laRegione
corrono-anche-i-prezzi-alla-produzione-e-all-importazione
Ti-Press
I primi a sentire gli aumenti sono gli automobilisti
12.11.21 - 17:26
Ats, a cura de laRegione

Corrono anche i prezzi alla produzione e all’importazione

I timori inflazionistici sono però inferiori in Svizzera (+1,2%) rispetto a Stati Uniti (+6,2%) ed Eurozona (+4,1%)

Neuchâtel – I prezzi alla produzione e all’importazione si confermano in aumento in Svizzera: in ottobre il relativo indice calcolato dall’Ufficio federale di statistica (Ust) si è attestato a 104,7 punti, con una progressione dello 0,6% rispetto a settembre e un incremento del 5,1% in confronto allo stesso periodo del 2020.

Nel dettaglio, per quanto riguarda il dato sui soli prezzi alla produzione – che mostra l’evoluzione dei prodotti indigeni – si è assistito a una crescita rispettivamente dello 0,4% (mese) e del 3,1% (anno), con un indice a 103,0 punti. Nel confronto con settembre sono diventati più cari prodotti petroliferi, gas, orologi e macchine, nonché prodotti metallici.

Il secondo sotto indice, quello dei prezzi all’importazione, presenta un incremento rispettivamente dello 0,9% e del 9,4%, con un indice a 108,5. Anche in questo caso si è dovuto pagare di più – nel paragone mensile – soprattutto per prodotti legati a petrolio e gas. Sono però rincarati anche alluminio, prodotti metallici, macchine e computer. Meno costosi si sono invece rivelati acciaio, apparecchiature per le comunicazioni e preparati farmaceutici.

L’indice dei prezzi alla produzione e all’importazione è un indicatore congiunturale che riflette l’andamento dell’offerta e della domanda sui mercati dei beni, spiegavano gli specialisti dell’Ust di Neuchâtel in una pubblicazione di qualche tempo fa. Rappresenta quindi l’espressione del concorso di vari fattori, tra i quali in particolare i cambiamenti in atto nelle strutture di mercato, nelle condizioni generali, nella produttività, nei tassi di cambio e nella globalizzazione economica.

Il dato è considerato un indicatore importante per capire lo sviluppo dei prezzi al consumo (cioè l’inflazione), poiché i costi di produzione sono normalmente trasferiti sui prodotti finali. Tuttavia mostra oscillazioni significativamente più marcate ed è molto più volatile a causa della forte dipendenza dalle materie prime.

Come noto il tema del ritorno dell’inflazione è ormai entrato di prepotenza nell’agenda economica mondiale, con i paesi avanzati alle prese con tassi che non si vedevano da decenni. A titolo d’esempio il rincaro annuo di ottobre si è attestato al 6,2% negli Stati Uniti e al 4,1% nell’Eurozona. Anche in Svizzera i prezzi al consumo stanno aumentando, sebbene in modo meno marcato: nel decimo mese dell’anno il relativo indice è salito dell’1,2% su base annua.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
indice prezzi svizzera
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Economia
2 gior
Avenir Suisse critico sulla riforma fiscale Ocse
Per il ‘think tank’ liberale, le entrate supplementari derivanti dalla nuova tassazione minima delle multinazionali sono sovrastimate
Economia
2 gior
Cambio franco-euro, battuto un nuovo record
Alle 10.30 la moneta unica tocca soglia 0,9661. Ancora a gennaio il tasso era a 1,038
Economia
2 gior
Produzione e import, prezzi in calo in luglio
Su base annua, il livello dell’offerta totale dei prodotti indigeni e importati è aumentato del 6,3%
Economia
6 gior
Fallimenti aziendali in forte aumento in Svizzera
Il Ticino è fra i cantoni con meno casi di insolvenza. Lo rileva la Dun & Bradstreet
Economia
1 sett
Gli esperti dell’Ubs escludono un rapido calo dell’inflazione
Il rialzo dei prezzi proseguirà anche nel secondo semestre: il tasso annuale dovrebbe attestarsi al 3,1%. Raiffeisen rivede al ribasso le previsioni 2022
Economia
1 sett
Smartphone: crollano le spedizioni in Europa
‘Molti Paesi si stano avvicinando alla recessione, con maggiori tensioni politiche’, scrive Counterpoint Research che si attende una ripresa lunga e lenta
Economia
1 sett
Migliaia di impieghi a rischio a Credit Suisse
L’agenzia Bloomberg riferisce di un piano per attuare una drastica cura dimagrante nei prossimi anni. La banca non commenta
Economia
1 sett
Swiss torna in attivo nel primo semestre
Il fatturato è più che raddoppiato e il numero di passeggeri è quintuplicato. Nel 2020 e 2021 aveva registrato grandi perdite a causa della pandemia
Economia
2 sett
Boom di Airbnb: oltre 100 milioni di notti prenotate in 3 mesi
La piattaforma segna il record di prenotazioni per l’estate, che sarà la più redditizia di sempre. Ricavi in crescita del 58%
Economia
2 sett
Catastrofi naturali, danni per 75 miliardi nel primo semestre
Secondo la stima di Swiss Re, la cifra è inferiore sia a quella del 2021, sia alla media degli ultimi dieci anni
© Regiopress, All rights reserved