laRegione
previdenza-molti-non-credono-piu-nei-tre-pilastri
(foto Keystone)
Economia
10.09.20 - 18:300

Previdenza, molti non credono più nei tre pilastri

Stando al terzo barometro di Raiffeisen, la popolazione è disillusa riguardo il risparmio pensionistico

San Gallo - Scarsa fiducia nei tre pilastri: nella popolazione svizzera è diffusa una certa disillusione riguardo alla situazione finanziaria della previdenza per la vecchiaia e sono sempre meno le persone che pianificano un pensionamento anticipato. Lo rivela l'ultimo barometro della previdenza pubblicato da Raiffeisen, che mette anche in luce come le abitudini di risparmio cambino poco, nonostante la pandemia di coronavirus.

Solo il 14,6% degli svizzeri (adulti, ma non ancora anziani) interrogati nell'ambito di un sondaggio ha fiducia nella futura sostenibilità e nella solidità finanziaria del secondo pilastro (previdenza professionale); nelle regioni italofone il dato è ancora più basso, pari al 12%.

Di poco migliore è la considerazione di cui gode, a livello nazionale, l'Avs: 16,1%. Meglio viene invece recepita la previdenza personale (3a e 3b), che ottiene il 43,1%. Va comunque rilevato che tutte e tre le colonne su cui si basa il sistema elvetico presentano valori in calo: nel 2019 erano rispettivamente del 16,8% (AVS), 16,1% (secondo pilastro) e 45,9% (terzo).

La terza edizione del barometro - realizzato in collaborazione con la Scuola universitaria di scienze applicate di Zurigo (ZHAW) - mostra anche come rispetto agli anni passati un numero significativamente inferiore di persone ritenga che la previdenza per la vecchiaia sia di competenza dello stato: questo opinione è condivisa dal 13% degli interrogati (erano ancora il 19% nel 2019), con una punta del 29% però nella Svizzera italiana. A livello nazionale il 77% pensa di essere il principale responsabile della sua disponibilità finanziaria quando andrà in pensione, mentre il 7% ritiene che il soggetto principale debba essere il datore di lavoro.

La ricerca punta i riflettori anche sui rischi. Quelli maggiori sono identificati nell'evoluzione demografica, che porta la percentuale di pensionati a livelli così elevati da non consentire più alla popolazione attiva di arrivare a coprire i costi (29%); nella redditività degli averi di previdenza (26%); nella ridistribuzione troppo forte ("si spende eccessivamente per la generazione attuale di beneficiari di rendite, quando andrò in pensione io dovrò accontentarmi di una prestazione inferiore": 20%); nel fatto che si debba lavorare più a lungo di quanto inizialmente previsto (12%); e, infine, nella perdita del posto di lavoro, con conseguenti ripercussioni finanziarie a livello previdenziale (7%).

Il Covid-19 non ha cambiato la propensione al risparmio

Riguardo alla nuova situazione creatasi con il coronavirus, il 71% non intende cambiare la sua propensione al risparmio. Il 13% delle persone fra i 18 e i 30 anni vuole risparmiare di più, mentre fra i 51-65enni è stata al contrario espressa con molta più frequenza l'intenzione di mettere da parte meno soldi. La pandemia da Covid-19 ha un impatto molto minore su quanti hanno finora risparmiato che su quanti invece non l'hanno fatto, commentano gli estensori del barometro.

Riguardo all'età di pensionamento, la quota maggiore (34%) è a favore di una soluzione a 65 anni per entrambi i sessi. Il 30% vorrebbe un sistema variabile, che dovrebbe prevedere un meccanismo con adeguamento automatico. Il 21% sostiene lo status quo (65 anni per gli uomini, 64 per le donne): questo approccio è peraltro il maggiormente selezionato nella Svizzera di lingua italiana.

Sebbene gran parte del campione - 1028 persone (18-65enni) interrogate fra il 17 e il 26 giugno dall'istituto Link - non escluda di continuare a lavorare anche dopo l'età di pensionamento ordinaria, la disponibilità a proseguire l'attività lavorativa in modo sporadico o discontinuo è nettamente diminuita rispetto all'anno scorso. Se si deve lavorare più a lungo, allora soltanto a tempo parziale, è il parere degli interpellati. Solo in pochi vogliono continuare a rimanere impiegati a tempo pieno una volta raggiunta l'età pensionabile.

Il pensionamento anticipato non è una priorità

Rispetto al 2019 un numero nettamente inferiore di persone sta pianificando il pensionamento anticipato. Mentre tra gli uomini questo tema concerne ancora più di un lavoratore su tre, fra le donne meno di una su cinque ci sta pensando.

Al capitolo prelievo del denaro una volta raggiunta la pensione, il 45% punta alla rendita, il 14% al capitale e il 35% a un mix fra le due cose. Gli uomini sono molto più propensi delle donne a optare per le ultime due soluzioni. Non si rilevano per contro differenze significative tra le regioni linguistiche in questo campo.

Il tema della sostenibilità ha acquisito molta più importanza: l'impatto sulla società e sull'ambiente è riconosciuto da ampie fasce della popolazione. Una persona su dieci auspica comunque il massimo rendimento possibile dell'investimento, senza tener conto di criteri sostenibili. Per un terzo della popolazione, invece, la sostenibilità è più importante della mera ricerca del rendimento. Sono soprattutto donne e anziani a chiedere che il loro denaro sia investito con criteri di rispetto ambientali e sociali.

TOP NEWS Economia
Economia
3 ore
Cala il Pil in Svizzera. Ma meno del previsto: -7,3%
La Seco rivede al rialzo la prima stima (che prevedeva una contrazione dell'8,2%) relativa al secondo trimestre.
Economia
2 gior
Fondi ex Ddr, Julius Baer dovrà restituirli
Ammonta a circa 150 milioni di franchi la somma accordata dal Tribunale federale alle autorità tedesche
Economia
4 gior
Riciclaggio, Banca Syz nel mirino della Finma
Al centro dell'attenzione dell'autorità di vigilanza c'è la relazione di cliente angolano vicino a persone politicamente esposte
Economia
4 gior
Matrimonio tra Ubs e Credit Suisse, trattative ferme
Lo sostiene il periodico Bilanz, citando due fonti direttamente coinvolte nei colloqui che riferiscono di come i contatti non siano ripresi dopo l'estate
Economia
5 gior
Ermotti: 'Le fusioni bancarie sono inevitabili'
Dopo l'ipotesi Ubs-Credit Suisse si fa strada l'idea di mega-fusioni bancarie, anche con istituti esteri
Economia
5 gior
Forum economico 2021, Lugano in corsa
Per il dopo Davos tra le possibili location ci sarebbero, oltre alla città sul Ceresio, Montreaux e il Bürgenstock
Economia
6 gior
L'edizione 2021 del Wef non si terrà a Davos
il Forum economico mondiale non si terrà nella cittadina grigionese, nemmeno in estate, come invece speravano gli operatori del settore alberghiero
Economia
6 gior
Alpiq: lascia André Schnidrig, gli subentra Antje Kannglesser
Il Ceo abbandona per motivi di salute, con effetto immediato. Il perfezionamento del passaggio entro aprile
Economia
1 sett
La lotta al riciclaggio in Svizzera non funziona
L'ex numero uno del Mros cita il Ticino e parla di un sistema normativo che punisce i pesci piccoli, ma che risparmia spesso quelli grossi
Economia
1 sett
O la borsa o la vita: la finanziarizzazione della vita quotidiana
La sociologa dell'Usi Léna Pellandini-Simányi ci spiega le conseguenze di una vita ormai colonizzata da mutui, carte di credito, fondi.
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile