessione
Avanti tutta col rialzo dei tassi d’interesse. La Banca centrale inglese li porta al 3%, ai massimi dal 2008.
Economia
3 sett
Elon Musk è ancora l’uomo più ricco al mondo
La posizione nella classifica del fondatore di Tesla e nuovo boss di Twitter nel Billionaires Index è stata confermata. Scivola invece Zuckerberg
Economia
4 sett
Microchip, come l’Europa cerca di risalire sul treno perso
La produzione è nelle mani di un manipolo di Paesi asiatici. Con il Chip Act ora l’Ue getta le basi di una politica industriale dei semiconduttori.
Economia
4 sett
La tesi controcorrente di George Muzinich sull’Italia
Il fondatore di Muzinich & Co. sostiene che ‘il Belpaese ha più di un buon numero da giocare’ e che è ben posizionata rispetto a Germania e Regno Unito
Economia
1 mese
Credit Suisse cancellerà 540 posti in Svizzera entro fine 2022
Il piano di risanamento varato dall’istituto di credito dovrebbe portare alla raccolta di 4 miliardi di franchi tramite l’emissione di nuove azioni
© Regiopress, All rights reserved