laRegione
quando-una-firma-digitale-errata-fa-perdere-miliardi
Keystone
Il contratto valeva oltre tre miliardi di euro
Economia
21.09.21 - 17:280
Aggiornamento : 19:38

Quando una firma digitale errata fa perdere miliardi

Il costruttore ferroviario turgoviese Stadler Rail si è visto annullare una commessa per un errore formale dal Tribunale amministrativo di Vienna

Frauenfeld - Il costruttore ferroviario turgoviese Stadler Rail si vede privato di una commessa miliardaria in Austria a causa di una firma digitale ritenuta non valida.

Il Tribunale amministrativo federale di Vienna ha accolto un ricorso del concorrente Alstom, ravvisando l’esistenza di un errore formale e dichiarando di conseguenza nulla l’ordinazione effettuata dalle Österreichischen Bundesbahnen (Öbb) riguardante 185 treni a due piani.

Stando a quanto riferisce oggi il quotidiano viennese Der Standard i giudici hanno stabilito che la società elvetica ha inoltrato la sua offerta con una versione svizzera della firma digitale che non è riconosciuta né dall’Ue, né dall’Austria.

Da parte sua il costruttore ferroviario conferma in una presa di posizione l’annullamento dell’ordine e non nasconde la sua sorpresa. “Stadler Rail ha già utilizzato la firma elettronica, riconosciuta dalle autorità internazionali competenti, centinaia di volte, partecipando a gare d’appalto nell’area Ue. Numerose offerte firmate in questo modo sono state vinte, comprese anche con ferrovie austriache”, scrive il gruppo. La società intende impugnare la decisione del tribunale e confida nel fatto che il giudizio di primo grado verrà corretto.

Gli importi in gioco sono notevoli: alla fine di agosto, presentando i risultati semestrali, il presidente del Consiglio d’amministrazione (e Ceo ad interim) Peter Spuhler aveva detto che l’accordo quadro per la fornitura dei treni in questione alla Öbb aveva un valore di oltre 3 miliardi di euro.

In seguito alla diffusione della notizia in Borsa il titolo Stadler Rail è crollato improvvisamente del 2%, per poi risalire parzialmente. A mezz’ora dal termine delle contrattazioni perdeva circa lo 0,5%. Dall’inizio dell’anno la performance è negativa: -7%.

Azienda con sede a Bussnang (Turgovia), Stadler Rail fa risalire le sue origini allo studio di ingegneria fondato da Ernst Stadler nel 1942 a Zurigo. È stata comprata dall’imprenditore ed ex consigliere nazionale Udc (1999-2012) Peter Spuhler nel 1989 per circa 4,5 milioni di franchi. Allora l’impresa contava 18 dipendenti: oggi è una realtà quotata in Borsa e con 13mila dipendenti e stabilimenti in vari Paesi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Economia
23 ore
UBS: terzo trimestre proficuo, guadagno di oltre 2 miliardi
La cifra di 2,28 miliardi di dollari equivale a un aumento dell’8,9% su base annua, superiore anche alle attese della vigilia
Economia
2 gior
Le banche, solido alleato chiave dei democratici
Evitato per un soffio il default, ora si affilano le armi in vista del dibattito al Congresso. I Dem possono contare su istituti in ottima salute
Economia
2 gior
Gli Usa e la fallimentare politica dei dazi sull’export cinese
Trascurabile l’impatto sull’economia del Paese asiatico, rivela uno studio. E a pagarne le conseguenze sono in primo luogo i consumatori americani
Economia
5 gior
Evergrande paga il coupon da 83,5 milioni ed evita il default
L’iniziativa, se andrà in porto, risolverà solo un primo ostacolo: rimangono quattro cedole non onorate fra settembre e ottobre
Economia
5 gior
Fitch chiede a Credit Suisse di rafforzare il controllo rischi
L’agenzia di rating statunitense rivede al ribasso l’outlook sulla sostenibilità creditizia della banca dopo il caso Mozambico
Economia
6 gior
CS e pedinamenti, Finma rileva gravi violazioni di legge
L’Autorità di vigilanza chiude l’indagine. Sono emerse ‘notevoli carenze’ a livello di gestione. Adottate misure nei confronti di cinque persone
Economia
6 gior
Oltre 200’000 aziende fantasma in Svizzera
In Ticino sono 9’827, il 24% delle ditte iscritte nel registro di commercio: è il dato più basso a livello nazionale
Economia
1 sett
Credit Suisse dovrà pagare quasi 500 milioni di dollari
Costa caro il caso Mozambico. La Finma impone all‘istituto delle condizioni per le future operazioni con Stati ’deboli’
Economia
1 sett
Esportazioni svizzere da record nel terzo trimestre
Nel periodo luglio-settembre le esportazioni sono salite a 63,1 miliardi di franchi, il 3,7% in più dei tre mesi precedenti e miglior risultato di sempre
Economia
1 sett
Germania, a rischio 30mila impieghi in casa Volkswagen
Il Ceo Herbert Diess annuncia possibili tagli nei 4 marchi della fabbrica automobilistica. La misura riguarda le sedi tedesche
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile