laRegione
03.02.22 - 12:10
Aggiornamento: 04.02.22 - 16:49

Chiusura d’anno favorevole per il settore bancario ticinese

Il perdurare delle incertezze legate alle attività transfrontaliere offusca però le prospettive per i prossimi mesi

chiusura-d-anno-favorevole-per-il-settore-bancario-ticinese

Fine 2021 col segno positivo per il settore bancario ticinese, così come per la piazza bancaria di Zurigo. Tuttavia, la persistente incertezza che circonda le attività transfrontaliere, in particolare con l’Italia, offusca le prospettive per i prossimi mesi. Poco più della metà degli istituti con sede in Ticino ha fatto registrare un trend positivo degli affari negli ultimi mesi, annota l’Ufficio cantonale di statistica nel suo barometro trimestrale, sottolineando che questo indicatore è risultato al 90% a Zurigo contro solo il 25% a Ginevra.

Come nei sondaggi precedenti, nessun istituto ha segnalato un calo della domanda. Tuttavia, rispetto a ottobre, la domanda è diminuita un po’ tra i privati, mentre è aumentata tra le imprese. Per i prossimi tre mesi, la maggior parte delle banche ticinesi prevede un aumento della domanda da parte dei clienti residenti, mentre quella di aziende e clienti con sede all’estero dovrebbe ristagnare. Sebbene gli ottimisti siano ancora in maggioranza, la loro quota è diminuita significativamente negli ultimi tre mesi.

Per Franco Citterio, direttore dell’Associazione Bancaria Ticinese (Abt), il 2021 sarà stato un buon anno per il settore, come dimostrano i primi risultati pubblicati da diversi istituti. Tuttavia, è importante distinguere tra i diversi tipi di attività. «I servizi legati al territorio cantonale hanno tenuto il passo mantenendo un volume d’affari significativo nonostante la pandemia» – evidenzia il capo dell’organizzazione mantello, sottolineando che «se la Banca nazionale svizzera (Bns) dovesse mantenere il corso monetario degli ultimi anni, i risparmiatori potrebbero dover pagare per compensare i tassi d’interesse negativi».

Nella gestione patrimoniale, gli investitori hanno beneficiato dell’euforia dei mercati azionari, con commissioni sostanziali sia nelle attività di commissione che di trading, sottolinea Citterio, ma avverte che le incertezze che circondano l’accesso al mercato transfrontaliero continuano a offuscare le prospettive del settore.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Speciale Economia
1 gior
Partenza in tromba nell’Eurozona
Economia
1 sett
Per Ubs il 2022 si chiude con il segno positivo
Nel quarto trimestre la banca ha registrato un utile di 1,65 miliardi, per un totale complessivo di 7,63 sull’arco dell’intero anno
Economia
1 sett
Banca Migros supera il milione di clienti
La clientela nel 2022 registra un +27% rispetto all’anno precedente, sulla scia dell’introduzione della nuova carta di credito Cumulus
Economia
2 sett
Credit Suisse prevede un’inflazione più alta
La banca scommette su un rincaro 2023 che dovrebbe raggiungere l’1,7%, oltre a un aumento pari a 1,75% anche per i tassi della Banca nazionale svizzera
Economia
2 sett
Blocchi regionali e protezionismo contro le economie emergenti
I Paesi Non Allineati Nuovi (Nan) temono che la loro crescita venga ostacolata dai muri commerciali eretti da Stati Uniti, Europa e Cina
Economia
2 sett
E all’improvviso nulla più turba le Borse
Inflazione, tassi d’interessi più elevati, rallentamento cinese, timori di recessione: in Europa e negli Usa l’ottimismo si diffonde, nonostante tutto
Economia
2 sett
Lufthansa vuole comprare una quota di Ita Airways
È l’unica offerta arrivata al Governo italiano, tedeschi pronti a rilevare l’intera compagnia aerea
Economia
3 sett
Importante cessione nel settore chimico
Sika, gruppo attivo nelle specialità chimiche, ha deciso di vendere una parte dell’ex filiale del colosso tedesco Basf
Speciale Economia
3 sett
La deglobalizzazione non è la strada giusta
Economia
3 sett
Il franco si indebolisce sull’euro: moneta europea sopra 1,00
È la prima volta dall’inizio di luglio 2022 che l’euro torna sopra la parità
© Regiopress, All rights reserved