laRegione
22.03.22 - 13:31
Aggiornamento: 14:21

Bns, i direttori restano fra più pagati al mondo

I vertici della Banca nazionale svizzera, che si può considerare impresa parapubblica, guadagnano sei volte quanto il presidente della Federal Reserve

Ats, a cura de laRegione
bns-i-direttori-restano-fra-piu-pagati-al-mondo
Keystone

Anche nel secondo anno della pandemia i tre membri della direzione della Banca nazionale svizzera (Bns) si confermano fra i più pagati al mondo: i vertici dell’istituto guadagnano sei volte quanto il presidente della Federal Reserve, la più importante banca centrale del pianeta.

Stando al rapporto d’esercizio 2021 pubblicato oggi, la pioggia di denaro ha interessato il presidente della Bns Thomas Jordan (1,25 milioni), il vicepresidente Fritz Zurbrügg (1,12 milioni) e Andréa Maechler (1,26 milioni). Le cifre si compongono di stipendio, compensi vari, nonché contributi del datore di lavoro a schemi previdenziali e Avs. La remunerazione complessiva del terzetto si attesta a 3,6 milioni, 82mila franchi in meno del 2020.

Quasi il triplo della retribuzione di un consigliere federale

I membri della direzione confermano così il divario fra i loro compensi e quelli di chi fa parte del governo elvetico o dei comuni salariati. In base alle retribuzioni in vigore il lavoro dei direttori della Bns vale infatti quasi il triplo di quello di un consigliere federale (che incassa 455’000 franchi), 15 volte più di quello di un stipendiato medio elvetico e 19 volte più di quello di un ticinese.

Notevoli differenze rispetto ad altri grandi banchieri centrali

Contrariamente alle retribuzioni elargite ai top manager delle aziende, che trovano a volte corrispettivi anche in analoghe realtà estere, specialmente americane, le remunerazioni della Bns sono inoltre di gran lunga le più elevate al mondo fra quelle dei grandi banchieri centrali, stando ai dati reperibili sulla stampa.

A titolo di paragone, il presidente della Federal Reserve americana, Jerome Powell, si accontenta di circa 204mila dollari, cioè sei volte di meno. La presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde guadagna più di lui, ma non va oltre i 503mila euro. Sia Powell che Lagarde hanno anche una posizione molto più esposta dei corrispettivi dirigenti elvetici: le loro parole sono in grado di cambiare notevolmente i corsi sui mercati finanziari, con effetti a cascata per ampi segmenti dell’economia mondiale.

Il tema degli stipendi dei manager delle aziende legate alla Confederazione quali Swisscom, Ffs, La posta, Ruag, Suva, Skyguide e Srg Ssr finisce regolarmente nell’agenda politica. Scarsa discussione suscitano per contro i compensi alla Bns: molto più dibattuto è l’impatto della politica monetaria della banca orientata a tassi d’interesse negativi, che secondo l’istituto sono necessari per limitare il rafforzamento del franco, mentre stando ai critici provocano distorsioni e non hanno una sufficiente base democratica.

Pur essendo anche quotata in Borsa, la Bns può essere considerata un’impresa parapubblica: è una società anonima retta da norme speciali (in particolare la Legge sulla Banca nazionale) e amministrata con il concorso e sotto la sorveglianza della Confederazione. Alla fine di dicembre i Cantoni e le banche cantonali detenevano il 50,8% del capitale azionario e il 76,1% delle azioni con diritto di voto. La Confederazione non è azionista.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
la banca in difficoltà
2 ore
‘I problemi di Credit Suisse risolti se venisse rilevata’
Secondo la SonntagsZeitung potrebbe essere acquisita dalla più piccola Julius Bär
Economia
1 sett
Profondo rosso all’orizzonte per Credit Suisse
Potrebbe raggiungere il miliardo e mezzo di franchi la perdita, ante-imposte, dell’ultimo trimestre dell’istituto di credito
Economia
2 sett
Splendori e miserie della globalizzazione
Il processo d’integrazione internazionale non è forse così malconcio come si dice. Ma si stanno formando nuovi ‘gruppi’ (e l’Ue potrebbe rafforzarsi)
Economia
3 sett
Ftx in bancarotta, trema il mondo delle criptovalute
Dalle stelle alle stalle: per Sam Banked-Fried, il ‘mago di Oz’ delle valute digitali, è il tramonto
Economia
3 sett
La Banca nazionale pensa ulteriori aumenti del tasso guida
Andréa Maechler anticipa le possibili mosse della Bns contro l’inflazione. E ricorda: ‘Il nostro compito non è fare utili’
Economia
3 sett
Costi dei sinistri compensati dall’aumento delle tariffe
Risultati in linea con le attese per Zurich Insurance per i primi nove mesi del 2022. Premi lordi cresciuti dell’8% nel ramo danni e incidenti
Economia
1 mese
Bce e Bank of England, linea dura anche con recessione
Avanti tutta col rialzo dei tassi d’interesse. La Banca centrale inglese li porta al 3%, ai massimi dal 2008.
Economia
1 mese
Elon Musk è ancora l’uomo più ricco al mondo
La posizione nella classifica del fondatore di Tesla e nuovo boss di Twitter nel Billionaires Index è stata confermata. Scivola invece Zuckerberg
Economia
1 mese
Microchip, come l’Europa cerca di risalire sul treno perso
La produzione è nelle mani di un manipolo di Paesi asiatici. Con il Chip Act ora l’Ue getta le basi di una politica industriale dei semiconduttori.
Economia
1 mese
La tesi controcorrente di George Muzinich sull’Italia
Il fondatore di Muzinich & Co. sostiene che ‘il Belpaese ha più di un buon numero da giocare’ e che è ben posizionata rispetto a Germania e Regno Unito
© Regiopress, All rights reserved