laRegione
11.03.22 - 17:11
Aggiornamento: 17:43

Google e Facebook nel mirino dell’antitrust europea

Avrebbero sottoscritto un accordo segreto per spartirsi la pubblicità a danno di editori e inserzionisti

Ats, a cura de laRegione
google-e-facebook-nel-mirino-dell-antitrust-europea
Keystone

Bruxelles – L’Antitrust Ue ha aperto un’indagine formale per valutare se un accordo segreto tra Google e Meta (Facebook) per i servizi di pubblicità display online possa aver violato le regole di concorrenza europee a danno di editori e inserzionisti.

A finire nel mirino di Bruxelles è l’intesa sottoscritta dalle due Big Tech nel settembre 2018 sotto il nome in codice ‘Jedi Blue’ per la partecipazione di Meta al programma Open Bidding di Google.

L’Antitrust Ue svolgerà ora la sua indagine approfondita in via prioritaria.

"Attraverso il cosiddetto accordo ‘Jedi Blue’ tra Google e Meta, una tecnologia concorrente all’Open Bidding di Google potrebbe essere stata presa di mira con l’obiettivo di indebolirla ed escluderla dal mercato per la visualizzazione di annunci sui siti web e sulle app di editori" che "si affidano alla pubblicità display online per finanziare i contenuti online per i consumatori", spiega la vicepresidente Ue responsabile per la Concorrenza, Margrethe Vestager, sottolineando che, se l’indagine confermerà le preoccupazioni, l’intesa "limiterebbe e distorcerebbe la concorrenza nel mercato già concentrato della tecnologia pubblicitaria, a scapito delle tecnologie di pubblicazione degli annunci rivali, degli editori e, in definitiva, dei consumatori".

Se provate, le pratiche oggetto dell’indagine possono violare le regole Ue in materia di accordi anticoncorrenziali tra società e/o di abuso di posizione dominante, precisa Bruxelles in una nota.

Anche l’autorità antitrust britannica (Cma) indaga di concerto con l’Ue su Google e Meta (Facebook) sospettati di aver violato le regole di concorrenza a danno di editori e inserzionisti sulla base di un accordo segreto in materia di pubblicità denominato Jedi Blue’. Lo ha confermato il numero uno dell’authority di Londra, Andrea Coscelli, a breve distanza dell’annuncio di Bruxelles.

"Non ci faremo intimidire nello scrutinare il comportamento delle grandi aziende", ha avvertito Coscelli, evidenziando la volontà di "lavorare in stretto coordinamento con tutti i regolatori globali per il miglior risultato possibile".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Economia
5 gior
Profondo rosso all’orizzonte per Credit Suisse
Potrebbe raggiungere il miliardo e mezzo di franchi la perdita, ante-imposte, dell’ultimo trimestre dell’istituto di credito
Economia
1 sett
Splendori e miserie della globalizzazione
Il processo d’integrazione internazionale non è forse così malconcio come si dice. Ma si stanno formando nuovi ‘gruppi’ (e l’Ue potrebbe rafforzarsi)
Economia
2 sett
Ftx in bancarotta, trema il mondo delle criptovalute
Dalle stelle alle stalle: per Sam Banked-Fried, il ‘mago di Oz’ delle valute digitali, è il tramonto
Economia
2 sett
La Banca nazionale pensa ulteriori aumenti del tasso guida
Andréa Maechler anticipa le possibili mosse della Bns contro l’inflazione. E ricorda: ‘Il nostro compito non è fare utili’
Economia
2 sett
Costi dei sinistri compensati dall’aumento delle tariffe
Risultati in linea con le attese per Zurich Insurance per i primi nove mesi del 2022. Premi lordi cresciuti dell’8% nel ramo danni e incidenti
Economia
3 sett
Bce e Bank of England, linea dura anche con recessione
Avanti tutta col rialzo dei tassi d’interesse. La Banca centrale inglese li porta al 3%, ai massimi dal 2008.
Economia
3 sett
Elon Musk è ancora l’uomo più ricco al mondo
La posizione nella classifica del fondatore di Tesla e nuovo boss di Twitter nel Billionaires Index è stata confermata. Scivola invece Zuckerberg
Economia
4 sett
Microchip, come l’Europa cerca di risalire sul treno perso
La produzione è nelle mani di un manipolo di Paesi asiatici. Con il Chip Act ora l’Ue getta le basi di una politica industriale dei semiconduttori.
Economia
4 sett
La tesi controcorrente di George Muzinich sull’Italia
Il fondatore di Muzinich & Co. sostiene che ‘il Belpaese ha più di un buon numero da giocare’ e che è ben posizionata rispetto a Germania e Regno Unito
Economia
4 sett
Credit Suisse cancellerà 540 posti in Svizzera entro fine 2022
Il piano di risanamento varato dall’istituto di credito dovrebbe portare alla raccolta di 4 miliardi di franchi tramite l’emissione di nuove azioni
© Regiopress, All rights reserved