laRegione
ubs-multata-in-appello-per-1-8-miliardi-di-euro-in-francia
13.12.21 - 14:06
Aggiornamento: 18:07

Ubs multata in appello per 1,8 miliardi di euro in Francia

La corte d’appello di Parigi ha condannato la grande banca dimezzando però la sanzione di primo grado

La Corte d’appello a Parigi ha condannato oggi UBS a pagare in totale 1,8 miliardi di euro (1,9 miliardi di franchi) per aver aiutato facoltosi clienti francesi ad evadere il fisco. In prima istanza, nel febbraio del 2019, il numero uno bancario elvetico era stato multato per la cifra record di 3,7 miliardi di euro e a versare un risarcimento di 800 milioni per un totale complessivo di 4,5 miliardi di euro (circa 4,70 miliardi di franchi).

In seconda istanza la Corte d’appello ha pronunciato una multa di 3,75 milioni di euro, la confisca di una somma di 1 miliardo di euro sulla cauzione di 1,1 miliardi versata dall’istituto e 800 milioni di euro di risarcimento. La banca elvetica è accusata di riciclaggio aggravato di frode fiscale e di essere andata a caccia illegalmente di clienti in Francia, fra il 2004 e il 2012, per convincerli ad aprire conti in Svizzera non dichiarati alle autorità tributarie.

Gli inquirenti avevano stimato che gli averi celati allo sguardo del fisco ammontassero ad almeno 10 miliardi di euro. Legalmente UBS doveva rispondere di fornitura illecita di servizi finanziari a domicilio (“démarchage”) e di riciclaggio aggravato del provento di frode fiscale.

La filiale francese UBS France è stata assolta per complicità nel riciclaggio di frode fiscale aggravata, ma è stata condannata a una multa di 1,875 milioni di euro per complicità nel démarchage - rispetto ai 15 milioni di euro in prima istanza. Quattro dei sei ex quadri sono stati condannati a pene fino a un anno con la condizionale e a una multa di 300’000 euro: per la maggior parte si tratta di pene più leggere di quelle inflitte dal tribunale di primo grado, che aveva condannato cinque di loro.

“La decisione è difficile da capire“, ha detto l’avvocato di UBS Hervé Temime. "È una decisione le cui conseguenze finanziarie sono 2,7 miliardi in meno (...) rispetto alla decisione del tribunale”, ma "in linea di principio, c’è una condanna, quindi penseremo se ricorrere alla Corte di cassazione”.

Il verdetto della Corte d’appello era atteso per lo scorso 27 settembre, ma era poi stato rinviato ad oggi: la decisione - era stato allora comunicato - non aveva potuto essere “finalizzata” a causa “del congedo malattia” di uno dei tre giudici della corte.

Gli investitori hanno accolto il verdetto con sollievo: alle 14.35 il titolo UBS era in rialzo dell’1,09% a 16,655 franchi quando lo SMI segnava un +0,03%.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
francia ubs
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Economia
2 ore
Mobilezone migliora i risultati nel primo semestre
Risultati globalmente in rialzo nella prima parte dell’anno: tra gennaio e fine giugno, il gruppo ha realizzato un fatturato di 499,6 milioni
Economia
3 gior
Avenir Suisse critico sulla riforma fiscale Ocse
Per il ‘think tank’ liberale, le entrate supplementari derivanti dalla nuova tassazione minima delle multinazionali sono sovrastimate
Economia
3 gior
Cambio franco-euro, battuto un nuovo record
Alle 10.30 la moneta unica tocca soglia 0,9661. Ancora a gennaio il tasso era a 1,038
Economia
4 gior
Produzione e import, prezzi in calo in luglio
Su base annua, il livello dell’offerta totale dei prodotti indigeni e importati è aumentato del 6,3%
Economia
1 sett
Fallimenti aziendali in forte aumento in Svizzera
Il Ticino è fra i cantoni con meno casi di insolvenza. Lo rileva la Dun & Bradstreet
Economia
1 sett
Gli esperti dell’Ubs escludono un rapido calo dell’inflazione
Il rialzo dei prezzi proseguirà anche nel secondo semestre: il tasso annuale dovrebbe attestarsi al 3,1%. Raiffeisen rivede al ribasso le previsioni 2022
Economia
1 sett
Smartphone: crollano le spedizioni in Europa
‘Molti Paesi si stano avvicinando alla recessione, con maggiori tensioni politiche’, scrive Counterpoint Research che si attende una ripresa lunga e lenta
Economia
2 sett
Migliaia di impieghi a rischio a Credit Suisse
L’agenzia Bloomberg riferisce di un piano per attuare una drastica cura dimagrante nei prossimi anni. La banca non commenta
Economia
2 sett
Swiss torna in attivo nel primo semestre
Il fatturato è più che raddoppiato e il numero di passeggeri è quintuplicato. Nel 2020 e 2021 aveva registrato grandi perdite a causa della pandemia
Economia
2 sett
Boom di Airbnb: oltre 100 milioni di notti prenotate in 3 mesi
La piattaforma segna il record di prenotazioni per l’estate, che sarà la più redditizia di sempre. Ricavi in crescita del 58%
© Regiopress, All rights reserved