laRegione
VAN Canucks
2
MIN Wild
3
fine
(0-1 : 1-1 : 1-1)
ANA Ducks
3
WIN Jets
4
fine
(0-0 : 1-1 : 2-3)
Seattle Kraken
5
MON Canadiens
1
fine
(2-1 : 2-0 : 1-0)
per-il-credit-suisse-l-inflazione-e-solo-temporanea
Ti-Press
Economia
15.09.21 - 16:110

Per il Credit Suisse l’inflazione è solo temporanea

Secondo gli economisti del secondo istituto finanziario svizzero la ripresa è robusta e senza timori inflativi. Il Pil dovrebbe crescere del 3,5% quest’anno

Zurigo – L’aumento dell’inflazione registrato in Svizzera e in molti altri Paesi dovrebbe essere in larga misura solo temporaneo: ne sono convinti gli economisti di Credit Suisse, che guardando anche all’evoluzione della congiuntura elvetica ritoccano al rialzo le previsioni di crescita per l’anno prossimo.

Il prodotto interno lordo elvetico dovrebbe espandersi del 3,5% nel 2021 e del 2,5% nel 2022, fa sapere oggi la grande banca in occasione della pubblicazione del suo rapporto trimestrale Monitor Svizzera. Viene pertanto confermata la precedente previsione per l’anno in corso, mentre per i dodici mesi successivi vi è maggiore ottimismo: la precedente stima, che risaliva a metà giugno, era del +2,0%.

Stando agli esperti dell’istituto la ripresa in atto in ampi settori dell’economia dovrebbe perdurare, grazie ai progressi della campagna vaccinale e all’agilità delle aziende nel far fronte alla pandemia. Ciò è dovuto in particolare al miglioramento registrato sul mercato del lavoro, che si ripercuote positivamente sulla fiducia dei consumatori: il tasso di disoccupazione sta gradualmente diminuendo e dovrebbe attestarsi al 2,5% verso la fine del 2021. Si ricorre anche sempre meno al lavoro ridotto.

Le restrizioni imposte in alcuni settori, come la ristorazione e l’intrattenimento, incidono però ancora sulla dinamica della ripresa. Inoltre un ritorno alla normalità nel settore del turismo internazionale e dei grandi eventi non avverrà ancora per diverso tempo. Il rilancio economico sarà pure ostacolato dalle difficoltà sul fronte degli approvvigionamenti per l’industria.

Le attuali impennate dei prezzi in concomitanza con l’elevata spesa pubblica in tutto il mondo e la politica monetaria espansiva delle banche centrali nei Paesi industrializzati hanno destato timori inflazionistici. Tuttavia, secondo gli economisti di Credit Suisse, le analisi empiriche mostrano che la correlazione tra la massa monetaria e l’inflazione si è notevolmente indebolita.

Anche il pericolo di una spirale salari-prezzi a fronte di una eccessiva domanda è basso sia Europa che in Svizzera; negli Stati Uniti, pur essendo leggermente più elevato, non è eccessivamente alto. I rischi di inflazione sul lungo periodo in Europa e in Svizzera sono così bassi che nel prossimo futuro la Banca centrale europea (Bce) e la Banca nazionale svizzera (Bns) non prenderanno in considerazione un aumento dei tassi guida e si atterranno alla loro politica di tassi negativi, concludono gli specialisti di Credit Suisse.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Economia
23 ore
UBS: terzo trimestre proficuo, guadagno di oltre 2 miliardi
La cifra di 2,28 miliardi di dollari equivale a un aumento dell’8,9% su base annua, superiore anche alle attese della vigilia
Economia
2 gior
Le banche, solido alleato chiave dei democratici
Evitato per un soffio il default, ora si affilano le armi in vista del dibattito al Congresso. I Dem possono contare su istituti in ottima salute
Economia
2 gior
Gli Usa e la fallimentare politica dei dazi sull’export cinese
Trascurabile l’impatto sull’economia del Paese asiatico, rivela uno studio. E a pagarne le conseguenze sono in primo luogo i consumatori americani
Economia
4 gior
Evergrande paga il coupon da 83,5 milioni ed evita il default
L’iniziativa, se andrà in porto, risolverà solo un primo ostacolo: rimangono quattro cedole non onorate fra settembre e ottobre
Economia
5 gior
Fitch chiede a Credit Suisse di rafforzare il controllo rischi
L’agenzia di rating statunitense rivede al ribasso l’outlook sulla sostenibilità creditizia della banca dopo il caso Mozambico
Economia
6 gior
CS e pedinamenti, Finma rileva gravi violazioni di legge
L’Autorità di vigilanza chiude l’indagine. Sono emerse ‘notevoli carenze’ a livello di gestione. Adottate misure nei confronti di cinque persone
Economia
6 gior
Oltre 200’000 aziende fantasma in Svizzera
In Ticino sono 9’827, il 24% delle ditte iscritte nel registro di commercio: è il dato più basso a livello nazionale
Economia
1 sett
Credit Suisse dovrà pagare quasi 500 milioni di dollari
Costa caro il caso Mozambico. La Finma impone all‘istituto delle condizioni per le future operazioni con Stati ’deboli’
Economia
1 sett
Esportazioni svizzere da record nel terzo trimestre
Nel periodo luglio-settembre le esportazioni sono salite a 63,1 miliardi di franchi, il 3,7% in più dei tre mesi precedenti e miglior risultato di sempre
Economia
1 sett
Germania, a rischio 30mila impieghi in casa Volkswagen
Il Ceo Herbert Diess annuncia possibili tagli nei 4 marchi della fabbrica automobilistica. La misura riguarda le sedi tedesche
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile