laRegione
01.01.21 - 17:41

Record di nuove aziende svizzere nel 2020 nonostante il Covid

Malgrado la pandemia, 46'842 nuove imprese nel registro di commercio, il 5% in più del 2019. Trend contrario in Ticino (-16%) e Romandia (-4%)

record-di-nuove-aziende-svizzere-nel-2020-nonostante-il-covid
Buono il ramo informatico e la sanità (Ti-Press)

 

Mai in Svizzera erano state fondate tante aziende come nel 2020. Durante l'anno ormai al tramonto, malgrado la pandemia, 46'842 nuove imprese hanno trovato posto nel registro di commercio, il 5% in più del 2019, finora detentore del primato. Lo riferisce la piattaforma online startups.ch. Chi da tempo flirtava con l'idea di fondare una società ha colto la crisi come l'occasione di concretizzare i propri progetti, afferma, citato nel comunicato, il CEO Michele Blasucci.

Particolarmente febbrile il panorama delle nuove aziende nella Svizzera nordoccidentale, dove l'incremento è stato del 9%. Seguono Svizzera centrale (+7%), Svizzera orientale (+6%) e la regione di Zurigo (+5%). Trend del tutto inverso in Ticino, dove si è osservato un calo del 16%. In negativo anche la Romandia (-4%). La maggior progressione ha avuto luogo nel commercio online e nelle offerte relative al settore sanitario. Bene pure il ramo informatico e dello sviluppo di software, mentre tempo libero, viaggi e sport hanno accusato un calo.

L'identikit tipo di chi ha avviato un'attività in proprio nel 2020 è quello di un giovane di sesso maschile. Un fondatore su cinque aveva fra i 28 e i 32 anni, il 18% fra i 33 e i 37. Le donne rappresentavano solo il 23% del totale.

L'altra faccia della medaglia è stata l'elevata quota di fallimenti, ammontati a 2490, l'88% in più in confronto al 2019. Tuttavia, stando alle sue dichiarazioni, Blasucci si attendeva un numero significativamente maggiore di crack, tenendo conto delle conseguenze economiche della pandemia di coronavirus. L'esperto si dice inoltre ottimista per il 2021. Una volta che l'epidemia si sarà placata, si aspetta un boom di startup, nel quadro di una ripresa generale. Molti potenziali imprenditori di settori tradizionali hanno infatti temporeggiato: ciò vale ad esempio per chi si occupa di gastronomia, eventi, viaggi o intrattenimento.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Economia
1 gior
Pedrotti: ‘Nel 2022 costellazione di eventi negativi completa’
Il direttore regionale di Ubs Ticino fa il bilancio dell’anno che sta finendo e con Elena Guglielmin e Matteo Ramenghi traccia una previsione sul futuro
la banca in difficoltà
4 gior
‘I problemi di Credit Suisse risolti se venisse rilevata’
Secondo la SonntagsZeitung potrebbe essere acquisita dalla più piccola Julius Bär
Economia
2 sett
Profondo rosso all’orizzonte per Credit Suisse
Potrebbe raggiungere il miliardo e mezzo di franchi la perdita, ante-imposte, dell’ultimo trimestre dell’istituto di credito
Economia
2 sett
Splendori e miserie della globalizzazione
Il processo d’integrazione internazionale non è forse così malconcio come si dice. Ma si stanno formando nuovi ‘gruppi’ (e l’Ue potrebbe rafforzarsi)
Economia
3 sett
Ftx in bancarotta, trema il mondo delle criptovalute
Dalle stelle alle stalle: per Sam Banked-Fried, il ‘mago di Oz’ delle valute digitali, è il tramonto
Economia
3 sett
La Banca nazionale pensa ulteriori aumenti del tasso guida
Andréa Maechler anticipa le possibili mosse della Bns contro l’inflazione. E ricorda: ‘Il nostro compito non è fare utili’
Economia
4 sett
Costi dei sinistri compensati dall’aumento delle tariffe
Risultati in linea con le attese per Zurich Insurance per i primi nove mesi del 2022. Premi lordi cresciuti dell’8% nel ramo danni e incidenti
Economia
1 mese
Bce e Bank of England, linea dura anche con recessione
Avanti tutta col rialzo dei tassi d’interesse. La Banca centrale inglese li porta al 3%, ai massimi dal 2008.
Economia
1 mese
Elon Musk è ancora l’uomo più ricco al mondo
La posizione nella classifica del fondatore di Tesla e nuovo boss di Twitter nel Billionaires Index è stata confermata. Scivola invece Zuckerberg
Economia
1 mese
Microchip, come l’Europa cerca di risalire sul treno perso
La produzione è nelle mani di un manipolo di Paesi asiatici. Con il Chip Act ora l’Ue getta le basi di una politica industriale dei semiconduttori.
© Regiopress, All rights reserved