laRegione
26.10.21 - 08:29

UBS: terzo trimestre proficuo, guadagno di oltre 2 miliardi

La cifra di 2,28 miliardi di dollari equivale a un aumento dell’8,9% su base annua, superiore anche alle attese della vigilia

Ats, a cura de laRegione
ubs-terzo-trimestre-proficuo-guadagno-di-oltre-2-miliardi
(Keystone)

UBS ha mandato agli archivi il terzo trimestre dell’anno con cifre decisamente convincenti, in rialzo rispetto al 2020 ma anche migliori delle attese della vigilia. Il leader bancario elvetico ha chiuso il periodo in rassegna con un guadagno di 2,28 miliardi di dollari, equivalente a un aumento dell’8,9% su base annua.

Anche fra luglio e settembre l’istituto finanziario ha goduto di condizioni di mercato favorevoli e di un clima fra gli investitori prevalentemente positivo. Ne è dunque scaturita una performance in grado di oltrepassare in praticamente ogni indicatore le aspettative formulate dagli analisti interrogati dall’agenzia AWP.

I ricavi, precisa UBS in una nota odierna, sono cresciuti del 2,2% a 9,13 miliardi, mentre i costi operativi si sono ridotti dell’1,5% a 6,26 miliardi. Sostenuto dalle principali divisioni, l’utile prima delle imposte ha vissuto un incremento superiore all’11%, stabilendosi a 2,87 miliardi.

Nel terzo trimestre, la grande banca ha inoltre attratto nuove entrate che generano commissioni per 19 miliardi. In totale, a fine settembre il patrimonio dei clienti sotto gestione si elevava a 4432 miliardi, viene sottolineato nel comunicato.

Secondo l’istituto, si tratta dei migliori risultati dal primo trimestre del 2015. Prendendo in considerazione il solo terzo trimestre, che tradizionalmente è quello più debole, non si osservava una prestazione simile dal lontano 2007.

Non ha nascosto la sua soddisfazione il CEO Ralph Hamers: “Nonostante i tempi incerti, mercato e quadro economico sono stati ampiamente positivi", ha detto, citato nella nota, il manager con passaporto olandese. UBS "ha fatto enormi progressi nel concentrarsi ancora di più sui propri clienti”.

In futuro, la banca vuole ulteriormente fare passi avanti nella digitalizzazione, ha aggiunto Hamers, in carica da circa un anno. Un aggiornamento sulla strategia verrà presentato il prossimo 1° febbraio, insieme alle cifre relative all’intero esercizio 2021.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Economia
5 gior
Profondo rosso all’orizzonte per Credit Suisse
Potrebbe raggiungere il miliardo e mezzo di franchi la perdita, ante-imposte, dell’ultimo trimestre dell’istituto di credito
Economia
1 sett
Splendori e miserie della globalizzazione
Il processo d’integrazione internazionale non è forse così malconcio come si dice. Ma si stanno formando nuovi ‘gruppi’ (e l’Ue potrebbe rafforzarsi)
Economia
2 sett
Ftx in bancarotta, trema il mondo delle criptovalute
Dalle stelle alle stalle: per Sam Banked-Fried, il ‘mago di Oz’ delle valute digitali, è il tramonto
Economia
2 sett
La Banca nazionale pensa ulteriori aumenti del tasso guida
Andréa Maechler anticipa le possibili mosse della Bns contro l’inflazione. E ricorda: ‘Il nostro compito non è fare utili’
Economia
2 sett
Costi dei sinistri compensati dall’aumento delle tariffe
Risultati in linea con le attese per Zurich Insurance per i primi nove mesi del 2022. Premi lordi cresciuti dell’8% nel ramo danni e incidenti
Economia
3 sett
Bce e Bank of England, linea dura anche con recessione
Avanti tutta col rialzo dei tassi d’interesse. La Banca centrale inglese li porta al 3%, ai massimi dal 2008.
Economia
3 sett
Elon Musk è ancora l’uomo più ricco al mondo
La posizione nella classifica del fondatore di Tesla e nuovo boss di Twitter nel Billionaires Index è stata confermata. Scivola invece Zuckerberg
Economia
4 sett
Microchip, come l’Europa cerca di risalire sul treno perso
La produzione è nelle mani di un manipolo di Paesi asiatici. Con il Chip Act ora l’Ue getta le basi di una politica industriale dei semiconduttori.
Economia
4 sett
La tesi controcorrente di George Muzinich sull’Italia
Il fondatore di Muzinich & Co. sostiene che ‘il Belpaese ha più di un buon numero da giocare’ e che è ben posizionata rispetto a Germania e Regno Unito
Economia
4 sett
Credit Suisse cancellerà 540 posti in Svizzera entro fine 2022
Il piano di risanamento varato dall’istituto di credito dovrebbe portare alla raccolta di 4 miliardi di franchi tramite l’emissione di nuove azioni
© Regiopress, All rights reserved