laRegione
01.10.21 - 19:58
Aggiornamento: 20:21

Sandoz pagherà 185 milioni di dollari per intesa sui prezzi

La filiale statunitense del gigante farmaceutico Novartis era implicata in un cartello con altri due produttori di generici. Violata la concorrenza

Ats, a cura de laRegione
sandoz-paghera-185-milioni-di-dollari-per-intesa-sui-prezzi
Keystone

Basilea – Sandoz, la filiale di generici e biosimilari del gigante farmaceutico Novartis, pagherà 185 milioni di dollari (172 milioni di franchi) per essere stata implicata in un cartello di fissazione dei prezzi con altri due produttori di farmaci statunitensi.

La multa totale ammonta a 447,2 milioni di dollari e sarà pagata da Taro Pharmaceuticals Usa con sede a New York, Sandoz, filiale di Novartis impiantata nel New Jersey, e Apotex Corporation installata in Florida, fa sapere oggi il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti (DoJ). Taro pagherà 213,2 milioni di dollari e Apotex 49 milioni.

Secondo quanto scrive il Dipartimento di giustizia americano, le tre aziende hanno così messo fine a “violazioni sospette del False Claims Act, derivanti da accordi per fissare i prezzi di vari farmaci generici”; un’intesa che ha portato a un aumento dei prezzi dei farmaci per i programmi sanitari federali e i loro beneficiari. Tra i farmaci in questione ci sono il benazepril HCTZ della Sandoz, usato per trattare la pressione alta, e il clobetasol, un corticosteroide per le condizioni della pelle.

Ogni società ha stipulato un accordo di integrità aziendale di cinque anni, che prevede disposizioni di sorveglianza interna e sulla trasparenza dei prezzi. In precedenza, le tre le imprese avevano stipulato accordi per risolvere le accuse penali, aggiunge il DoJ. Sandoz aveva così già pagato una multa di 195 milioni di dollari e ”ammesso di aver cospirato con altre quattro aziende di farmaci generici per fissare i prezzi” per alcuni trattamenti. In totale, con la multa civile odierna e la sanzione penale, Sandoz ha pagato 380 milioni di dollari.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Economia
1 gior
Il ‘momento critico’ di Credit Suisse scuote la Borsa
Le dichiarazioni rilasciate venerdì dal Ceo Ulrich Körner si sono ripercosse sulle quotazioni dell’istituto di credito
Economia
1 sett
Tonfo Credit Suisse: le azioni crollano a poco più di 4 franchi
Da inizio anno il titolo ha perso il 48% del suo valore, il 16% solo nell’ultimo mese. L’apice l’aveva invece raggiunto nel 2000: 96,50 franchi
Economia
2 sett
Credit Suisse sborsa oltre 32 milioni: ‘Ci rallegriamo’
La banca elvetica passa alla cassa per risolvere una denuncia collettiva sulla qualità della gestione dei rischi negli Stati Uniti
Economia
2 sett
Rete elettrica, ‘la Svizzera non è un’isola’
Swissgrid investe 2,5 miliardi per le linee, ma il rischio è che le tensioni con l’Europa portino a problemi di collegamento e approvvigionamento
Economia
3 sett
Agosto col segno negativo per le casse pensioni
Il calo medio, dopo la deduzione delle commissioni, è stato dell’1,45%, che fissa a -7,87% quello da inizio anno
Economia
3 sett
Da Novartis 100 milioni per il campus di Basilea
L’importante investimento servirà a sviluppare il ramo delle bioterapie. Previsto un nuovo centro per lo sviluppo tecnico precoce
Economia
3 sett
Ermotti: ‘Non è così importante il numero di banche’
In un’intervista rilasciata alla stampa d’oltre Gottardo l’ex ceo di Ubs ha risposto con un ‘no comment’ sulla sua posizione al Credit Suisse
Economia
4 sett
Una capsula per il caffè che non è una... capsula
Per contrastare i rifiuti e favorire la sostenibilità Migros ha lanciato sul mercato una nuova macchina che non utilizza plastica né alluminio
Economia
4 sett
Porsche entra in Borsa e segna una quotazione da record
Le azioni del noto marchio di auto di lusso saranno quotate a Francoforte a fine settembre-inizio ottobre
Economia
4 sett
Settore assicurativo e nuova normalità, una tavola rotonda
Il Centro studi Villa Negroni ha promosso una discussione sulle peculiarità necessarie per superare il momento di crisi: intelligenza artificiale su tutte
© Regiopress, All rights reserved