laRegione
ubs-multata-in-appello-per-1-8-miliardi-di-euro-in-francia
13.12.21 - 14:06
Aggiornamento : 18:07

Ubs multata in appello per 1,8 miliardi di euro in Francia

La corte d’appello di Parigi ha condannato la grande banca dimezzando però la sanzione di primo grado

La Corte d’appello a Parigi ha condannato oggi UBS a pagare in totale 1,8 miliardi di euro (1,9 miliardi di franchi) per aver aiutato facoltosi clienti francesi ad evadere il fisco. In prima istanza, nel febbraio del 2019, il numero uno bancario elvetico era stato multato per la cifra record di 3,7 miliardi di euro e a versare un risarcimento di 800 milioni per un totale complessivo di 4,5 miliardi di euro (circa 4,70 miliardi di franchi).

In seconda istanza la Corte d’appello ha pronunciato una multa di 3,75 milioni di euro, la confisca di una somma di 1 miliardo di euro sulla cauzione di 1,1 miliardi versata dall’istituto e 800 milioni di euro di risarcimento. La banca elvetica è accusata di riciclaggio aggravato di frode fiscale e di essere andata a caccia illegalmente di clienti in Francia, fra il 2004 e il 2012, per convincerli ad aprire conti in Svizzera non dichiarati alle autorità tributarie.

Gli inquirenti avevano stimato che gli averi celati allo sguardo del fisco ammontassero ad almeno 10 miliardi di euro. Legalmente UBS doveva rispondere di fornitura illecita di servizi finanziari a domicilio (“démarchage”) e di riciclaggio aggravato del provento di frode fiscale.

La filiale francese UBS France è stata assolta per complicità nel riciclaggio di frode fiscale aggravata, ma è stata condannata a una multa di 1,875 milioni di euro per complicità nel démarchage - rispetto ai 15 milioni di euro in prima istanza. Quattro dei sei ex quadri sono stati condannati a pene fino a un anno con la condizionale e a una multa di 300’000 euro: per la maggior parte si tratta di pene più leggere di quelle inflitte dal tribunale di primo grado, che aveva condannato cinque di loro.

“La decisione è difficile da capire“, ha detto l’avvocato di UBS Hervé Temime. "È una decisione le cui conseguenze finanziarie sono 2,7 miliardi in meno (...) rispetto alla decisione del tribunale”, ma "in linea di principio, c’è una condanna, quindi penseremo se ricorrere alla Corte di cassazione”.

Il verdetto della Corte d’appello era atteso per lo scorso 27 settembre, ma era poi stato rinviato ad oggi: la decisione - era stato allora comunicato - non aveva potuto essere “finalizzata” a causa “del congedo malattia” di uno dei tre giudici della corte.

Gli investitori hanno accolto il verdetto con sollievo: alle 14.35 il titolo UBS era in rialzo dell’1,09% a 16,655 franchi quando lo SMI segnava un +0,03%.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
francia ubs
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Economia
16 ore
Lastminute.com, risultati positivi per il primo trimestre
Non si è però tornati ai livelli pre-pandemia. L’azienda afferma che né la guerra in Ucraina né l’inflazione hanno avuto finora un impatto significativo
Economia
2 gior
Pensioni, anche nei momenti difficili conviene pensare al futuro
I fondi Etf sono dei buoni strumenti per costruire un capitale previdenziale 3a nel lungo periodo. L’esperto di VZ: ‘Proteggono anche dall’inflazione’
Economia
3 gior
Crisi alimentare, colmare il vuoto dell’Ucraina
La Fao chiede ai ministri dell’Agricoltura al G7 di Stoccarda di sostenere la produzione di cereali per evitare l’esplosione dei prezzi
Economia
3 gior
KD Pharma Group pensa alla Borsa di Zurigo
La società, detenuta da un fondo d’investimento tedesco, ha sede a Bioggio e vorrebbe quotarsi
Economia
3 gior
World Economic Forum, a Davos si parlerà di Ucraina
Il 23 maggio Volodymyr terrà un discorso online, mentre nei Grigioni è atteso il sindaco di Kiev Vitaly Klitschko
Economia
4 gior
Il Senato Usa conferma Jerome Powell alla guida della Fed
Nei prossimi mesi la banca centrale americana procederà a nuovi rialzi del costo del denaro per contenere un’inflazione schizzata in aprile all’8,3%
Economia
5 gior
Inflazione aumenterà di mezzo punto più del previsto
Il Credit Suisse rivede le sue previsioni per l’anno in corso: il rincaro dovrebbe essere del 2,3% contro l’1,8% inizialmente stimato
Economia
6 gior
Utile in forte crescita nel primo trimestre per Bayer
Vendite per 14,6 miliardi e ricavi per 3,3 miliardi di euro (+58%): il gigante farmaceutico tedesco col vento in poppa
Economia
1 sett
L’inverosimile comportamento delle borse
Mentre crolla Wall Street, l’indice Stoxx ha perso solo l’1,2% e si ritrova quasi agli stessi livelli del 23 febbraio
Economia
1 sett
‘Trainline’ e il ritorno dei viaggi in treno
La crescita esponenziale dell’applicazione conferma la buona ripresa del turismo in Europa
© Regiopress, All rights reserved