laRegione
stipendi-2022-travail-suisse-stila-un-bilancio-in-chiaroscuro
20.12.21 - 16:51

Stipendi 2022, Travail.Suisse stila un bilancio in chiaroscuro

Aumenti mitigati dall’inflazione e dalla situazione insoddisfacente in diversi settori, come quello della costruzione

Berna – Molti dipendenti vedranno i loro stipendi aumentare nel 2022 grazie ai negoziati salariali. Per i sindacati, l’aumento è tuttavia mitigato dall’aumento dei prezzi e dalle differenze tra i vari settori.

Dopo un 2020 segnato dal coronavirus, l’economia svizzera ha conosciuto quest’anno una ripresa “senza precedenti” nella maggior parte dei settori. Allo stesso tempo è però cresciuta anche l’inflazione, ha dichiarato Thomas Bauer di Travail.Suisse, in conferenza stampa a Berna.

Per i sindacati, l’aumento dei prezzi deve essere accompagnato da una compensazione salariale per tutti i lavoratori. Le trattative salariali con i datori di lavoro sono state difficili. Alcuni datori di lavoro hanno sfruttato la crisi pandemica per aumentare i loro profitti a spese dei dipendenti, ha detto Bauer.

Vendita al dettaglio positiva

In questo contesto, i sindacati tirano un bilancio in chiaroscuro. “Ci sono aumenti salariali che compensano almeno l’inflazione in un settore su due”, ha detto Bauer. In diversi settori artigianali, come la carrozzeria, l’elettrotecnica e la carpenteria, i salari aumenteranno più dell’inflazione.

Lo stesso vale per il settore della vendita al dettaglio. “Tutti i grandi distributori svizzeri hanno fissato i loro salari minimi a più di 4’000 franchi lordi”, dice Marco Geu, segretario centrale di Syna. Questo ha anche un impatto sui settori ausiliari, come le stazioni di servizio, dove i salari aumenteranno grazie a un nuovo contratto collettivo di lavoro.

Working poor rimangono triste realtà

Tuttavia, aggiunge Geu, “i ‘working poor’, che per la maggior parte sono donne, saranno ancora una triste realtà” nel 2022, in particolare nei settori delle pulizie, della ristorazione, della panetteria e dei parrucchieri.

Nell’industria, “che si è ripresa rapidamente dopo alcuni brevi shock”, i salari sono ancora insufficienti nell’orologeria, e non sono stati ottenuti risultati per le industrie chimiche e farmaceutiche.

‘Politica dei cerotti’

La situazione è invece del tutto insoddisfacente nel settore delle costruzioni. Marco Geu denuncia il secondo blocco consecutivo dei salari come “catastrofico, anche se il settore è in piena espansione e lamenta una carenza di lavoratori qualificati”.

Ma sono soprattutto i salari nel settore della salute a far digrignare i denti. I sindacati deplorano una “politica dei cerotti”. “Abbiamo applaudito e votato con successo. Ma appena si tratta di soldi, le porte si chiudono”, ha criticato il segretario centrale di Syna.

In ambito sanitario ci sono stati soprattutto aumenti individuali. Travail.Suisse non li rifiuta per principio, dice Thomas Bauer, “ma è a favore di aumenti generalizzati, affinché tutti possano beneficiarne”.

‘Riconoscimento politico’

Nei settori dei trasporti, della logistica e dell’amministrazione federale, i risultati sono sufficienti, ma si potrebbe fare di più. I dipendenti del servizio pubblico hanno avuto molto da fare in questo periodo di crisi, e sono “tesi come mai prima d’ora”, dice la co-presidente di transfair Greta Gysin, che chiede un “riconoscimento politico”.

I negoziati sono ancora in corso in questi settori. La consigliera nazionale ticinese (Verdi) ha menzionato diversi problemi, come Swisscom, che sta ristrutturando e delocalizzando, e il budget per i dipendenti federali messo in discussione dal Parlamento. Transfair chiede anche più sostegno finanziario per il trasporto pubblico, a causa della pandemia.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
2022 bilancio salari settori stipendi travail.suisse
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Economia
21 ore
Smartphone: crollano le spedizioni in Europa
‘Molti Paesi si stano avvicinando alla recessione, con maggiori tensioni politiche’, scrive Counterpoint Research che si attende una ripresa lunga e lenta
Economia
3 gior
Migliaia di impieghi a rischio a Credit Suisse
L’agenzia Bloomberg riferisce di un piano per attuare una drastica cura dimagrante nei prossimi anni. La banca non commenta
Economia
3 gior
Swiss torna in attivo nel primo semestre
Il fatturato è più che raddoppiato e il numero di passeggeri è quintuplicato. Nel 2020 e 2021 aveva registrato grandi perdite a causa della pandemia
Economia
4 gior
Boom di Airbnb: oltre 100 milioni di notti prenotate in 3 mesi
La piattaforma segna il record di prenotazioni per l’estate, che sarà la più redditizia di sempre. Ricavi in crescita del 58%
Economia
5 gior
Catastrofi naturali, danni per 75 miliardi nel primo semestre
Secondo la stima di Swiss Re, la cifra è inferiore sia a quella del 2021, sia alla media degli ultimi dieci anni
Economia
1 sett
Commercio al dettaglio, aumentato il fatturato a giugno
L’incremento è del 3,2% rispetto all’anno precedente. Lo ha rilevato l’Ufficio federale di statistica.
Economia
1 sett
Fatturato stagnante nel secondo trimestre per Sunrise
Buone notizie dal settore della telefonia mobile, con un aumento netto di 47mila abbonamenti
Economia
1 sett
Profondo rosso per Renault nel primo semestre dell’anno
L’uscita dal mercato russo dopo l’invasione dell’Ucraina pesa sulle casse della casa automobilistica: perdite per 1,6 miliardi di euro
Economia
1 sett
Sulzer chiude il semestre in rosso. Ma era tutto previsto
I risultati operativi sono segnati dagli oneri legati alla chiusura dei siti polacchi e dall’abbandono di tutte le attività in Russia
Economia
1 sett
Perdita di 95 miliardi nel primo semestre per la Bns
Dopo il deficit di 32,8 miliardi annunciato al termine del primo trimestre, aumenta ulteriormente il passivo della Banca nazionale svizzera
© Regiopress, All rights reserved