laRegione
19.10.20 - 11:13

Fallimenti, (per ora) nessun impatto del coronavirus

Il numero dei crac si confermano in netto calo, sulla scia dei provvedimenti adottati per contrastare l'epidemia.

Ats, a cura de laRegione
fallimenti-per-ora-nessun-impatto-del-coronavirus
Aziende chiuse per insolvenza: -21% rispetto allo stesso periodo del 2019 (Ti-Press)

La crisi del coronavirus continua a non avere ancora un impatto negativo sul numero dei fallimenti aziendali, che si confermano addirittura in netto calo, sulla scia dei provvedimenti adottati per contrastare l'epidemia.

Stando alle indicazioni odierne della società di informazioni economiche Bisnode D&B, nei primi nove mesi dell'anno le imprese che hanno dovuto chiudere per insolvenza sono state 2760, il 21% in meno dello stesso periodo del 2019.

In Ticino (-28% a 217) e nei Grigioni (-42% a 34) la contrazione è stata ancora più marcata. Solo in quattro cantoni si registra un aumento: si tratta di realtà di secondo piano quali Appenzello Interno, Turgovia, Sciaffusa e Nidvaldo. Zurigo segna -15%, Basilea Città -27%, Ginevra -29%.

Per quanto riguarda i settori, le aziende più a rischio bancarotta sono quelle che lavorano nei rami del legno, della costruzione, della ristorazione, dell'artigianato e della logistica. È invece meno probabile che abbia a che fare con funzionari dell'ufficio esecuzioni chi opera nei campi dei servizi sociali e sanitari.

Ai fallimenti per insolvenza vanno poi aggiunti quelli per lacune nell'organizzazione (articolo 731b del Codice delle obbligazioni): il numero complessivo nei nove mesi in esame sale così a 4156 (-16%) a livello svizzero, a 445 in Ticino (-30%) e a 60 nei Grigioni (-47%).

Per il solo mese di settembre si registra nell'insieme del paese una flessione sia delle insolvenze (-16% a 381), sia dei fallimenti totali (pure -16% a 520). Relativamente a questo mese Bisnode non ha pubblicato dati disaggregati regionali.

Se vi sono aziende che chiudono, altre aprono i battenti: le nuove iscrizioni a livello svizzero sono state 33'573 nei primi nove mesi (+2%). Il Ticino mostra però un calo nella creazione di nuove aziende: il loro numero si è attestato a 1489, con una contrazione del 13% su base annua. Il cantone sudalpino sembra perdere dinamismo sotto questo aspetto: si trova ora al nono posto nella graduatoria dei cantoni, lasciando sul terreno alcune posizioni rispetto al passato. I Grigioni ricalcano sostanzialmente il dato nazionale (+3% a 713).

Per il solo mese di settembre le nuove iscrizioni a livello svizzero si sono attestate a 3791 (+18%). Anche in questo ambito non vi sono dati regionali.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Economia
1 gior
Pedrotti: ‘Nel 2022 costellazione di eventi negativi completa’
Il direttore regionale di Ubs Ticino fa il bilancio dell’anno che sta finendo e con Elena Guglielmin e Matteo Ramenghi traccia una previsione sul futuro
la banca in difficoltà
4 gior
‘I problemi di Credit Suisse risolti se venisse rilevata’
Secondo la SonntagsZeitung potrebbe essere acquisita dalla più piccola Julius Bär
Economia
2 sett
Profondo rosso all’orizzonte per Credit Suisse
Potrebbe raggiungere il miliardo e mezzo di franchi la perdita, ante-imposte, dell’ultimo trimestre dell’istituto di credito
Economia
2 sett
Splendori e miserie della globalizzazione
Il processo d’integrazione internazionale non è forse così malconcio come si dice. Ma si stanno formando nuovi ‘gruppi’ (e l’Ue potrebbe rafforzarsi)
Economia
3 sett
Ftx in bancarotta, trema il mondo delle criptovalute
Dalle stelle alle stalle: per Sam Banked-Fried, il ‘mago di Oz’ delle valute digitali, è il tramonto
Economia
3 sett
La Banca nazionale pensa ulteriori aumenti del tasso guida
Andréa Maechler anticipa le possibili mosse della Bns contro l’inflazione. E ricorda: ‘Il nostro compito non è fare utili’
Economia
4 sett
Costi dei sinistri compensati dall’aumento delle tariffe
Risultati in linea con le attese per Zurich Insurance per i primi nove mesi del 2022. Premi lordi cresciuti dell’8% nel ramo danni e incidenti
Economia
1 mese
Bce e Bank of England, linea dura anche con recessione
Avanti tutta col rialzo dei tassi d’interesse. La Banca centrale inglese li porta al 3%, ai massimi dal 2008.
Economia
1 mese
Elon Musk è ancora l’uomo più ricco al mondo
La posizione nella classifica del fondatore di Tesla e nuovo boss di Twitter nel Billionaires Index è stata confermata. Scivola invece Zuckerberg
Economia
1 mese
Microchip, come l’Europa cerca di risalire sul treno perso
La produzione è nelle mani di un manipolo di Paesi asiatici. Con il Chip Act ora l’Ue getta le basi di una politica industriale dei semiconduttori.
© Regiopress, All rights reserved