laRegione
12.11.21 - 17:26

Corrono anche i prezzi alla produzione e all’importazione

I timori inflazionistici sono però inferiori in Svizzera (+1,2%) rispetto a Stati Uniti (+6,2%) ed Eurozona (+4,1%)

Ats, a cura de laRegione
corrono-anche-i-prezzi-alla-produzione-e-all-importazione
Ti-Press
I primi a sentire gli aumenti sono gli automobilisti

Neuchâtel – I prezzi alla produzione e all’importazione si confermano in aumento in Svizzera: in ottobre il relativo indice calcolato dall’Ufficio federale di statistica (Ust) si è attestato a 104,7 punti, con una progressione dello 0,6% rispetto a settembre e un incremento del 5,1% in confronto allo stesso periodo del 2020.

Nel dettaglio, per quanto riguarda il dato sui soli prezzi alla produzione – che mostra l’evoluzione dei prodotti indigeni – si è assistito a una crescita rispettivamente dello 0,4% (mese) e del 3,1% (anno), con un indice a 103,0 punti. Nel confronto con settembre sono diventati più cari prodotti petroliferi, gas, orologi e macchine, nonché prodotti metallici.

Il secondo sotto indice, quello dei prezzi all’importazione, presenta un incremento rispettivamente dello 0,9% e del 9,4%, con un indice a 108,5. Anche in questo caso si è dovuto pagare di più – nel paragone mensile – soprattutto per prodotti legati a petrolio e gas. Sono però rincarati anche alluminio, prodotti metallici, macchine e computer. Meno costosi si sono invece rivelati acciaio, apparecchiature per le comunicazioni e preparati farmaceutici.

L’indice dei prezzi alla produzione e all’importazione è un indicatore congiunturale che riflette l’andamento dell’offerta e della domanda sui mercati dei beni, spiegavano gli specialisti dell’Ust di Neuchâtel in una pubblicazione di qualche tempo fa. Rappresenta quindi l’espressione del concorso di vari fattori, tra i quali in particolare i cambiamenti in atto nelle strutture di mercato, nelle condizioni generali, nella produttività, nei tassi di cambio e nella globalizzazione economica.

Il dato è considerato un indicatore importante per capire lo sviluppo dei prezzi al consumo (cioè l’inflazione), poiché i costi di produzione sono normalmente trasferiti sui prodotti finali. Tuttavia mostra oscillazioni significativamente più marcate ed è molto più volatile a causa della forte dipendenza dalle materie prime.

Come noto il tema del ritorno dell’inflazione è ormai entrato di prepotenza nell’agenda economica mondiale, con i paesi avanzati alle prese con tassi che non si vedevano da decenni. A titolo d’esempio il rincaro annuo di ottobre si è attestato al 6,2% negli Stati Uniti e al 4,1% nell’Eurozona. Anche in Svizzera i prezzi al consumo stanno aumentando, sebbene in modo meno marcato: nel decimo mese dell’anno il relativo indice è salito dell’1,2% su base annua.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Speciale Economia
3 gior
Partenza in tromba nell’Eurozona
Economia
1 sett
Per Ubs il 2022 si chiude con il segno positivo
Nel quarto trimestre la banca ha registrato un utile di 1,65 miliardi, per un totale complessivo di 7,63 sull’arco dell’intero anno
Economia
2 sett
Banca Migros supera il milione di clienti
La clientela nel 2022 registra un +27% rispetto all’anno precedente, sulla scia dell’introduzione della nuova carta di credito Cumulus
Economia
2 sett
Credit Suisse prevede un’inflazione più alta
La banca scommette su un rincaro 2023 che dovrebbe raggiungere l’1,7%, oltre a un aumento pari a 1,75% anche per i tassi della Banca nazionale svizzera
Economia
2 sett
Blocchi regionali e protezionismo contro le economie emergenti
I Paesi Non Allineati Nuovi (Nan) temono che la loro crescita venga ostacolata dai muri commerciali eretti da Stati Uniti, Europa e Cina
Economia
2 sett
E all’improvviso nulla più turba le Borse
Inflazione, tassi d’interessi più elevati, rallentamento cinese, timori di recessione: in Europa e negli Usa l’ottimismo si diffonde, nonostante tutto
Economia
3 sett
Lufthansa vuole comprare una quota di Ita Airways
È l’unica offerta arrivata al Governo italiano, tedeschi pronti a rilevare l’intera compagnia aerea
Economia
3 sett
Importante cessione nel settore chimico
Sika, gruppo attivo nelle specialità chimiche, ha deciso di vendere una parte dell’ex filiale del colosso tedesco Basf
Speciale Economia
3 sett
La deglobalizzazione non è la strada giusta
Economia
4 sett
Il franco si indebolisce sull’euro: moneta europea sopra 1,00
È la prima volta dall’inizio di luglio 2022 che l’euro torna sopra la parità
© Regiopress, All rights reserved