laRegione
noi-non-possiamo-vivere-un-altro-lockdown
Per l'industria meccanica, elettrotecnica e metallurgica il lavoro prima di tutto (Ti-Press)
Economia
16.10.20 - 12:460
Aggiornamento : 13:22

'Noi non possiamo vivere un altro lockdown'

L'associazione padronale di categoria Swissmem chiede a Confederazione e cantoni di assicurare che non sarà interessata da un eventuale confinamento

L'industria meccanica, elettrotecnica e metallurgica non può assolutamente vivere un lockdown: lo sostiene l'associazione padronale di categoria Swissmem, che chiede a Confederazione e cantoni di assicurare che non sarà interessata da un eventuale confinamento. Da parte loro le aziende promettono di continuare a seguire in modo rigido le regole sanitarie e invitano anche il loro personale ad agire con responsabilità, evitando il contagio pure nella vita privata, pena conseguenze sul piano occupazionale.

Sulla scia della pandemia del coronavirus l'industria ha dovuto far fronte, soprattutto nel secondo trimestre, a un forte calo degli ordinativi e del fatturato, ricorda Swissmem in un comunicato odierno. La ripresa è spesso lenta e mette a rischio numerosi posti di lavoro. In molte situazioni nuove restrizioni all'attività commerciale sarebbero perciò quasi impossibili da affrontare.

'Che non se ne parli neanche'

Il fatto che ora si continui a parlare pubblicamente di confinamento è frustrante per le imprese e per i loro salariati, sostiene l'organismo. Fin dall'inizio esse hanno infatti sempre rispettato le disposizioni dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) in materia di igiene e di distanza: lo confermano numerose ispezioni da parte delle autorità. Di conseguenza, le aziende del ramo MEM non sono mai state focolai di diffusione del virus. Le ditte e il personale meritano un grande ringraziamento per questo, afferma Swissmem.

Questa esperienza è alla base della richiesta dell'associazione di non costringere in futuro il settore a un blocco dell'attività. È necessario un impegno pubblico da parte di Confederazione e cantoni che garantisca l'esenzione dell'industria MEM da un eventuale lockdown. Un tale impegno garantirebbe la sicurezza della pianificazione per le aziende, nonché la certezza - per i clienti e i fornitori - che non si verificheranno interruzioni nei rapporti d'affari. Questo attenuerebbe la pressione sulle società e sui posti di lavoro.

Un maggior numero di test anziché il lockdown

Dal punto di vista di Swissmem, a parte seguire le regole di igiene, scaricare l'applicazione Covid e usare le mascherine, va anche ampliata la strategia di test. Il maggior numero possibile di test rapidi deve essere messo a disposizione dei dipendenti e di chi viaggia per affari. Con questa sicurezza, le restrizioni di movimento e le regole di quarantena potranno essere allentate: entrambi questi fattori sono ostacoli che impediscono enormemente l'acquisizione di ordini e causano costi elevati, anche quando poi non si registra alcuna infezione, viene fatto notare.

Attualmente, la maggior parte dei contagi avviene nella vita privata, ricorda Swissmem. È quindi responsabilità personale di tutti gli abitanti della Svizzera esercitare la necessaria cautela in tale ambito. Le regole di distanza e di igiene devono essere mantenute anche in questo contesto, sebbene sia comprensibilmente difficile farlo. Se si verificasse un altro confinamento sarebbero inevitabili ulteriori perdite di posti di lavoro, mette in guardia l'organismo padronale.

TOP NEWS Economia
Economia
1 gior
Intel, tonfo in borsa dopo i risultati trimestrali
Il titolo del produttore di microprocessori perde l'11% dopo la presentazione di conti sotto le aspettative degli analisti
Economia
1 gior
Huawei punta a una forte espansione in Svizzera
Crescita nonostante la pandemia. I dipendenti passeranno da 300 a 550 entro la fine del prossimo anno
Economia
1 gior
Caso Bsi, la Finma ha rivisto al ribasso la sanzione
Dagli iniziati 95 milioni a 70 milioni di franchi. È l'importo dell'utile indebito confiscato dalle autorità nella vicenda del fondo sovrano malese 1MDB
Economia
2 gior
La ricchezza degli svizzeri 'poco toccata dalla pandemia'
Secondo uno studio di Credit Suisse la crisi del coronavirus – in linea generale – non ha inciso sui risparmi
Economia
3 gior
I consumatori chiedono un ‘bollino di riparabilità’
Secondo un sondaggio dell’Alleanza delle organizzazioni dei consumatori gli svizzeri sono pronti a pagare di più per prodotti riparabili
Economia
3 gior
Nestlé: risultato solido dopo i primi 9 mesi
Crescita del 3,5% per la multinazionale svizzera, nonostante la crisi pandemica
Economia
4 gior
Upc ricorre contro la multa sui diritti delle partite di hockey
L'operazione ha deciso di opporsi alla sanzione di 30 milioni di franchi inflitta dalla Comco
Economia
4 gior
Il campionato di hockey anche su Swisscom
La piattaforma 'blue' potrà offrire i pacchetti MySport di Upc, che sinora offriva in esclusiva le partite di disco su ghiaccio
Economia
4 gior
Ubs, Ermotti saluta dopo un trimestre in crescita
Negli ultimi tre mesi la banca elvetica ha guadagnato più dell'anno scorso, superando pure le aspettative degli esperti
Economia
4 gior
Diritti hockey, la Comco: Multa di 30 milioni per Upc
La Commissione della concorrenza punisce l'operatore via cavo per essersi rifiutato di permettere a Swisscom la trasmissione live degli incontri
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile