laRegione
commercio-mondiale-in-ripresa-trasporti-sotto-pressione
Importante riapertura dei mercati Usa e europeo dopo la pandemia (foto archivio Keystone)
11.07.21 - 11:16
Aggiornamento: 13:37
Ats, a cura de laRegione

Commercio mondiale in ripresa, trasporti sotto pressione

Sollecitato soprattutto quello marittimo. Le principali ragioni: forte aumento delle importazioni dall'Asia e necessità di fare scorta.

Il commercio mondiale ha già avuto una forte ripresa e si prevede che quest'anno crescerà ancora. Secondo uno studio di Euler Hermes pubblicato venerdì, si prevede che sarà guidato dalla ripresa economica, che sta aumentando il costo delle importazioni, in particolare per il trasporto marittimo.

L'aumento dopo la pandemia

In tutto l'anno, il commercio internazionale dovrebbe crescere del 7,7% in volume e del 15,9% in valore, dopo essere sceso rispettivamente dell'8% e del 9,9% l'anno scorso, si prevede.

"La riapertura delle economie in Europa e negli Stati Uniti sta portando a un forte aumento delle importazioni dall'Asia per queste due regioni, il che sostiene fortemente il commercio mondiale in termini di volume", spiega lo studio.

Oltre all'aumento della domanda, le aziende hanno bisogno di ricostituire le loro scorte, che sono state in gran parte esaurite l'anno scorso quando il commercio è stato praticamente bloccato dalla pandemia.

Di conseguenza, il trasporto delle merci, e in particolare il trasporto marittimo, sta lottando per tenere il passo con la domanda, portando a una carenza di container e a costi di trasporto più elevati. Quindi un aumento del valore del commercio maggiore dell'aumento del volume.

Dal sessanta al 65% delle navi container hanno subito ritardi di consegna dall'inizio dell'anno, rispetto al 20% circa prima della crisi, secondo l'assicuratore del credito.

Un improvviso aumento dei prezzi di trasporto

Questo fenomeno si autoalimenta: "L'improvviso aumento dei prezzi sta costringendo le aziende a cambiare le loro strategie di gestione delle azioni. Stanno passando da un modello "just in time" a un modello "just in case", comprando in fretta beni intermedi per proteggersi da possibili ulteriori aumenti di prezzo", spiega Euler Hermes.

Le aziende europee sono particolarmente colpite, poiché le loro scorte erano inferiori a quelle dei loro concorrenti americani e asiatici. I settori con la gestione delle scorte più stretta, come l'industria automobilistica e tessile, sono anche più colpiti.

Euler Hermes si aspetta che la pressione sui costi persista anche nel 2022, dato che il commercio mondiale continua a crescere.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
commercio mondiale pressione ripresa trasporto
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Economia
2 gior
Avenir Suisse critico sulla riforma fiscale Ocse
Per il ‘think tank’ liberale, le entrate supplementari derivanti dalla nuova tassazione minima delle multinazionali sono sovrastimate
Economia
2 gior
Cambio franco-euro, battuto un nuovo record
Alle 10.30 la moneta unica tocca soglia 0,9661. Ancora a gennaio il tasso era a 1,038
Economia
2 gior
Produzione e import, prezzi in calo in luglio
Su base annua, il livello dell’offerta totale dei prodotti indigeni e importati è aumentato del 6,3%
Economia
6 gior
Fallimenti aziendali in forte aumento in Svizzera
Il Ticino è fra i cantoni con meno casi di insolvenza. Lo rileva la Dun & Bradstreet
Economia
1 sett
Gli esperti dell’Ubs escludono un rapido calo dell’inflazione
Il rialzo dei prezzi proseguirà anche nel secondo semestre: il tasso annuale dovrebbe attestarsi al 3,1%. Raiffeisen rivede al ribasso le previsioni 2022
Economia
1 sett
Smartphone: crollano le spedizioni in Europa
‘Molti Paesi si stano avvicinando alla recessione, con maggiori tensioni politiche’, scrive Counterpoint Research che si attende una ripresa lunga e lenta
Economia
1 sett
Migliaia di impieghi a rischio a Credit Suisse
L’agenzia Bloomberg riferisce di un piano per attuare una drastica cura dimagrante nei prossimi anni. La banca non commenta
Economia
1 sett
Swiss torna in attivo nel primo semestre
Il fatturato è più che raddoppiato e il numero di passeggeri è quintuplicato. Nel 2020 e 2021 aveva registrato grandi perdite a causa della pandemia
Economia
2 sett
Boom di Airbnb: oltre 100 milioni di notti prenotate in 3 mesi
La piattaforma segna il record di prenotazioni per l’estate, che sarà la più redditizia di sempre. Ricavi in crescita del 58%
Economia
2 sett
Catastrofi naturali, danni per 75 miliardi nel primo semestre
Secondo la stima di Swiss Re, la cifra è inferiore sia a quella del 2021, sia alla media degli ultimi dieci anni
© Regiopress, All rights reserved