laRegione
verso-nuova-ondata-di-soppressioni-di-impieghi-in-svizzera
(Keystone)
Economia
12.01.21 - 15:430

Verso nuova ondata di soppressioni di impieghi in Svizzera

Lo rileva uno studio realizzato dall'azienda attiva nella consulenza per le risorse umane von Rundstedt. Sempre più importante la rete di contatti personali

Una nuova ondata di soppressioni di impieghi è da temere nei prossimi tre-sei mesi a causa delle incertezze economiche legate alla pandemia di Covid-19. Lo rileva uno studio realizzato dall'azienda attiva nella consulenza per le risorse umane von Rundstedt. Di fronte alle difficoltà per ritrovare un posto di lavoro, la rete di contatti personali diventa sempre più importante.

Gli specialisti di von Rundstedt, che hanno interrogato oltre 2'000 persone licenziate e 200 imprese, si attendono nuove soppressioni di posti a causa "di budget conservativi per il 2021 stabiliti dalle grandi società", si legge in una nota odierna.

Una prima ondata di licenziamenti aveva avuto luogo dopo il semi-confinamento di marzo-aprile 2020 e aveva essenzialmente interessato i lavoratori interinali e gli impiegati di piccole società, seguita in luglio da soppressioni di impieghi in grandi aziende.

Mentre negli ultimi due anni, sono stati soprattutto i settori della finanza e dell'industria farmaceutica ad essere toccati dal fenomeno, oggi è essenzialmente il commercio (al dettaglio, dei beni di consumo e del lusso) ad essere colpito. I servizi alle imprese sono pure interessati dalle soppressioni.

Come hanno rilevato altri studi - in particolare quello di ACF Switzerland, associazione federativa che riunisce società attive nel sostegno alla carriera di lavoratori qualificati, pubblicato ad inizio gennaio - aumenta il tempo necessario per trovare un nuovo impiego dopo il licenziamento. In questo contesto, le reti personali e i nuovi posti non annunciati acquistano importanza.

Nel 2020, il periodo necessario per ritrovare un nuovo lavoro si è allungato di 1,5 mesi a 6,9 mesi. Secondo gli esperti di von Rundstedt, non sono i posti vacanti che vengono a mancare, ma sono i processi di assunzione ad essersi allungati. Tra i punti positivi i salari, che sono rimasti stabili.

La Segreteria di Stato dell'economia (SECO) aveva indicato venerdì che la crisi sanitaria ha colpito fortemente il mercato del lavoro. Il tasso di disoccupazione ha raggiunto il 3,1% nel 2020 e aumenterà verosimilmente ancora in gennaio, prima di riscendere con l'approssimarsi dell'estate.
 
 

TOP NEWS Economia
Economia
1 gior
Tesla, negli Usa chiesto il ritiro di 158mila vetture
L'agenzia americana per la sicurezza stradale ha rilevato problemi legati all'esaurimento della memoria nel computer di bordo
Economia
3 gior
Ubs sopprimerà 44 filiali in Svizzera, tre in Ticino
La conferma arriva da Axel Lehmann, responsabile per la Svizzera dell'istituto bancario elvetico
Economia
3 gior
I media: 'Ubs pianifica di chiudere 40 filiali in Svizzera'
Lo annunciano le testate Ch-Media citando fonti interne. Il colosso bancario non commenta
Economia
4 gior
PwC Svizzera e Fidinam avviano una collaborazione
Venticinque collaboratori di PwC verranno integrati nella società ticinese per implementare il progetto Abacus
Economia
4 gior
Migliora la reputazione dell'economia svizzera nei media
La percezione dell'economia locale si è sviluppata positivamente nonostante il Covid grazie in gran parte al settore finanziario
Economia
5 gior
Gli investitori guardano al 2021 con forte ottimismo
Secondo i principali analisti la ripresa economica sarà più robusta del previsto
Economia
5 gior
Apple e Google, la gara dei 'frenemies'
In realtà le due giganti dell'high-tech dipendono l'una dall'altra e lavorano insieme
Economia
1 sett
Anche la disoccupazione è pandemica
Salito il tasso dei senza lavoro sia in Svizzera che in Ticino dove sfiora il 4%. Boom di lavoro ridotto e di persone alla ricerca d’impiego
Economia
1 sett
Trasporto aereo e coronavirus, a novembre stop alla ripresa
Nel mese di novembre il traffico aereo ha registrato il -70,3% di passeggeri in meno rispetto allo stesso mese dell'anno precedente
Economia
1 sett
Onere fiscale al 24,7% nel 2021, Ticino poco sopra la media
Lo indica una nota dell'Amministrazione federale delle finanze (AFF). Nella Svizzera centrale il carico fiscale più leggero, in Ticino è circa il 26%
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile