laRegione
il-virus-non-frena-l-industria-svizzera-continua-la-ripresa
Ti-Press
04.01.21 - 10:40

Il virus non frena l'industria svizzera: continua la ripresa

Nonostante la seconda ondata, l'indice Pmi raggiunge il livello più alto dal settembre 2018; il più basso era stato ad aprile 2020 durante il lockdown

La ripresa in atto nell'industria svizzera sta proseguendo, nonostante la seconda ondata del coronavirus, mentre il comparto dei servizi sta subendo un rallentamento, ma non un crollo come quello subito in primavera.

Sono queste, in estrema sintesi, le indicazioni che emergono studiando l'operato dei manager che, nelle imprese, si occupano degli acquisti aziendali, cristallizzate in un sondaggio condotto dall'associazione di categoria Procure.ch. I dati vengono poi interpretati dagli specialisti di Credit Suisse.

Stando alle informazioni diffuse oggi dalla banca, l'indice dei responsabili degli acquisti (Purchasing Manager's Index, PMI) nel settore industriale è salito in dicembre a 58,0 punti, 2,7 in più di novembre e 9,1 più di un anno prima.

Malgrado la situazione sanitaria imposta dal Covid-19 l'indicatore si conferma quindi oltre la soglia di crescita pari a 50 punti, superata ormai ininterrottamente dall'agosto scorso, e raggiunge il livello più alto dal settembre 2018. Il punto più basso del 2020 era stato rilevato in aprile, con 40,7 punti.

Secondo gli esperti di Credit Suisse sono probabilmente due i motivi dello sviluppo migliore rispetto alla prima ondata della pandemia. In primo luogo, a differenza della primavera le catene di approvvigionamento sono ora in funzione. Secondariamente, l'Asia - Cina, ma anche Giappone e Corea del Sud - sembra controllare la situazione dei contagi: le industrie elvetiche beneficiano così della domanda del continente non solo direttamente, ma anche indirettamente, ad esempio come fornitrici dell'industria automobilistica tedesca.

Incoraggiante è inoltre il fatto che per la prima volta dall'inizio della crisi del coronavirus nel febbraio 2020 le aziende del ramo non hanno ridotto ulteriormente il loro organico. Al contrario, con 52,3 punti il sottoindice occupazione in dicembre è tornato al di sopra della soglia di crescita.

Nei servizi per contro l'indice PMI è tuttora sotto il livello di 50: si è attestato a 49,2 punti, con variazioni di +1,2 punti (mensile) e -1,1 (annuo). In novembre, sulla scia della seconda ondata, era stato misurato un valore di 48,0 punti, valore peggiore dallo scorso maggio, ma superiore ad aprile, quando l'indicatore era sceso a 21,4 punti, record negativo assoluto.

A quanto sembra hanno avuto un effetto attenuante le misure governative di contenimento del virus più blande che in primavera nella maggior parte della Svizzera, nonché la maggiore conoscenza dei consumatori e dei fornitori di servizi in materia di protezione contro la pandemia. Va inoltre notato che il sondaggio è stato effettuato tra il 16 e il 18 dicembre 2020: le cifre non riflettono quindi tutti gli effetti delle nuove misure adottate dal Consiglio federale il 18 dicembre.

Nonostante la perdita di posti di lavoro sia proseguita, con 49,0 punti il sottoindice occupazione si è attestato per la prima volta appena al di sotto della soglia di crescita. Nel contempo è comunque anche aumentato il tasso di ricorso al lavoro ridotto: si è attestato all'8% in dicembre, un dato da mettere in confronto con il valore più alto di aprile (32%) e quello più basso di ottobre (6%).

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
coronavirus indice pmi industria svizzera ripresa
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Economia
2 gior
Avenir Suisse critico sulla riforma fiscale Ocse
Per il ‘think tank’ liberale, le entrate supplementari derivanti dalla nuova tassazione minima delle multinazionali sono sovrastimate
Economia
2 gior
Cambio franco-euro, battuto un nuovo record
Alle 10.30 la moneta unica tocca soglia 0,9661. Ancora a gennaio il tasso era a 1,038
Economia
2 gior
Produzione e import, prezzi in calo in luglio
Su base annua, il livello dell’offerta totale dei prodotti indigeni e importati è aumentato del 6,3%
Economia
6 gior
Fallimenti aziendali in forte aumento in Svizzera
Il Ticino è fra i cantoni con meno casi di insolvenza. Lo rileva la Dun & Bradstreet
Economia
1 sett
Gli esperti dell’Ubs escludono un rapido calo dell’inflazione
Il rialzo dei prezzi proseguirà anche nel secondo semestre: il tasso annuale dovrebbe attestarsi al 3,1%. Raiffeisen rivede al ribasso le previsioni 2022
Economia
1 sett
Smartphone: crollano le spedizioni in Europa
‘Molti Paesi si stano avvicinando alla recessione, con maggiori tensioni politiche’, scrive Counterpoint Research che si attende una ripresa lunga e lenta
Economia
1 sett
Migliaia di impieghi a rischio a Credit Suisse
L’agenzia Bloomberg riferisce di un piano per attuare una drastica cura dimagrante nei prossimi anni. La banca non commenta
Economia
1 sett
Swiss torna in attivo nel primo semestre
Il fatturato è più che raddoppiato e il numero di passeggeri è quintuplicato. Nel 2020 e 2021 aveva registrato grandi perdite a causa della pandemia
Economia
2 sett
Boom di Airbnb: oltre 100 milioni di notti prenotate in 3 mesi
La piattaforma segna il record di prenotazioni per l’estate, che sarà la più redditizia di sempre. Ricavi in crescita del 58%
Economia
2 sett
Catastrofi naturali, danni per 75 miliardi nel primo semestre
Secondo la stima di Swiss Re, la cifra è inferiore sia a quella del 2021, sia alla media degli ultimi dieci anni
© Regiopress, All rights reserved