laRegione
28.09.21 - 13:57
Aggiornamento: 05.10.21 - 11:32

Scende il numero dei debitori in Svizzera

Secondo il calcolo di Crif, il calo è stato del 6,15%, pari a 534’803 persone. In Ticino e Svizzera occidentale un tasso più alto rispetto al resto della Svizzera

scende-il-numero-dei-debitori-in-svizzera
Ti-Press

Crif SA, il principale fornitore svizzero di informazioni per aziende e privati circa la solvibilità, ha calcolato il tasso di debitori inadempienti Crif in Svizzera*. Nonostante la continua crisi dovuta al coronavirus, il tasso di debitori ha subito una leggera contrazione al 6,15% rispetto al 6,45% di gennaio 2021. Il numero dei debitori è calato a 534’803.

Leggera contrazione del tasso di debitori

Il tasso complessivo di privati che in Svizzera risultano debitori inadempienti Crif ha raggiunto il 6,15%. Un valore leggermente più basso, quindi, rispetto a quello registrato a gennaio 2021, che si attestava sul 6,45%. Il numero dei debitori in Svizzera è calato dai 559’985 di gennaio 2021 agli attuali 534’803. Crif presume che il calo sia dovuto a un più elevato tasso di risparmio e alle indennità per lavoro ridotto. «Anche i nostri partner riferiscono che i debitori sono tornati ad avere liquidità e che hanno saldato i loro debiti o attestati di carenza di beni» sostiene Christian Maron, Head of Analytics presso Crif.

Svizzera occidentale, Basilea-Città e Ticino con un alto tasso di debitori

In alcuni cantoni il tasso di debitori inadempienti è migliorato leggermente o è rimasto invariato rispetto all’anno precedente. Si segnalano però delle differenze tra le varie regioni. La Svizzera occidentale e il Ticino hanno un tasso di debitori superiore rispetto al resto della Svizzera. Infatti, il Canton Neuchâtel registra il tasso più alto di debitori (10,3%), seguito dal Canton Ginevra (9,4%), Basilea-Città (8,0%), Vaud (7,8%) e da Soletta (7,6%). La situazione è migliorata in Ticino con il 7,5% rispetto all’8,0% di gennaio.

Appenzello Interno con i migliori pagatori

Il Cantone Appenzello Interno ha i migliori pagatori della Confederazione e vanta il tasso di debitori più basso (1,6%). Nella Svizzera centrale presentano un tasso basso di debitori anche i cantoni Zugo, Uri, Obvaldo e Nidvaldo.

*Per il calcolo del tasso di debitori inadempienti Crif si è tenuto conto di tutti i privati soggetti a domanda di continuazione dell’esecuzione, fallimenti e attestati di carenza di beni. Crif, inoltre, consolida le esperienze di pagamento di oltre 10’000 aziende su tutto il territorio svizzero. Il rilevamento dei dati è stato effettuato il 31 luglio 2021.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Economia
3 gior
Banca Migros supera il milione di clienti
La clientela nel 2022 registra un +27% rispetto all’anno precedente, sulla scia dell’introduzione della nuova carta di credito Cumulus
Economia
4 gior
Credit Suisse prevede un’inflazione più alta
La banca scommette su un rincaro 2023 che dovrebbe raggiungere l’1,7%, oltre a un aumento pari a 1,75% anche per i tassi della Banca nazionale svizzera
Economia
4 gior
Blocchi regionali e protezionismo contro le economie emergenti
I Paesi Non Allineati Nuovi (Nan) temono che la loro crescita venga ostacolata dai muri commerciali eretti da Stati Uniti, Europa e Cina
Economia
4 gior
E all’improvviso nulla più turba le Borse
Inflazione, tassi d’interessi più elevati, rallentamento cinese, timori di recessione: in Europa e negli Usa l’ottimismo si diffonde, nonostante tutto
Economia
1 sett
Lufthansa vuole comprare una quota di Ita Airways
È l’unica offerta arrivata al Governo italiano, tedeschi pronti a rilevare l’intera compagnia aerea
Economia
1 sett
Importante cessione nel settore chimico
Sika, gruppo attivo nelle specialità chimiche, ha deciso di vendere una parte dell’ex filiale del colosso tedesco Basf
Speciale Economia
1 sett
La deglobalizzazione non è la strada giusta
Economia
2 sett
Il franco si indebolisce sull’euro: moneta europea sopra 1,00
È la prima volta dall’inizio di luglio 2022 che l’euro torna sopra la parità
Economia
2 sett
Pry-Cam Home, la nuova frontiera di Prysmian
Il colosso mondiale della produzione di cavi ad alta tecnologia entra nelle case con una tecnologia che monitora la rete elettrica domestica
Economia
2 sett
Anno turbolento alle spalle, 2023 complicato per chi investe
Tensioni geopolitiche, crisi energetica, inflazione, incognite legate alla politica monetaria: quattro analisti valutano le prospettive degli investimenti
© Regiopress, All rights reserved