laRegione
20.07.21 - 07:56
Aggiornamento: 17:09

Ubs fa segnare un secondo trimestre 'solido'

Il numero uno bancario svizzero mette in cassa 2 miliardi di dollari e registra una crescita del 63 per cento

Ats, a cura de laRegione
ubs-fa-segnare-un-secondo-trimestre-solido
(Ti-Press)

Solido secondo trimestre per UBS: da aprile a giugno 2021 il numero uno bancario elvetico ha guadagnato 2,01 miliardi di dollari, registrando un aumento del 63% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. L'istituto ha beneficiato di condizioni di mercato favorevoli e di un sentimento positivo da parte degli investitori. L'utile prima delle imposte si è attestato a 2,6 miliardi di dollari, contro gli 1,58 miliardi del secondo trimestre 2020, indica questa mattina lo stesso istituto in una nota. I risultati presentati - che tradizionalmente vengono espressi in dollari - superano nettamente le previsioni formulate dagli analisti contattati dall'agenzia finanziaria AWP.

Nella gestione patrimoniale globale (GWM), spiega il più grande istituto bancario elvetico, i nuovi attivi netti che generano commissioni si sono attestati a 25,0 miliardi di dollari, pari a un tasso di crescita annualizzato dell’8% nel trimestre con afflussi in tutte le regioni. In qualità di maggiore banca di gestione patrimoniale al mondo, il gruppo a metà anno gestiva 4'485 miliardi di dollari di patrimonio della clientela. In questo settore, che rappresenta il core business di UBS, l'utile prima delle imposte è salito a 1,29 miliardi di dollari, contro 880 milioni di un anno fa.

"Abbiamo mantenuto la dinamica operativa nel secondo trimestre 2021 affermandoci come partner di fiducia. Il focus sulla crescita, il continuo impegno per i clienti e l'evoluzione delle nostre iniziative strategiche hanno generato solidi risultati in tutte le attività", commenta Ralph Amers, CEO del numero uno bancario elvetico, citato nel comunicato. I proventi operativi sono cresciuti del 21% su base annua, a poco meno di 9 miliardi di dollari, mentre i costi operativi sono saliti del 10%. Di conseguenza, il rapporto costi/ricavi è migliorato di 4,1 punti percentuali al 71,8%.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Economia
6 gior
Tonfo Credit Suisse: le azioni crollano a poco più di 4 franchi
Da inizio anno il titolo ha perso il 48% del suo valore, il 16% solo nell’ultimo mese. L’apice l’aveva invece raggiunto nel 2000: 96,50 franchi
Economia
1 sett
Credit Suisse sborsa oltre 32 milioni: ‘Ci rallegriamo’
La banca elvetica passa alla cassa per risolvere una denuncia collettiva sulla qualità della gestione dei rischi negli Stati Uniti
Economia
1 sett
Rete elettrica, ‘la Svizzera non è un’isola’
Swissgrid investe 2,5 miliardi per le linee, ma il rischio è che le tensioni con l’Europa portino a problemi di collegamento e approvvigionamento
Economia
2 sett
Agosto col segno negativo per le casse pensioni
Il calo medio, dopo la deduzione delle commissioni, è stato dell’1,45%, che fissa a -7,87% quello da inizio anno
Economia
2 sett
Da Novartis 100 milioni per il campus di Basilea
L’importante investimento servirà a sviluppare il ramo delle bioterapie. Previsto un nuovo centro per lo sviluppo tecnico precoce
Economia
2 sett
Ermotti: ‘Non è così importante il numero di banche’
In un’intervista rilasciata alla stampa d’oltre Gottardo l’ex ceo di Ubs ha risposto con un ‘no comment’ sulla sua posizione al Credit Suisse
Economia
3 sett
Una capsula per il caffè che non è una... capsula
Per contrastare i rifiuti e favorire la sostenibilità Migros ha lanciato sul mercato una nuova macchina che non utilizza plastica né alluminio
Economia
3 sett
Porsche entra in Borsa e segna una quotazione da record
Le azioni del noto marchio di auto di lusso saranno quotate a Francoforte a fine settembre-inizio ottobre
Economia
3 sett
Settore assicurativo e nuova normalità, una tavola rotonda
Il Centro studi Villa Negroni ha promosso una discussione sulle peculiarità necessarie per superare il momento di crisi: intelligenza artificiale su tutte
Economia
3 sett
Pil progredito in Svizzera del 2,8% su un anno
Traino l’aumento della spesa dei consumatori dovuto all’abolizione delle misure contro il Covid-19
© Regiopress, All rights reserved