laRegione
01.10.20 - 09:05
Aggiornamento: 15:15

Commercio al dettaglio, vendite in crescita in agosto

Giro d'affari in aumento nei negozi svizzeri rispetto allo stesso mese dell'anno scorso. Balzo in avanti dell'8,4% dei prodotti alimentari

Ats, a cura de laRegione
commercio-al-dettaglio-vendite-in-crescita-in-agosto
Le statistiche nazionali mostra buoni risultati per i negozi (Ti-Press/Archivio)

Aumento delle vendite nei negozi svizzeri durante il mese di agosto: il giro d'affari del commercio al dettaglio è salito dell'1,6% rispetto allo stesso mese del 2019, tenendo conto delle correzioni apportate per compensare i diversi giorni di vendita e le festività. In confronto a luglio si osserva una contrazione - al netto delle variazioni stagionali - del 2,1%, ha indicato oggi l'Ufficio federale di statistica (Ust). I dati indicati sono nominali: in termini reali, vale a dire considerando anche il rincaro, le variazioni sono rispettivamente di +2,5% (annuo) e -1,9% (mensile). Se si escludono i distributori di benzina (dove sugli importi in gioco ha inciso il prezzo del petrolio) l'incremento sull'arco dell'anno è del 2,8% nominale e del 3,4% reale. In confronto a luglio i dati sono rispettivamente del -2,2% e del -2,0%.

Andando nei singoli comparti e rimanendo a livello nominale, per le stazioni di servizio si segnala un -12% annuo. I prodotti alimentari segnano +8,4%, mentre il comparto non alimentare accusa un calo dell'1,7%. In quest'ultimo settore spiccano comunque i forti aumenti - legati alla pandemia e al telelavoro - dei segmenti apparecchiature di informazione e comunicazione (+23%) nonché commercio per corrispondenza e attraverso Internet (+20%). È invece proseguito il calo nella divisione articoli di abbigliamento, medicinali, orologi e gioielleria, che fa un passo indietro del 13%, sottolineano i funzionari di Neuchâtel.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Economia
6 gior
Profondo rosso all’orizzonte per Credit Suisse
Potrebbe raggiungere il miliardo e mezzo di franchi la perdita, ante-imposte, dell’ultimo trimestre dell’istituto di credito
Economia
1 sett
Splendori e miserie della globalizzazione
Il processo d’integrazione internazionale non è forse così malconcio come si dice. Ma si stanno formando nuovi ‘gruppi’ (e l’Ue potrebbe rafforzarsi)
Economia
2 sett
Ftx in bancarotta, trema il mondo delle criptovalute
Dalle stelle alle stalle: per Sam Banked-Fried, il ‘mago di Oz’ delle valute digitali, è il tramonto
Economia
2 sett
La Banca nazionale pensa ulteriori aumenti del tasso guida
Andréa Maechler anticipa le possibili mosse della Bns contro l’inflazione. E ricorda: ‘Il nostro compito non è fare utili’
Economia
2 sett
Costi dei sinistri compensati dall’aumento delle tariffe
Risultati in linea con le attese per Zurich Insurance per i primi nove mesi del 2022. Premi lordi cresciuti dell’8% nel ramo danni e incidenti
Economia
3 sett
Bce e Bank of England, linea dura anche con recessione
Avanti tutta col rialzo dei tassi d’interesse. La Banca centrale inglese li porta al 3%, ai massimi dal 2008.
Economia
3 sett
Elon Musk è ancora l’uomo più ricco al mondo
La posizione nella classifica del fondatore di Tesla e nuovo boss di Twitter nel Billionaires Index è stata confermata. Scivola invece Zuckerberg
Economia
4 sett
Microchip, come l’Europa cerca di risalire sul treno perso
La produzione è nelle mani di un manipolo di Paesi asiatici. Con il Chip Act ora l’Ue getta le basi di una politica industriale dei semiconduttori.
Economia
4 sett
La tesi controcorrente di George Muzinich sull’Italia
Il fondatore di Muzinich & Co. sostiene che ‘il Belpaese ha più di un buon numero da giocare’ e che è ben posizionata rispetto a Germania e Regno Unito
Economia
1 mese
Credit Suisse cancellerà 540 posti in Svizzera entro fine 2022
Il piano di risanamento varato dall’istituto di credito dovrebbe portare alla raccolta di 4 miliardi di franchi tramite l’emissione di nuove azioni
© Regiopress, All rights reserved