laRegione
nel-cda-di-credit-suisse-due-esperti-del-rischio
Keystone
01.10.21 - 15:52
Ats, a cura de laRegione

Nel Cda di Credit Suisse due esperti del rischio

L’assemblea straordinaria ha confermato Axel Lehmann e Juan Colombas indicati dalla direzione

Zurigo – Due manager esperti nella gestione dei rischi ai vertici di Credit Suisse: l’assemblea generale straordinaria ha eletto oggi a larghissima maggioranza Axel Lehmann e Juan Colombas nel Consiglio di amministrazione (Cda) della società.

Il primo è stato nominato con il 98,9% dei voti, il secondo con il 98,8%, ha indicato l’azienda. A causa della pandemia l’assemblea si è svolta senza la partecipazione personale degli azionisti, invitati a votare in anticipo conferendo la delega a un rappresentante indipendente.

Lehmann è ex numero uno di Ubs Svizzera ed ex responsabile gestione rischi di Zurich. Colombas è attualmente membro dell’organo di sorveglianza della banca olandese Ing e fra il 2011 e il 2020 a sua volta responsabile dei rischi presso l’istituto inglese Lloyd, quando António Horta-Osório – da aprile nuovo presidente del Cda di Credit Suisse – dirigeva la società.

La nomina dei due dirigenti si inserisce nella strategia di Horta-Osório, che aveva detto di voler riportare la gestione dei rischi al centro della cultura della banca. Credit Suisse quest’anno ha subito perdite miliardarie a causa dei dissesti della società anglo-australiana Greensill Capital e dell’americana Archegos Capital.

“Abbiamo realizzato progressi significativi nello sviluppo e nella discussione delle opzioni strategiche della banca e continuiamo a prevedere di finalizzare la nostra visione a lungo termine e il piano a medio termine entro la fine dell’anno”, ha affermato il presidente di nazionalità portoghese nel corso dell’assemblea. Horta-Osório ha ribadito anche che Credit Suisse sta rivedendo i suoi processi e la sua organizzazione per porre più attenzione sulla responsabilità personale.

Il 57enne ha anche ancora una volta difeso il Ceo Thomas Gottstein, nei cui confronti non sono mancate le critiche negli scorsi mesi. “Gode del pieno sostegno del Consiglio di amministrazione”, ha detto Horta-Osório.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
assemblea axel lehmann credit suisse juan colombas
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Economia
19 ore
Fallimenti aziendali in forte aumento in Svizzera
Il Ticino è fra i cantoni con meno casi di insolvenza. Lo rileva la Dun & Bradstreet
Economia
2 gior
Gli esperti dell’Ubs escludono un rapido calo dell’inflazione
Il rialzo dei prezzi proseguirà anche nel secondo semestre: il tasso annuale dovrebbe attestarsi al 3,1%. Raiffeisen rivede al ribasso le previsioni 2022
Economia
5 gior
Smartphone: crollano le spedizioni in Europa
‘Molti Paesi si stano avvicinando alla recessione, con maggiori tensioni politiche’, scrive Counterpoint Research che si attende una ripresa lunga e lenta
Economia
1 sett
Migliaia di impieghi a rischio a Credit Suisse
L’agenzia Bloomberg riferisce di un piano per attuare una drastica cura dimagrante nei prossimi anni. La banca non commenta
Economia
1 sett
Swiss torna in attivo nel primo semestre
Il fatturato è più che raddoppiato e il numero di passeggeri è quintuplicato. Nel 2020 e 2021 aveva registrato grandi perdite a causa della pandemia
Economia
1 sett
Boom di Airbnb: oltre 100 milioni di notti prenotate in 3 mesi
La piattaforma segna il record di prenotazioni per l’estate, che sarà la più redditizia di sempre. Ricavi in crescita del 58%
Economia
1 sett
Catastrofi naturali, danni per 75 miliardi nel primo semestre
Secondo la stima di Swiss Re, la cifra è inferiore sia a quella del 2021, sia alla media degli ultimi dieci anni
Economia
1 sett
Commercio al dettaglio, aumentato il fatturato a giugno
L’incremento è del 3,2% rispetto all’anno precedente. Lo ha rilevato l’Ufficio federale di statistica.
Economia
1 sett
Fatturato stagnante nel secondo trimestre per Sunrise
Buone notizie dal settore della telefonia mobile, con un aumento netto di 47mila abbonamenti
Economia
1 sett
Profondo rosso per Renault nel primo semestre dell’anno
L’uscita dal mercato russo dopo l’invasione dell’Ucraina pesa sulle casse della casa automobilistica: perdite per 1,6 miliardi di euro
© Regiopress, All rights reserved