laRegione
anche-la-disoccupazione-e-pandemica
(archivio Ti-Press)
Economia
08.01.21 - 10:380
Aggiornamento : 20:19

Anche la disoccupazione è pandemica

Salito il tasso dei senza lavoro sia in Svizzera che in Ticino dove sfiora il 4%. Boom di lavoro ridotto e di persone alla ricerca d’impiego

Nonostante il massiccio ricorso al lavoro ridotto aumenta in Svizzera la disoccupazione, che segna in dicembre il livello più alto dell'anno: il tasso ha raggiunto il 3,5%, il massimo da quasi quattro anni a questa parte. I senza lavoro hanno superato la soglia psicologica dei 160 mila per la prima volta dal gennaio 2017, si registra un netto aumento dei disoccupati di lunga durata e dei disoccupati stranieri, mentre le persone in cerca di impiego non sono mai state così tante negli ultimi 20 anni.

Su base annua a livello nazionale l'aumento del tasso è stato di 1,0 punti, emerge dai dati pubblicati oggi dalla Segreteria di Stato dell'economia (Seco). In novembre il dato era al 3,3%. Finora l'apice dell'anno era stato registrato in maggio, con il 3,4%. Per l'insieme del 2020 il tasso medio è del 3,1%.

Alla fine di dicembre erano 163'545 i disoccupati iscritti presso gli uffici regionali di collocamento (Urc), 10'275 in più di 31 giorni prima. Sull'arco dei dodici mesi si regista una crescita ancora più netta, pari a +46'258 unità: concretamente in fila davanti agli sportelli vi era il 40% di persone in più. Per l'insieme del 2020 la media annua del numero dei disoccupati ammonta a 145'720 (+38'788 rispetto al 2019, ovvero +36%).

Secondo la Seco il fatto che la disoccupazione non sia aumentata ulteriormente sulla scia delle misure prese per contenere il coronavirus è dovuto al forte ricorso alle indennità per lavoro ridotto (ILR). Il numero di lavoratori interessati, molto basso a febbraio (5045), è balzato a 1,0 milioni in marzo, raggiungendo il massimo storico di circa 1,3 milioni in aprile.

Forte aumento in Ticino

In Ticino nel dodicesimo mese dell'anno il tasso di disoccupazione si è attestato al 3,8% (+0,2 rispetto a novembre e +0,5 in confronto a dicembre 2019), nei Grigioni all'1,9% (-0,2 e +0,4).

I cantoni romandi rimangono i più colpiti dalla disoccupazione. Con un tasso del 5,6% il primato negativo spetta al Giura, seguito da Ginevra (5,4%), Neuchâtel (5,0%) e Vaud (4,9%). Alto è anche in valore di Basilea Città (4,3%) e Sciaffusa (4,0%). Con un tasso dello 0,9%, Appenzello interno è invece il cantone con meno disoccupati. Il motore economico della nazione, Zurigo, è al 3,5%, perfettamente in linea con la media nazionale.

Il Ticino è al decimo posto fra i più toccati dal problema, mentre i Grigioni sono al sesto rango nella graduatoria dei meno colpiti. In termini assoluti, da Airolo a Chiasso si contano 6464 disoccupati (+331 mensile, +837 annuo), mentre nelle valli retiche la cifra è di 2161 (-125 e +544).

Tornando all'ambito nazionale, dai dati pubblicati dalla Seco emerge anche che il numero di giovani (15-24 anni) disoccupati è aumentato di 204 unità rispetto a novembre a un totale di 17'694, cioè 5304 persone in più (+43%) che un anno prima. Il tasso per questa fascia di età si è attestato al 3,4%, in progressione di 0,1 punti (mese) e 1,0 punti (anno). I lavoratori ultra 50enni sono al 3,4% (+0,3 mensile, +0,9 annuo). I disoccupati di lunga durata (cioè quelli iscritti agli Urc da oltre un anno) erano 29'670, il 10% in più di novembre e il 118% in più (+16'039) di dodici mesi prima: 739 giovani, 16'401 25-49enni e 12'462 ultra 50enni.

Fenomeno più diffuso tra gli stranieri

Leggendo i dati in base alla nazionalità, gli svizzeri presentano una quota di senza lavoro del 2,5% (+0,1 mensile, +0,7 annuo), gli stranieri del 6,4% (+0,6 e +1,8). Per paese di provenienza, i tassi sono più elevati per i bulgari (15,3%), i rumeni (11,5%), gli africani (11,3%) - che la Seco considera nel loro insieme -, i polacchi (9,6%), i kosovari (9,3%) e gli ungheresi (8,4%). L'Ue è al 5,8%. Riguardo ai principali paesi confinanti, la Francia è al 6,7%, l'Italia al 6,0% e la Germania al 3,9%.

I dati diffusi dalla Seco si basano sulle persone effettivamente iscritte agli Urc. La definizione è quindi diversa da quella dei disoccupati ai sensi dell'Ufficio internazionale del lavoro (Ilo), che opera attraverso sondaggi e che rende nota la sua stima trimestralmente: l'ultima disponibile - pubblicata a metà novembre - dà la disoccupazione in Svizzera nel terzo trimestre al 5,3%. Lo scarto fra i due dati - quello della Seco e quello Ilo - suscita spesso acceso dibattito.

Un dato depurato da chi ha mezzi propri o si trova in assistenza

Le quote di senza lavoro registrate dalla Seco sono comunque tradizionalmente basse: negli ultimi 20 anni il valore mensile più elevato è stato del 4,3%, osservato nel gennaio 2004. Va anche sottolineato come i dati sulla disoccupazione non tengano conto di coloro che hanno esaurito il diritto a ricevere le prestazioni e che ad esempio vivono di risparmi o si trovano a beneficio dell'assistenza.

Complessivamente, afferma ancora la Seco, le persone in cerca d'impiego registrate nel mese scorso erano 260'318, il 4% in più rispetto a novembre, il 35% in più di dodici mesi prima e valore più alto dal febbraio 1997. Tale cifra comprende, oltre ai disoccupati iscritti, le persone che frequentano corsi di riconversione o di perfezionamento, che seguono programmi occupazionali o che conseguono un guadagno intermedio. Il numero dei posti vacanti annunciati presso gli uffici di collocamento è pari 25'226 (-3635 rispetto a novembre e -4494 su base annua).

I funzionari di Berna hanno pubblicato anche i dati relativi al lavoro ridotto per il mese di ottobre (ultimo dato disponibile): ha colpito 219'388 persone, ovvero 15'197 in più (+7%) rispetto al mese precedente. Il numero delle aziende interessate è aumentato di 2663 unità (+13%) portandosi a 22'853. Il numero delle ore di lavoro perse è salito di 0,9 milioni (+8%), per un totale di 12,8 milioni di ore.

Nel corrispondente periodo dell'anno precedente (ottobre 2019) erano state registrate 129'600 ore perse, ripartite su 1772 persone in 113 aziende. Sempre in ottobre 2245 persone hanno esaurito il diritto alle prestazioni dell'assicurazione contro la disoccupazione.

A causa della pandemia la Confederazione ha concesso all'assicurazione contro la disoccupazione un finanziamento supplementare straordinario pari all'indennità per lavoro ridotto versata per i periodi di conteggio dell'anno 2020. Pertanto, secondo le stime attuali, il fondo di compensazione dell'assicurazione chiuderà l'esercizio 2020 con 19,0 miliardi di franchi di entrate (2019: 8,1 miliardi) e 18,8 miliardi di uscite (6,5 miliardi), con un'eccedenza pari a 0,2 miliardi di franchi (2019: eccedenza 1,6 miliardi).

TOP NEWS Economia
Economia
2 gior
Moderna spinge sulla produzione del vaccino
La casa farmaceutica annuncia un miliardo di dosi per il 2021 e 1,4 miliardi per il prossimo anno
Economia
3 gior
La pandemia pesa sull'industria metalmeccanica ed elettrica
Calo del 10% del giro d'affari, -12% alle esportazioni e -7% sui nuovi ordinativi nel 2020 rispetto all'anno precedente. Segnali di ripresa nel 2021
Economia
3 gior
EFG International: nel 2020 risultati in crescita del 22%
Il gruppo bancario zurighese che nel 2016 ha inglobato la ex Banca della Svizzera italiana ha realizzato un utile netto di 115 milioni di franchi
Economia
5 gior
Postfinance una banca? Gli uffici postali pagherebbero pegno
A dichiararlo è Roberto Cirillo, direttore generale della Posta in una intervista. Verrebbero a mancare 300 milioni di franchi
Economia
6 gior
Supsi, una tavola rotonda su finanza e rapporti con l’Italia
La organizza online il Centro di competenze tributarie per il 2 marzo dalle 12.00 alle 13.30
Economia
1 sett
L’ondata di sussidi e lo spettro dell’inflazione
L’amministrazione Biden mette in campo ancora più spesa pubblica. Il rischio? Surriscaldare l’economia, afferma Larry Summers
Economia
1 sett
Bitcoin: pazza corsa senza freni. Il rischio: la bolla
Sfondata la quota dei 1'000 miliardi di capitalizzazione di mercato per la criptovaluta, che solo quest'anno è cresciuta di oltre l'85%
Economia
1 sett
Credit Suisse registra un calo dell'utile
A pesare sul risultato, atteso, sono gli ingenti costi per cause legali e una forte svalutazione.
Economia
1 sett
Nuove nomine in Banca del Sempione Sa
Il consiglio di amministrazione informa sui cambiamenti nell'organigramma a partire dal 1° marzo 2021
Economia
2 sett
Il nodo dei capital gain, elemento d’incertezza giuridica
Gli utili in conto capitale di regola non sono tassati se conseguiti nell’ambito di una normale gestione del risparmio privato. Ci sono delle eccezioni
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile