laRegione
14.01.21 - 07:47

Tesla, negli Usa chiesto il ritiro di 158mila vetture

L'agenzia americana per la sicurezza stradale ha rilevato problemi legati all'esaurimento della memoria nel computer di bordo

di Ats/Ansa
tesla-negli-usa-chiesto-il-ritiro-di-158mila-vetture
Uno dei modelli finiti nel mirino (Wikipedia)

L'agenzia americana per la sicurezza stradale Nhtsa (National Highway Traffic Safety Administration) chiede a Tesla di richiamare 158'000 auto negli Stati Uniti per una questione di sicurezza legata all'esaurimento della memoria nel computer di bordo, in particolare nel sistema di infotainment. Le auto interessate sono le berline Model S prodotte tra il 2012 e il 2018 e i suv da città Model X prodotti dal 2016 al 2018, secondo una lettera inviata al produttore di veicoli elettrici. Il regolatore afferma che la sua indagine "ha concluso che nei modelli esaminati esiste un difetto relativo alla sicurezza".

Una questione di memoria

La memoria dei computer di bordo, in particolare il sistema di infotainment (Mcu), ha un ciclo di vita limitato, il che significa che questo sistema potrebbe non funzionare più correttamente dopo un certo numero di programmi. Questo problema può anche causare l'eliminazione dei cicli di memoria. "Durante un guasto dell'Mcu lo schermo diventa nero e la telecamera di visione posteriore, anch'essa una telecamera di sicurezza, non è più disponibile per il conducente. Se l'immagine non è più disponibile, aumenta il rischio di incidenti, che possono potenzialmente portare a lesioni o addirittura alla morte", spiega Nhtsa. Questo problema può anche interessare il pilota automatico, l'assistenza alla guida montata sulle auto Tesla, avverte il regolatore.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Economia
2 gior
Banca Migros supera il milione di clienti
La clientela nel 2022 registra un +27% rispetto all’anno precedente, sulla scia dell’introduzione della nuova carta di credito Cumulus
Economia
3 gior
Credit Suisse prevede un’inflazione più alta
La banca scommette su un rincaro 2023 che dovrebbe raggiungere l’1,7%, oltre a un aumento pari a 1,75% anche per i tassi della Banca nazionale svizzera
Economia
3 gior
Blocchi regionali e protezionismo contro le economie emergenti
I Paesi Non Allineati Nuovi (Nan) temono che la loro crescita venga ostacolata dai muri commerciali eretti da Stati Uniti, Europa e Cina
Economia
3 gior
E all’improvviso nulla più turba le Borse
Inflazione, tassi d’interessi più elevati, rallentamento cinese, timori di recessione: in Europa e negli Usa l’ottimismo si diffonde, nonostante tutto
Economia
1 sett
Lufthansa vuole comprare una quota di Ita Airways
È l’unica offerta arrivata al Governo italiano, tedeschi pronti a rilevare l’intera compagnia aerea
Economia
1 sett
Importante cessione nel settore chimico
Sika, gruppo attivo nelle specialità chimiche, ha deciso di vendere una parte dell’ex filiale del colosso tedesco Basf
Speciale Economia
1 sett
La deglobalizzazione non è la strada giusta
Economia
2 sett
Il franco si indebolisce sull’euro: moneta europea sopra 1,00
È la prima volta dall’inizio di luglio 2022 che l’euro torna sopra la parità
Economia
2 sett
Pry-Cam Home, la nuova frontiera di Prysmian
Il colosso mondiale della produzione di cavi ad alta tecnologia entra nelle case con una tecnologia che monitora la rete elettrica domestica
Economia
2 sett
Anno turbolento alle spalle, 2023 complicato per chi investe
Tensioni geopolitiche, crisi energetica, inflazione, incognite legate alla politica monetaria: quattro analisti valutano le prospettive degli investimenti
© Regiopress, All rights reserved