laRegione
14.04.22 - 11:05
Aggiornamento: 15:10

Bns ‘poco trasparente e direzione troppo piccola’

Il gruppo di economisti Snb-Observatory torna a criticare la Banca nazionale svizzera

Ats, a cura de laRegione
bns-poco-trasparente-e-direzione-troppo-piccola
Keystone

Il gruppo di economisti che agisce con il nome di Snb-Observatory torna a criticare la Banca nazionale svizzera (Bns): l’istituto è giudicato poco trasparente e il suo organo di direzione, composto da tre membri, viene ritenuto troppo piccolo.

"La Bns dovrebbe essere più trasparente: dovrebbe non solo rendere note le sue decisioni di politica monetaria, ma anche spiegare le linee d’azione alternative che sono state considerate e le ragioni per cui sono state scartate", affermano in un documento pubblicato la notte scorsa i tre esperti di Snb-Observatory. Si tratta, come noto, del professore dell’università di Basilea Yvan Lengwiler (ex consulente della Bns e membro della Finma, l’Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari), del professore emerito ginevrino Charles Wyplosz, nonché di Stefan Gerlach, capoeconomista della banca privata Efg (quella che sei anni or sono ha rilevato la luganese Bsi) nonché ex vicegovernatore della banca centrale irlandese.

‘Fornire informazioni sulla diversità di opinioni all’interno della direzione’

Gli specialisti reputano inoltre necessario fornire informazioni sulla diversità di opinioni all’interno della direzione della Bns. Ma più in generale viene osservato come la legge sulla Banca nazionale risalga al 2003: dovrebbe essere adattata per adempiere meglio alla sua missione, considerando che il mondo delle banche centrali ha subito notevoli cambiamenti negli ultimi due decenni.

La Bns si distingue nel confronto internazionale per il suo alto grado di indipendenza, ma questo non è sufficiente per condurre una buona politica monetaria, si legge nel rapporto. Tale indipendenza deve andare di pari passo con un maggiore obbligo di informazione: e in questo campo l’istituto guidato da Thomas Jordan figura in fondo alla classifica, secondo gli esperti.

‘Informazioni limitate sulle prospettive economiche’

A loro avviso la banca, nelle sue pubblicazioni e prese di posizione, fornisce solo informazioni limitate sulle prospettive economiche e sulle sue opzioni di politica monetaria. Numerosi altri istituti centrali sono molto indipendenti, ma allo stesso tempo obbligati a rendere conto di quanto fanno.

Inoltre la direzione generale, l’organo decisionale, è più piccolo che in altre analoghe entità: conta solo tre persone (attualmente, oltre al presidente Jordan, il vicepresidente Fritz Zurbrügg – che quest’anno andrà in pensione – e Andréa Maechler). Stando ai membri dell’osservatorio sulla Bns la dimensione è importante per la profondità e la solidità delle delibere. In gioco vi è anche la legittimità democratica. Secondo gli esperti il consiglio esecutivo dovrebbe quindi essere ampliato, per esempio includendo membri esterni.

Guardando alla durata del mandato dei direttori, gli economisti credono anche che l’attuale pratica del rinnovo automatico del mandato sino al pensionamento dovrebbe essere riconsiderata. Il periodo in carica dovrebbe essere abbastanza lungo per assicurare l’indipendenza e per beneficiare dell’esperienza acquisita. Mandati troppo lunghi possono però anche impedire l’arrivo di nuove competenze.

Infine secondo Snb-Observatory – che ha cominciato a pubblicare i suoi rapporti nel gennaio 2021 – la Bns, come molte importanti banche centrali e istituzioni finanziarie pubbliche, dovrebbe sottoporre regolarmente alcuni aspetti delle sue operazioni a una revisione esterna.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Economia
1 gior
Pedrotti: ‘Nel 2022 costellazione di eventi negativi completa’
Il direttore regionale di Ubs Ticino fa il bilancio dell’anno che sta finendo e con Elena Guglielmin e Matteo Ramenghi traccia una previsione sul futuro
la banca in difficoltà
4 gior
‘I problemi di Credit Suisse risolti se venisse rilevata’
Secondo la SonntagsZeitung potrebbe essere acquisita dalla più piccola Julius Bär
Economia
2 sett
Profondo rosso all’orizzonte per Credit Suisse
Potrebbe raggiungere il miliardo e mezzo di franchi la perdita, ante-imposte, dell’ultimo trimestre dell’istituto di credito
Economia
2 sett
Splendori e miserie della globalizzazione
Il processo d’integrazione internazionale non è forse così malconcio come si dice. Ma si stanno formando nuovi ‘gruppi’ (e l’Ue potrebbe rafforzarsi)
Economia
3 sett
Ftx in bancarotta, trema il mondo delle criptovalute
Dalle stelle alle stalle: per Sam Banked-Fried, il ‘mago di Oz’ delle valute digitali, è il tramonto
Economia
3 sett
La Banca nazionale pensa ulteriori aumenti del tasso guida
Andréa Maechler anticipa le possibili mosse della Bns contro l’inflazione. E ricorda: ‘Il nostro compito non è fare utili’
Economia
4 sett
Costi dei sinistri compensati dall’aumento delle tariffe
Risultati in linea con le attese per Zurich Insurance per i primi nove mesi del 2022. Premi lordi cresciuti dell’8% nel ramo danni e incidenti
Economia
1 mese
Bce e Bank of England, linea dura anche con recessione
Avanti tutta col rialzo dei tassi d’interesse. La Banca centrale inglese li porta al 3%, ai massimi dal 2008.
Economia
1 mese
Elon Musk è ancora l’uomo più ricco al mondo
La posizione nella classifica del fondatore di Tesla e nuovo boss di Twitter nel Billionaires Index è stata confermata. Scivola invece Zuckerberg
Economia
1 mese
Microchip, come l’Europa cerca di risalire sul treno perso
La produzione è nelle mani di un manipolo di Paesi asiatici. Con il Chip Act ora l’Ue getta le basi di una politica industriale dei semiconduttori.
© Regiopress, All rights reserved