laRegione
18.02.22 - 14:51

L’edilizia in Italia corre, in un anno +19,3% di produzione

È il dato più elevato nell’Unione europea, dopo quello ungherese che ha fatto segnare un +29%. Il settore arretra in Germania (-13,6%)

Ats, a cura de laRegione
l-edilizia-in-italia-corre-in-un-anno-19-3-di-produzione
Keystone
L’edilizia residenziale è ripartita

Bruxelles – Boom della produzione edilizia italiana nel 2021. La vicina Penisola ha fatto registrare un tasso di crescita annua del 19,3%, il secondo più elevato d’Europa, secondo i dati Eurostat. Nell’intero 2021 la produzione media annua nel settore delle costruzioni è aumentata del 5,2% nell’area euro e del 4,8% nell’Ue-27.

A dicembre, si è invece registrata una flessione rispettivamente del 4% e del 3,1%. Tra i Paesi membri, a segnare l’incremento annuo più elevato è stata l’Ungheria (+29%), seguita da Italia e Svezia (+9,6%). I maggiori cali annui sono invece stati osservati in Germania (-13,6%), Slovenia (-6,4%) e Austria (-4,3%).

L’indice destagionalizzato della produzione nelle costruzioni è aumentato dello 0,3% rispetto a novembre. È il quinto mese consecutivo di crescita dell’indice che ha così raggiunto il livello più elevato da maggio 2012. Lo sottolinea l’Istituto nazionale italiano di statistica (Istat).

"Considerando il complesso del 2021, la produzione delle costruzioni ha recuperato pienamente non solo la flessione del 2020, ma risulta superiore del 14,3% al livello registrato nel 2019", commenta l’Istat.

Su base tendenziale l’indice grezzo della produzione delle costruzioni registra una crescita del 23,6%, mentre l’indice corretto per gli effetti di calendario aumenta del 19,3% (i giorni lavorativi di calendario sono stati 22, contro i 21 di dicembre 2020).

Nella media del quarto trimestre del 2021 la produzione nelle costruzioni aumenta del 4,2% rispetto al trimestre precedente. Nella media complessiva del 2021, l’indice grezzo mostra un incremento del 24,4% e l’indice corretto per gli effetti di calendario cresce del 24,3% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. È quanto stima l’Istat nel rapporto sui dati di dicembre 2021.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Economia
2 gior
Tonfo Credit Suisse: le azioni crollano a poco più di 4 franchi
Da inizio anno il titolo ha perso il 48% del suo valore, il 16% solo nell’ultimo mese. L’apice l’aveva invece raggiunto nel 2000: 96,50 franchi
Economia
6 gior
Credit Suisse sborsa oltre 32 milioni: ‘Ci rallegriamo’
La banca elvetica passa alla cassa per risolvere una denuncia collettiva sulla qualità della gestione dei rischi negli Stati Uniti
Economia
1 sett
Rete elettrica, ‘la Svizzera non è un’isola’
Swissgrid investe 2,5 miliardi per le linee, ma il rischio è che le tensioni con l’Europa portino a problemi di collegamento e approvvigionamento
Economia
1 sett
Agosto col segno negativo per le casse pensioni
Il calo medio, dopo la deduzione delle commissioni, è stato dell’1,45%, che fissa a -7,87% quello da inizio anno
Economia
1 sett
Da Novartis 100 milioni per il campus di Basilea
L’importante investimento servirà a sviluppare il ramo delle bioterapie. Previsto un nuovo centro per lo sviluppo tecnico precoce
Economia
2 sett
Ermotti: ‘Non è così importante il numero di banche’
In un’intervista rilasciata alla stampa d’oltre Gottardo l’ex ceo di Ubs ha risposto con un ‘no comment’ sulla sua posizione al Credit Suisse
Economia
2 sett
Una capsula per il caffè che non è una... capsula
Per contrastare i rifiuti e favorire la sostenibilità Migros ha lanciato sul mercato una nuova macchina che non utilizza plastica né alluminio
Economia
2 sett
Porsche entra in Borsa e segna una quotazione da record
Le azioni del noto marchio di auto di lusso saranno quotate a Francoforte a fine settembre-inizio ottobre
Economia
2 sett
Settore assicurativo e nuova normalità, una tavola rotonda
Il Centro studi Villa Negroni ha promosso una discussione sulle peculiarità necessarie per superare il momento di crisi: intelligenza artificiale su tutte
Economia
2 sett
Pil progredito in Svizzera del 2,8% su un anno
Traino l’aumento della spesa dei consumatori dovuto all’abolizione delle misure contro il Covid-19
© Regiopress, All rights reserved