laRegione
18.06.21 - 12:54
Aggiornamento: 18:04

Congedo parentale senza più distinzioni fra generi all’Abb

Il gruppo elvetico-svedese fa da apripista: 12 settimane al genitore ‘principalmente responsabile’, indipendentemente dal sesso.

congedo-parentale-senza-piu-distinzioni-fra-generi-all-abb
Keystone
Abb implementa la sua strategia su diversità e inclusione globale

Zurigo – Dal 1° gennaio 2022 vi saranno novità per i neogenitori in organico al gruppo industriale elvetico-svedese ABB. Chi verrà identificato come la persona principalmente responsabile del bambino riceverà un congedo di dodici settimane, mentre chi sarà definito tutore secondario avrà diritto a quattro settimane. Scompaiono dunque le differenze fra sessi.

Stando a un comunicato odierno dell'azienda, ciò varrà per ogni impiegato nel mondo che rientra in diverse categorie. Il congedo parentale retribuito concerne infatti anche casi di adozione (sotto i tre anni) e di maternità surrogata, oltre ovviamente chi diventa genitore nel senso "tradizionale".

La misura è da collegare alla strategia su diversità e inclusione globale lanciata da ABB lo scorso autunno per garantire al personale parità di trattamento. Eliminando qualsiasi distinzione di genere, la società intende infatti fornire a tutti la possibilità di trascorrere più tempo con i propri figli neonati, si legge nella nota.

Il congedo parentale potrà essere preso entro il primo anno dalla nascita o dall'adozione. I regolamenti interni ad ABB verrebbero a cadere nel caso in cui le norme locali di un Paese superassero quelle dell'azienda, ovvero se la legge imponesse un permesso più lungo delle settimane offerte dal datore di lavoro.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Economia
2 gior
Banca Migros supera il milione di clienti
La clientela nel 2022 registra un +27% rispetto all’anno precedente, sulla scia dell’introduzione della nuova carta di credito Cumulus
Economia
3 gior
Credit Suisse prevede un’inflazione più alta
La banca scommette su un rincaro 2023 che dovrebbe raggiungere l’1,7%, oltre a un aumento pari a 1,75% anche per i tassi della Banca nazionale svizzera
Economia
3 gior
Blocchi regionali e protezionismo contro le economie emergenti
I Paesi Non Allineati Nuovi (Nan) temono che la loro crescita venga ostacolata dai muri commerciali eretti da Stati Uniti, Europa e Cina
Economia
3 gior
E all’improvviso nulla più turba le Borse
Inflazione, tassi d’interessi più elevati, rallentamento cinese, timori di recessione: in Europa e negli Usa l’ottimismo si diffonde, nonostante tutto
Economia
1 sett
Lufthansa vuole comprare una quota di Ita Airways
È l’unica offerta arrivata al Governo italiano, tedeschi pronti a rilevare l’intera compagnia aerea
Economia
1 sett
Importante cessione nel settore chimico
Sika, gruppo attivo nelle specialità chimiche, ha deciso di vendere una parte dell’ex filiale del colosso tedesco Basf
Speciale Economia
1 sett
La deglobalizzazione non è la strada giusta
Economia
2 sett
Il franco si indebolisce sull’euro: moneta europea sopra 1,00
È la prima volta dall’inizio di luglio 2022 che l’euro torna sopra la parità
Economia
2 sett
Pry-Cam Home, la nuova frontiera di Prysmian
Il colosso mondiale della produzione di cavi ad alta tecnologia entra nelle case con una tecnologia che monitora la rete elettrica domestica
Economia
2 sett
Anno turbolento alle spalle, 2023 complicato per chi investe
Tensioni geopolitiche, crisi energetica, inflazione, incognite legate alla politica monetaria: quattro analisti valutano le prospettive degli investimenti
© Regiopress, All rights reserved