laRegione
ubs-prevede-un-2-9-per-il-pil-svizzero-nel-2022
Keystone
25.01.22 - 11:47

Ubs prevede un +2,9% per il PIL svizzero nel 2022

Nel 2021 la crescita è stata del 3,5%. Per il 2023 le previsioni sono intorno all’1,7%

Gli economisti di UBS confermano le previsioni di crescita per la Svizzera: per l’anno in corso, nella Confederazione si prospetta un +2,9% per il prodotto interno lordo (PIL). È quanto emerge da uno studio congiunturale del numero uno bancario elvetico, secondo il quale la Svizzera nel 2022 dovrebbe tornare a una parvenza di normalità.

“Nei prossimi trimestri, l’economia, quindi il prodotto interno lordo e il mercato del lavoro, dovrebbero tornare al normale sfruttamento delle capacità", affermano gli specialisti di UBS nella pubblicazione periodica Outlook Svizzera diffusa oggi, che si fonda sul concetto di "nuova normalità”. È infatti possibile che società ed economia si abituino a convivere con alcune misure anti-Covid-19 a lungo termine, che determineranno quindi questa nuova normalità.

Gli autori dello studio citano ad esempio il turismo intercontinentale, al quale serviranno ancora anni prima di tornare ai giri d’affari prepandemici. Non è ancora chiaro, avvertono, se l’economia raggiungerà il suo vecchio potenziale di crescita.

Per quanto riguarda il PIL, nel 2021 la crescita è stata del 3,5%, nel 2022 dovrebbe essere del +2,9%, mentre nel 2023 le previsioni indicano un più contenuto 1,7%. L’inflazione annua, assai modesta nel confronto internazionale, passerà dallo 0,6% del 2021 (dovuta principalmente al rincaro dei prezzi del petrolio, che potrebbe condizionare anche l’anno in corso) allo 0,9% nel 2022 per poi tornare allo 0,6% l’anno prossimo, pronosticano gli esperti della grande banca. Notizie confortanti arrivano dalle previsioni sulla disoccupazione - intesa come media annua - che passerà da 3,0% (2021) a 2,3% (2022) fino al 2,1% (2023).

Inflazione: i rischi arrivano dall’esterno

L’inflazione oggi poggia su una base piuttosto ristretta: “Attualmente, si registra un rincaro superiore al 2% solo per circa il 20% dei prodotti o dei servizi inclusi nell’indice dei prezzi al consumo”, spiegano gli specialisti, ricordando che durante l’ultimo rialzo - avvenuto nel 2008 - il tasso d’inflazione trovava una base di sostegno decisamente più ampia, poiché allora il 50% dei prodotti registrava un rincaro superiore al 2%.

I rischi di inflazione svizzeri sono gestibili, si legge nello studio congiunturale, dal quale emerge che il maggiore potenziale di danno per l’economia elvetica proviene dall’inflazione estera. Una correzione frettolosa della politica monetaria attualmente espansiva della Federal Reserve (Fed) negli Stati Uniti o della Banca centrale europea (BCE) “potrebbe danneggiare la congiuntura globale, e offuscare anche le prospettive per gli esportatori elvetici”, notano gli economisti.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
pil ubs
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Economia
12 ore
Lastminute.com, risultati positivi per il primo trimestre
Non si è però tornati ai livelli pre-pandemia. L’azienda afferma che né la guerra in Ucraina né l’inflazione hanno avuto finora un impatto significativo
Economia
2 gior
Pensioni, anche nei momenti difficili conviene pensare al futuro
I fondi Etf sono dei buoni strumenti per costruire un capitale previdenziale 3a nel lungo periodo. L’esperto di VZ: ‘Proteggono anche dall’inflazione’
Economia
3 gior
Crisi alimentare, colmare il vuoto dell’Ucraina
La Fao chiede ai ministri dell’Agricoltura al G7 di Stoccarda di sostenere la produzione di cereali per evitare l’esplosione dei prezzi
Economia
3 gior
KD Pharma Group pensa alla Borsa di Zurigo
La società, detenuta da un fondo d’investimento tedesco, ha sede a Bioggio e vorrebbe quotarsi
Economia
3 gior
World Economic Forum, a Davos si parlerà di Ucraina
Il 23 maggio Volodymyr terrà un discorso online, mentre nei Grigioni è atteso il sindaco di Kiev Vitaly Klitschko
Economia
4 gior
Il Senato Usa conferma Jerome Powell alla guida della Fed
Nei prossimi mesi la banca centrale americana procederà a nuovi rialzi del costo del denaro per contenere un’inflazione schizzata in aprile all’8,3%
Economia
5 gior
Inflazione aumenterà di mezzo punto più del previsto
Il Credit Suisse rivede le sue previsioni per l’anno in corso: il rincaro dovrebbe essere del 2,3% contro l’1,8% inizialmente stimato
Economia
6 gior
Utile in forte crescita nel primo trimestre per Bayer
Vendite per 14,6 miliardi e ricavi per 3,3 miliardi di euro (+58%): il gigante farmaceutico tedesco col vento in poppa
Economia
1 sett
L’inverosimile comportamento delle borse
Mentre crolla Wall Street, l’indice Stoxx ha perso solo l’1,2% e si ritrova quasi agli stessi livelli del 23 febbraio
Economia
1 sett
‘Trainline’ e il ritorno dei viaggi in treno
La crescita esponenziale dell’applicazione conferma la buona ripresa del turismo in Europa
© Regiopress, All rights reserved