laRegione
postfinance-una-banca-gli-uffici-postali-pagherebbero-pegno
(Ti-Press)
Economia
22.02.21 - 09:170
Aggiornamento : 16:27

Postfinance una banca? Gli uffici postali pagherebbero pegno

A dichiararlo è Roberto Cirillo, direttore generale della Posta in una intervista. Verrebbero a mancare 300 milioni di franchi

Una eventuale privatizzazione di Postfinance avrebbe un impatto considerevole sul numero di uffici postali. Lo sostiene il direttore generale della Posta Roberto Cirillo in una intervista pubblicata oggi dalla Neue Zürcher Zeitung. Poiché Postfinance delega una parte dei suoi servizi di pagamento agli sportelli della Posta, il ramo finanziario del gigante giallo contribuisce al finanziamento della rete postale. "Se questi 300 milioni di franchi dovessero venire a mancare, ciò averebbe un impatto enorme sulla rete degli uffici postali", sottolinea Cirillo. In caso di privatizzazione, spetterebbe ai politici definire come dovrebbe essere il servizio postale in futuro, afferma Cirillo. Il direttore generale esclude comunque qualsiasi rischio finanziario per La Posta.

L'Ufficio federale delle comunicazioni (Ufcom) in un rapporto pubblicato all'inizio di febbraio evoca un problema di redditività a partire dal 2025. "Posso garantire che con la nostra strategia, saremo in grado di assicurare autonomamente a lungo termine il servizio postale di base", sostiene Cirillo.

Un mese fa il Consiglio federale ha annunciato la volontà di privatizzare completamente Postfinance, che verrebbe trasformata in una banca. La filiale della Posta è uno dei cinque istituti finanziari sistemici svizzeri.
 
 

TOP NEWS Economia
Economia
10 ore
Moderna spinge sulla produzione del vaccino
La casa farmaceutica annuncia un miliardo di dosi per il 2021 e 1,4 miliardi per il prossimo anno
Economia
1 gior
La pandemia pesa sull'industria metalmeccanica ed elettrica
Calo del 10% del giro d'affari, -12% alle esportazioni e -7% sui nuovi ordinativi nel 2020 rispetto all'anno precedente. Segnali di ripresa nel 2021
Economia
1 gior
EFG International: nel 2020 risultati in crescita del 22%
Il gruppo bancario zurighese che nel 2016 ha inglobato la ex Banca della Svizzera italiana ha realizzato un utile netto di 115 milioni di franchi
Economia
3 gior
Supsi, una tavola rotonda su finanza e rapporti con l’Italia
La organizza online il Centro di competenze tributarie per il 2 marzo dalle 12.00 alle 13.30
Economia
5 gior
L’ondata di sussidi e lo spettro dell’inflazione
L’amministrazione Biden mette in campo ancora più spesa pubblica. Il rischio? Surriscaldare l’economia, afferma Larry Summers
Economia
5 gior
Bitcoin: pazza corsa senza freni. Il rischio: la bolla
Sfondata la quota dei 1'000 miliardi di capitalizzazione di mercato per la criptovaluta, che solo quest'anno è cresciuta di oltre l'85%
Economia
1 sett
Credit Suisse registra un calo dell'utile
A pesare sul risultato, atteso, sono gli ingenti costi per cause legali e una forte svalutazione.
Economia
1 sett
Nuove nomine in Banca del Sempione Sa
Il consiglio di amministrazione informa sui cambiamenti nell'organigramma a partire dal 1° marzo 2021
Economia
1 sett
Il nodo dei capital gain, elemento d’incertezza giuridica
Gli utili in conto capitale di regola non sono tassati se conseguiti nell’ambito di una normale gestione del risparmio privato. Ci sono delle eccezioni
Economia
1 sett
Contraccolpo Brexit, Amsterdam supera Londra nel trading
La piazza finanziaria olandese è diventata, il mese scorso, la prima per transazioni in Europa
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile