laRegione
29.03.22 - 20:25

L‘allarme Fmi: ’L’impatto della guerra sarà ad ampio raggio’

Secondo il Fondo monetario internazionale, l’Ucraina avrà conseguenze “devastanti”, la Russia “molto negative”, ma gli effetti saranno globali

Ansa / Ats, a cura de laRegione
l-allarme-fmi-l-impatto-della-guerra-sara-ad-ampio-raggio
Keystone
Il Fondo monetario internazionale

È Kristalina Georgieva, la direttrice generale del Fmi a Dubai per il World Government Summit, a tracciare uno scenario complicato, con la previsione di un +1,5% da aggiungere all’inflazione mondiale, e stime di crescita che verranno riviste in peggio al prossimo World Economic Outlook. Con il conflitto che non si ferma e la guerra parallela delle sanzioni, mentre Russia e i suoi avversari giocano al poker del default e a quello del gas da pagare in rubli, la valutazione del Fmi è che la guerra avrà conseguenze "ad ampio raggio".

Per un’economia globale che stava uscendo dallo shock pandemico, e in cui "la crescita è scesa, l’inflazione è salita", l’innesco di una crisi può arrivare ovunque. Tanto che dalla "unità di crisi" creata appositamente dal Fmi sono al lavoro - spiega Georgieva - per "identificare chiaramente i Paesi a più alto rischio ed essere pronti per loro": c’è un cuscinetto di 650 miliardi di dollari di riserve in diritti speciali di prelievo approntati lo scorso anno, ma il Fmi si aspetta che diversi paesi avranno bisogno d’aiuto.

Il pensiero va immediatamente ai Paesi emergenti, visto che la stretta sui tassi della Fed rischia di essere uno shock per alcuni di questi fra i più indebitati in dollari. Anche la Bce sembra diretta verso una normalizzazione: il capo economista Philip Lane non esclude un rialzo dei tassi a fine anno, i trader del mercato monetario scommettono su un intero punto percentuale in più entro marzo 2023. E così scendono i titoli di Stato europei, specie il Btp italiano che ha visto il rendimento decennale salire oltre il 2,2%, nuovo massimo dal gennaio del 2019. È un rialzo generalizzato dei rendimenti, per questo lo spread è relativamente stabile poco sopra 150.

Per ora, gli inneschi principali di una potenziale crisi finanziaria si vedono sui prezzi del gas, oggi balzato di oltre il 10% fra fattori climatici che indeboliscono l’offerta della Norvegia, e il rischio di una rottura definitiva fra Vladimir Putin, che vorrebbe il pagamento in rubli, e i leader del G7 che intendono far valere i contratti esistenti. E poi sul rischio-default della Russia e dei suoi "satelliti". L’Ucraina perderà un terzo del Pil, Mosca va verso una recessione del 10% quest’anno che proseguirà il prossimo, ma pagando oggi ulteriori 102 milioni di dollari di cedole sui bond le autorità del Paese confermano di voler scongiurare un’insolvenza.

Ma c’è un ulteriore "trigger" di crisi finora rimasto nell’ombra, ed è la Bielorussia. Paese stretto alleato di Mosca, a un passo dal coinvolgimento diretto nella guerra, con un Pil di appena 60 miliardi di dollari e appena 3,3 miliardi di debito verso l’estero, ma una dipendenza economica dalla Russia che ne fanno un candidato ideale per il default viste le sanzioni estese al suo leader Alexander Lukashenko. Alcuni gli investitori definiscono un default bielorusso inevitabile e ricordano che ad avere in pancia debito del paese sono fondi di primo piano come Franklin, Fidelity e Capital Group. Uno stato-cliente di Mosca con riserve per appena 3,9 miliardi che, secondo Moody’s, si esauriranno rapidamente togliendo a Lukashenko - confermato in contestatissime elezioni - il salvagente che ancora tiene a galla Mosca.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Economia
1 sett
Tonfo Credit Suisse: le azioni crollano a poco più di 4 franchi
Da inizio anno il titolo ha perso il 48% del suo valore, il 16% solo nell’ultimo mese. L’apice l’aveva invece raggiunto nel 2000: 96,50 franchi
Economia
1 sett
Credit Suisse sborsa oltre 32 milioni: ‘Ci rallegriamo’
La banca elvetica passa alla cassa per risolvere una denuncia collettiva sulla qualità della gestione dei rischi negli Stati Uniti
Economia
1 sett
Rete elettrica, ‘la Svizzera non è un’isola’
Swissgrid investe 2,5 miliardi per le linee, ma il rischio è che le tensioni con l’Europa portino a problemi di collegamento e approvvigionamento
Economia
2 sett
Agosto col segno negativo per le casse pensioni
Il calo medio, dopo la deduzione delle commissioni, è stato dell’1,45%, che fissa a -7,87% quello da inizio anno
Economia
2 sett
Da Novartis 100 milioni per il campus di Basilea
L’importante investimento servirà a sviluppare il ramo delle bioterapie. Previsto un nuovo centro per lo sviluppo tecnico precoce
Economia
2 sett
Ermotti: ‘Non è così importante il numero di banche’
In un’intervista rilasciata alla stampa d’oltre Gottardo l’ex ceo di Ubs ha risposto con un ‘no comment’ sulla sua posizione al Credit Suisse
Economia
3 sett
Una capsula per il caffè che non è una... capsula
Per contrastare i rifiuti e favorire la sostenibilità Migros ha lanciato sul mercato una nuova macchina che non utilizza plastica né alluminio
Economia
3 sett
Porsche entra in Borsa e segna una quotazione da record
Le azioni del noto marchio di auto di lusso saranno quotate a Francoforte a fine settembre-inizio ottobre
Economia
3 sett
Settore assicurativo e nuova normalità, una tavola rotonda
Il Centro studi Villa Negroni ha promosso una discussione sulle peculiarità necessarie per superare il momento di crisi: intelligenza artificiale su tutte
Economia
3 sett
Pil progredito in Svizzera del 2,8% su un anno
Traino l’aumento della spesa dei consumatori dovuto all’abolizione delle misure contro il Covid-19
© Regiopress, All rights reserved