laRegione
08.10.21 - 18:58
Aggiornamento: 19:48

Ocse, è accordo (storico) multilaterale sulla minimum tax

Tasso fisso al 15%. Lo ha annunciato oggi Cormann, segretario generale dell’organizzazione: ‘Così il regime fiscale internazionale sarà più equo’

Ats, a cura de laRegione
ocse-e-accordo-storico-multilaterale-sulla-minimum-tax
Keystone
Mathias Cormann a sinistra; il segretario di stato Usa Antony Blinken, a sinistra

“Un accordo storico”: 136 Paesi sui 140 del Quadro Inclusivo Ocse/G20 hanno raggiunto un’intesa sulla cosiddetta minimum tax, che impone una tassazione minima del 15% sulle grandi multinazionali, a cominciare dai colossi del web. Un’intesa resa possibile, dopo anni di intensi negoziati, grazie all’adesione di Irlanda, Estonia e Ungheria, che per lungo tempo si erano opposte.

E’ un accordo che piace soprattutto all’Europa, che si è impegnata molto sul tema. “Accolgo con favore l’accordo odierno sulla riforma fiscale globale. Questo è un momento storico. È un importante passo avanti per rendere più equo il nostro sistema fiscale globale”, ha commentato la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen.

“La Commissione europea ha sostenuto con forza questo sforzo internazionale. Vorrei ringraziare il commissario Paolo Gentiloni e i suoi servizi per il loro instancabile lavoro al riguardo", ha aggiunto la presidente europea. "Il multilateralismo è tornato”, ha sottolineato Gentiloni che è stato tra i i protagonisti di questo successo e non nasconde la sua contentezza sui social.

Plaude anche il vice presidente Ue Valdis Dombrovskis, che plaude a queste “ottime notizie” per la tassazione globale. Il segretario generale dell’Ocse, Mathias Cormann, rende omaggio a quella che considera una “grande vittoria per un multilateralismo efficace ed equilibrato". "Si tratta di un accordo di grande portata - prosegue Cormann in un tweet - che garantisce che il nostro sistema fiscale internazionale si adatti ad un’economia globale digitale". "Adesso - conclude l’alto responsabile - dobbiamo lavorare con diligenza per garantire l’attuazione effettiva di questa riforma maggiore”.

L‘accordo permetterà di garantire l’applicazione di un tasso di imposizione minimo del 15% alle aziende multinazionali a partire dal 2023. Gli unici quattro Paesi che non hanno aderito sono Kenya, Nigeria, Pakistan e Sri Lanka. I restanti 136 che hanno detto ’si’, tra cui l’Italia,“ rappresentano “oltre il 90% del Pil mondiale”, precisa l’Ocse, aggiungendo che l’intesa consentirà "di riattribuire a Paesi del mondo intero i benefici per oltre 125 miliardi di dollari realizzati da 100 aziende multinazionali tra le più grandi e più redditizie al mondo". Obiettivo? Fare in modo "che queste società possano onorare la propria giusta parte fiscale qualunque siano le giurisdizioni in cui esercitano le loro attività e realizzano benefici”.

Viene cosi’ finalizzata l’intesa politica raggiunta a luglio dai membri del Quadro inclusivo, con l’obiettivo di riformare in profondità le regole fiscali del pianeta. Con il via libera di Dublino, Tallinn e Budapest, l’intesa viene ormai sostenuta da tutti i Paesi membri dell’Ocse, dell’Unione europea e del G20. Basato su due pilastri, l’accordo viene annunciato a pochi giorni dal G20 dei ministri delle Finanze previsto a Washington il 13 ottobre e soprattutto dal vertice del G20 di Roma di fine mese. L’accordo sulla minimum tax, precisa l’Ocse, non ha come obiettivo di “porre fine alla concorrenza fiscale” ma “di porre dei limiti convenuti multilateralmente. Consentirà ai Paesi di raccogliere circa 150 miliardi annuali di introiti supplementari”.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Economia
1 sett
Profondo rosso all’orizzonte per Credit Suisse
Potrebbe raggiungere il miliardo e mezzo di franchi la perdita, ante-imposte, dell’ultimo trimestre dell’istituto di credito
Economia
1 sett
Splendori e miserie della globalizzazione
Il processo d’integrazione internazionale non è forse così malconcio come si dice. Ma si stanno formando nuovi ‘gruppi’ (e l’Ue potrebbe rafforzarsi)
Economia
2 sett
Ftx in bancarotta, trema il mondo delle criptovalute
Dalle stelle alle stalle: per Sam Banked-Fried, il ‘mago di Oz’ delle valute digitali, è il tramonto
Economia
2 sett
La Banca nazionale pensa ulteriori aumenti del tasso guida
Andréa Maechler anticipa le possibili mosse della Bns contro l’inflazione. E ricorda: ‘Il nostro compito non è fare utili’
Economia
3 sett
Costi dei sinistri compensati dall’aumento delle tariffe
Risultati in linea con le attese per Zurich Insurance per i primi nove mesi del 2022. Premi lordi cresciuti dell’8% nel ramo danni e incidenti
Economia
4 sett
Bce e Bank of England, linea dura anche con recessione
Avanti tutta col rialzo dei tassi d’interesse. La Banca centrale inglese li porta al 3%, ai massimi dal 2008.
Economia
1 mese
Elon Musk è ancora l’uomo più ricco al mondo
La posizione nella classifica del fondatore di Tesla e nuovo boss di Twitter nel Billionaires Index è stata confermata. Scivola invece Zuckerberg
Economia
1 mese
Microchip, come l’Europa cerca di risalire sul treno perso
La produzione è nelle mani di un manipolo di Paesi asiatici. Con il Chip Act ora l’Ue getta le basi di una politica industriale dei semiconduttori.
Economia
1 mese
La tesi controcorrente di George Muzinich sull’Italia
Il fondatore di Muzinich & Co. sostiene che ‘il Belpaese ha più di un buon numero da giocare’ e che è ben posizionata rispetto a Germania e Regno Unito
Economia
1 mese
Credit Suisse cancellerà 540 posti in Svizzera entro fine 2022
Il piano di risanamento varato dall’istituto di credito dovrebbe portare alla raccolta di 4 miliardi di franchi tramite l’emissione di nuove azioni
© Regiopress, All rights reserved