laRegione
julius-bar-annovera-tra-i-suoi-clienti-persone-sanzionate
Keystone
21.03.22 - 10:44
Aggiornamento: 14:53
Ats, a cura de laRegione

Julius Bär annovera tra i suoi clienti persone sanzionate

Tuttavia, la banca afferma che la sua esposizione alla Russia non è significativa

Il gestore patrimoniale Julius Bär ha rapporti d’affari con persone colpite dalle sanzioni imposte dai Paesi occidentali e dai loro alleati dopo l’invasione dell’Ucraina. Tuttavia, la banca dice che la sua esposizione alla Russia non è significativa.

La banca di Zurigo ha un impegno di credito con pochi clienti – meno di dieci – colpiti dalle sanzioni. Si tratterebbe di prestiti ipotecari a basso rischio per immobili residenziali in Europa occidentale, ha detto la banca oggi, senza tuttavia fornire ulteriori dettagli, in particolare sulla nazionalità di queste persone. Il gruppo menziona anche i crediti lombard interamente garantiti da liquidità, un impegno presentato come "marginale" nella dichiarazione.

Julius Bär ha anche detto di aver ridotto a zero la sua esposizione agli asset russi a febbraio, compresi quelli scambiati fuori dalla Russia.

La banca ha ridotto le sue attività in Russia

A fine dicembre 2021 il valore netto d’inventario della filiale di consulenza russa Julius Bär Cis, con sede a Mosca, ammontava a 0,4 milioni di franchi. La banca ha ridotto le sue attività nel Paese, pur garantendo la sicurezza dei suoi dipendenti, ha detto il comunicato.

Julius Bär assicura di star rispettando tutte le leggi e i regolamenti applicabili, comprese le sanzioni internazionali. Dallo scoppio della guerra non ha intrapreso nessuna nuova relazione d’affari con clienti residenti in Russia.

Il congelamento dei beni e delle "risorse economiche" è una delle principali misure che le banche in Svizzera devono applicare alle persone colpite da sanzioni internazionali. Sul suo sito web, la Segreteria di Stato dell’economia (Seco) menziona anche un divieto di nuovi prestiti.

Più in generale, gli istituti finanziari in Svizzera devono rifiutare qualsiasi nuovo deposito superiore a 100mila franchi da cittadini russi e da persone fisiche o giuridiche con sede in Russia. I depositi esistenti che superano questa somma devono essere notificati alle autorità competenti.

Cambio ai vertici

Lo scoppio della guerra ha già portato a una partenza all’interno di Julius Bär. Evgeni Smuschkovich, capo dell’Europa centrale e orientale, ha deciso di lasciare il gruppo di Zurigo per "proteggere la banca", ha riportato l’istituto in un comunicato separato, senza fornire ulteriori dettagli.

Stando al portale Inside Paradeplatz, che ha divulgato ieri la notizia, l’uscita di scena del manager sarebbe legata al fatto che la moglie dell’uomo è figlia dell’oligarca bielorusso Mikalai Varabei, nel mirino di sanzioni per i suoi rapporti con il presidente Alexander Lukashenko, alleato di Putin.

Donazione alla Croce Rossa

La banca ha accettato di donare due milioni di franchi alla Croce Rossa svizzera per il suo lavoro in Moldavia e Polonia e al Consiglio svizzero per i rifugiati. Altri 450mila franchi sono stati donati alla Croce Rossa svizzera attraverso la Fondazione Julius Bär.

In un commento, la Zürcher Kantonalbank ha sottolineato che l’esposizione di Julius Bär alla Russia non rappresenta un rischio particolare per la banca, che potrebbe essere più colpita dalle turbolenze sui mercati finanziari causate dal conflitto in Ucraina e dai suoi effetti sull’economia globale.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
banca julius bär russia russiaucraina sanzioni
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Economia
17 ore
Gli esperti dell’Ubs escludono un rapido calo dell’inflazione
Il rialzo dei prezzi proseguirà anche nel secondo semestre: il tasso annuale dovrebbe attestarsi al 3,1%. Raiffeisen rivede al ribasso le previsioni 2022
Economia
3 gior
Smartphone: crollano le spedizioni in Europa
‘Molti Paesi si stano avvicinando alla recessione, con maggiori tensioni politiche’, scrive Counterpoint Research che si attende una ripresa lunga e lenta
Economia
5 gior
Migliaia di impieghi a rischio a Credit Suisse
L’agenzia Bloomberg riferisce di un piano per attuare una drastica cura dimagrante nei prossimi anni. La banca non commenta
Economia
6 gior
Swiss torna in attivo nel primo semestre
Il fatturato è più che raddoppiato e il numero di passeggeri è quintuplicato. Nel 2020 e 2021 aveva registrato grandi perdite a causa della pandemia
Economia
6 gior
Boom di Airbnb: oltre 100 milioni di notti prenotate in 3 mesi
La piattaforma segna il record di prenotazioni per l’estate, che sarà la più redditizia di sempre. Ricavi in crescita del 58%
Economia
1 sett
Catastrofi naturali, danni per 75 miliardi nel primo semestre
Secondo la stima di Swiss Re, la cifra è inferiore sia a quella del 2021, sia alla media degli ultimi dieci anni
Economia
1 sett
Commercio al dettaglio, aumentato il fatturato a giugno
L’incremento è del 3,2% rispetto all’anno precedente. Lo ha rilevato l’Ufficio federale di statistica.
Economia
1 sett
Fatturato stagnante nel secondo trimestre per Sunrise
Buone notizie dal settore della telefonia mobile, con un aumento netto di 47mila abbonamenti
Economia
1 sett
Profondo rosso per Renault nel primo semestre dell’anno
L’uscita dal mercato russo dopo l’invasione dell’Ucraina pesa sulle casse della casa automobilistica: perdite per 1,6 miliardi di euro
Economia
1 sett
Sulzer chiude il semestre in rosso. Ma era tutto previsto
I risultati operativi sono segnati dagli oneri legati alla chiusura dei siti polacchi e dall’abbandono di tutte le attività in Russia
© Regiopress, All rights reserved