laRegione
24.09.20 - 08:32

Riciclaggio, Banca Syz nel mirino della Finma

Al centro dell'attenzione dell'autorità di vigilanza c'è la relazione di cliente angolano vicino a persone politicamente esposte

Ats, a cura de laRegione
riciclaggio-banca-syz-nel-mirino-della-finma
(foto Keystone)

Berna - La Banca Syz è finita nel mirino dell'autorità di vigilanza dei mercati finanziari Finma per aver violato le disposizioni legali in materia di lotta contro il riciclaggio di denaro. Lo indica oggi la stessa Finma in una nota, precisando di aver scoperto le mancanze nel corso di un procedimento di enforcement.

Le violazioni sono avvenute nel contesto di una relazione d'affari implicante "depositi di considerevole entità relativi a un cliente proveniente dall'Angola", si legge nella nota.

Nel corso del procedimento di enforcement, le autorità federali hanno constatato che la Banca Syz non ha chiarito in maniera soddisfacente un forte aumento del patrimonio del cliente e non ha neppure dissipato eventuali sospetti sulla persona, anche se era stato appurato che era vicina a un soggetto politicamente esposto (Pep) e la relazione di affari era stata gestita sotto questa categoria.

Inoltre - sottolinea la Finma - la banca non ha adempiuto, o non lo ha fatto in misura sufficiente, ai propri obblighi di chiarimento per le transazioni che comportano un rischio superiore effettuate da tale cliente, sebbene gli importi fossero, in alcuni casi, dell'ordine di decine di milioni di franchi.

In ragione di tali inadempienze, la FINMA constata che la banca ha violato i propri obblighi di diligenza nella lotta contro il riciclaggio di denaro: "il dispositivo antiriciclaggio dell'istituto non era adeguato per tale relazione d'affari".

La Finma riconosce tuttavia che la banca ha rispettato l'obbligo di comunicazione previsto dalla legge, permettendo così alle autorità penali di occuparsi del caso. Inoltre, l'istituto ha adottato diverse misure per ovviare alla situazione, si precisa nella nota. Nel quadro della sua vigilanza continua, la Finma farà verificare l'attuazione di queste misure da un esaminatore indipendente.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Economia
4 gior
Profondo rosso all’orizzonte per Credit Suisse
Potrebbe raggiungere il miliardo e mezzo di franchi la perdita, ante-imposte, dell’ultimo trimestre dell’istituto di credito
Economia
1 sett
Splendori e miserie della globalizzazione
Il processo d’integrazione internazionale non è forse così malconcio come si dice. Ma si stanno formando nuovi ‘gruppi’ (e l’Ue potrebbe rafforzarsi)
Economia
2 sett
Ftx in bancarotta, trema il mondo delle criptovalute
Dalle stelle alle stalle: per Sam Banked-Fried, il ‘mago di Oz’ delle valute digitali, è il tramonto
Economia
2 sett
La Banca nazionale pensa ulteriori aumenti del tasso guida
Andréa Maechler anticipa le possibili mosse della Bns contro l’inflazione. E ricorda: ‘Il nostro compito non è fare utili’
Economia
2 sett
Costi dei sinistri compensati dall’aumento delle tariffe
Risultati in linea con le attese per Zurich Insurance per i primi nove mesi del 2022. Premi lordi cresciuti dell’8% nel ramo danni e incidenti
Economia
3 sett
Bce e Bank of England, linea dura anche con recessione
Avanti tutta col rialzo dei tassi d’interesse. La Banca centrale inglese li porta al 3%, ai massimi dal 2008.
Economia
3 sett
Elon Musk è ancora l’uomo più ricco al mondo
La posizione nella classifica del fondatore di Tesla e nuovo boss di Twitter nel Billionaires Index è stata confermata. Scivola invece Zuckerberg
Economia
3 sett
Microchip, come l’Europa cerca di risalire sul treno perso
La produzione è nelle mani di un manipolo di Paesi asiatici. Con il Chip Act ora l’Ue getta le basi di una politica industriale dei semiconduttori.
Economia
3 sett
La tesi controcorrente di George Muzinich sull’Italia
Il fondatore di Muzinich & Co. sostiene che ‘il Belpaese ha più di un buon numero da giocare’ e che è ben posizionata rispetto a Germania e Regno Unito
Economia
4 sett
Credit Suisse cancellerà 540 posti in Svizzera entro fine 2022
Il piano di risanamento varato dall’istituto di credito dovrebbe portare alla raccolta di 4 miliardi di franchi tramite l’emissione di nuove azioni
© Regiopress, All rights reserved