laRegione
il-patron-di-tesla-abbandona-i-bitcoin
(Keystone)
13.05.21 - 11:08
di Ats - Ansa

Il patron di Tesla abbandona i bitcoin

La criptovaluta non sarà più accettata come forma di pagamento. Per produrla si usa troppa energia fossile

Ha scelto Twitter il patron di Tesla per esternare la sua preoccupazione per l'utilizzo di fonti fossili nella produzione del bitcoin, una delle criptovalute. Da lì l'annuncio che il gruppo non lo accetterà più come forma di pagamento delle auto del marchio, preferendo eventuali altre criptovalute che generano minore inquinamento. Elon Musk ha anche precisato, però, che non venderà i bitcoin in proprio possesso.

"Siamo preoccupati per il rapido aumento dell'uso di combustibili fossili per l'estrazione e le transazioni di bitcoin, in particolare di carbone, che ha le peggiori emissioni di qualsiasi combustibile", è il tweet di Musk. "La criptovaluta è una buona idea a molti livelli e crediamo che abbia un futuro promettente, ma questo non può avere un grande costo per l'ambiente", aggiunge l'amministratore delegato (ad) di Tesla, da sempre sponsor della moneta virtuale. Il processo di generazione dei bitcoin prevede la risoluzione di calcoli estremamente complessi che richiedono computer molto potenti e processori ad alte prestazioni.

Il 'mining' del bitcoin, letteralmente l'estrazione della criptovaluta, richiede dunque l'utilizzo di una sorta di supercomputer, equipaggiati con decine di processori, e che richiedono sistemi di raffreddamento molto efficienti e avidi di energia, indispensabili per evitare il surriscaldamento delle macchine. Secondo un team di ricercatori dell'Università di Cambridge, l'elaborazione a livello mondiale della moneta consuma una quantità di energia elettrica pari al fabbisogno dell'intera Argentina.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bitcoin criptovaluta energia tesla
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Economia
12 ore
Gli esperti dell’Ubs escludono un rapido calo dell’inflazione
Il rialzo dei prezzi proseguirà anche nel secondo semestre: il tasso annuale dovrebbe attestarsi al 3,1%. Raiffeisen rivede al ribasso le previsioni 2022
Economia
2 gior
Smartphone: crollano le spedizioni in Europa
‘Molti Paesi si stano avvicinando alla recessione, con maggiori tensioni politiche’, scrive Counterpoint Research che si attende una ripresa lunga e lenta
Economia
5 gior
Migliaia di impieghi a rischio a Credit Suisse
L’agenzia Bloomberg riferisce di un piano per attuare una drastica cura dimagrante nei prossimi anni. La banca non commenta
Economia
5 gior
Swiss torna in attivo nel primo semestre
Il fatturato è più che raddoppiato e il numero di passeggeri è quintuplicato. Nel 2020 e 2021 aveva registrato grandi perdite a causa della pandemia
Economia
6 gior
Boom di Airbnb: oltre 100 milioni di notti prenotate in 3 mesi
La piattaforma segna il record di prenotazioni per l’estate, che sarà la più redditizia di sempre. Ricavi in crescita del 58%
Economia
1 sett
Catastrofi naturali, danni per 75 miliardi nel primo semestre
Secondo la stima di Swiss Re, la cifra è inferiore sia a quella del 2021, sia alla media degli ultimi dieci anni
Economia
1 sett
Commercio al dettaglio, aumentato il fatturato a giugno
L’incremento è del 3,2% rispetto all’anno precedente. Lo ha rilevato l’Ufficio federale di statistica.
Economia
1 sett
Fatturato stagnante nel secondo trimestre per Sunrise
Buone notizie dal settore della telefonia mobile, con un aumento netto di 47mila abbonamenti
Economia
1 sett
Profondo rosso per Renault nel primo semestre dell’anno
L’uscita dal mercato russo dopo l’invasione dell’Ucraina pesa sulle casse della casa automobilistica: perdite per 1,6 miliardi di euro
Economia
1 sett
Sulzer chiude il semestre in rosso. Ma era tutto previsto
I risultati operativi sono segnati dagli oneri legati alla chiusura dei siti polacchi e dall’abbandono di tutte le attività in Russia
© Regiopress, All rights reserved