laRegione
un-estate-complicata-per-gli-aeroporti-svizzeri
Keystone
Sabato con ressa a Zurigo-Kloten
Economia
19.07.21 - 15:330
Aggiornamento : 16:46

Un’estate complicata per gli aeroporti svizzeri

L’incertezza legata alla pandemia, il lavoro ridotto: gli scali elvetici confrontati con vari grattacapi. Difficile gestire i momenti di maggior influenza.

Zurigo – Nonostante il numero di viaggiatori sia inferiore al passato causa pandemia, le vacanze estive si stanno rivelando un grattacapo per i fornitori di servizi aeroportuali svizzeri. L'incertezza che regna sovrana e il regime di lavoro ridotto in cui si trovano ancora molti dipendenti nel settore del turismo rendono complicato gestire i momenti di maggiore affluenza.

Quotidianamente, in questo periodo sono attese fino a circa 55'000 persone all'aeroporto di Zurigo, il principale del Paese, afferma, interpellata dall'agenzia AWP, la portavoce Bettina Kunz. Nonostante si tratti della metà rispetto al 2019, quando il coronavirus era ancora uno sconosciuto, i giorni di punta rappresentano una sfida per il personale e le loro aziende.

‘Picchi’ giornalieri e personale che non c’è

Secondo l'addetta stampa, all'interno delle singole giornate capita poi che quasi alla stessa ora si verifichino molti decolli. Questo perché Kloten è un hub dove tanti passeggeri cambiano aereo e i voli devono quindi essere coordinati.

Parecchi collaboratori dello scalo svizzerotedesco rimangono tuttora in lavoro ridotto. Tuttavia, il tasso varia notevolmente a dipendenza della professione, precisa Kunz. Nello scorso mese di giugno la quota globale era del 30%, percentuale verosimilmente ora un po' più bassa dato il maggior volume di passeggeri a luglio.

Per esempio, i dipendenti dei negozi e dei ristoranti della struttura stanno lavorando più ore. Tutti gli esercizi sono infatti aperti, con orari specifici a seconda della giornata, sottolinea Kunz.

Difficile pianificare

Il lavoro ridotto è ancora realtà pure per il fornitore di servizi Swissport, i cui impiegati sono responsabili del check-in, dell'imbarco al gate e della gestione dei voli in pista. "La produzione totale nel settore dell'assistenza a terra in Svizzera è attualmente circa al 50%", conferma all'AWP la portavoce Nathalie Berchtold.

Il fatto che tante cose possano cambiare in poco tempo rende molto difficile per il personale una pianificazione accurata in anticipo. Stando a Berchtold l'aumento a breve termine del numero dei passeggeri e dei collegamenti, così come i continui aggiustamenti a orari e regolamenti di viaggio sono una sfida per l'intera industria dell'aviazione. Da maggio a luglio, i voli sono quasi raddoppiati e ciò richiede "un'estrema flessibilità operativa".

Per questo motivo succede che i dipendenti di Swissport debbano andare in servizio con scarso preavviso. Alcuni vengono "bloccati" fino all'ultimo: non sarebbero di turno ma devono essere pronti a lavorare e scoprono se e cosa devono fare solo dalle 18 del giorno precedente.

I sindacati si attivano

Una pratica che suscita malumore, visto che rende impossibile la pianificazione durante queste giornate di picchetto. In diversi si sono quindi rivolti al Sindacato dei servizi pubblici (VPOD/SSP), spiega il portavoce Stefan Brülisauer.

Quest'ultimo ammette come la situazione sia spinosa per i fornitori di servizi aeroportuali: "A volte le compagnie annunciano solo al mattino che un aereo arriverà nel pomeriggio". I dipendenti stanno cercando di ottenere un cambiamento: turni fissi programmati per poi essere caso mai liberati in extremis qualora la mole di lavoro scarseggi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Economia
2 ore
La Banca nazionale svizzera non cambia rotta
Invariata la politica monetaria espansiva. Tassi fermi al -0,75%. Il presidente Jordan sul caso Evergrande: né allarmismo, né sottovalutazione
Economia
3 ore
Gam chiude alcuni fondi proposti dalla succursale di Lugano
A causa della chiusura dei fondi, giudicati troppo piccoli per una gestione efficiente o con poche prospettive di crescita, 17 dipendenti lasceranno la società
Economia
1 gior
Continua il buon momento dell’edilizia
Per il Bak Economics di Basilea l’attività dovrebbe aumentare dello 0,4% quest’anno e dello 0,6% nel prossimo
Economia
1 gior
Quando una firma digitale errata fa perdere miliardi
Il costruttore ferroviario turgoviese Stadler Rail si è visto annullare una commessa per un errore formale dal Tribunale amministrativo di Vienna
Economia
1 sett
Il forum economico torna a Davos dal 17 al 21 gennaio
Quest’anno il Wef è stato annullato a causa della pandemia. ‘Sarà il primo evento di leadership globale a stabilire l’agenda per una ripresa sostenibile’
Economia
1 sett
In Svizzera la disoccupazione Ilo è al 5%, più che in Germania
Il dato tiene conto delle persone che non hanno un impiego, hanno cercato lavoro nelle quattro settimane precedenti e sono disponibili a lavorare
Economia
1 sett
Per il Credit Suisse l’inflazione è solo temporanea
Secondo gli economisti del secondo istituto finanziario svizzero la ripresa è robusta e senza timori inflativi. Il Pil dovrebbe crescere del 3,5% quest’anno
Economia
1 sett
Helvetia: entro il 2022 andranno persi 140 posti di lavoro
Il Ceo ha chiarito che una gran parte del taglio degli impieghi avverrà tramite fluttuazione naturale del personale o prepensionamento di alcuni dipendenti
Economia
1 sett
Helvetia torna in zona utili nel primo semestre
Stando ai dati diffusi oggi la società assicurativa ha realizzato un risultato positivo per 262 milioni di franchi
Economia
1 sett
Fed e Bce, prospettive capovolte
Se l’economia ricomincia a correre è perfettamente logico ridurre le misure d’emergenza e ricalibrare gli stimoli monetari
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile