laRegione
coronavirus-premi-casse-malati-pesano-su-economie-domestiche
Ti-Press
Economia
08.09.20 - 08:090

Coronavirus, premi casse malati pesano su economie domestiche

Uno studio di Comparis rivela che, con il lavoro ridotto, il carico dei premi arriva fino al 16% del reddito lordo

Il lavoro ridotto introdotto in molte aziende e l'aumento della disoccupazione riducono il reddito delle economie domestiche svizzere, rivela uno studio di Comparis. L'onere finanziario derivante dai premi delle casse malattia si farà quindi maggiormente sentire.

"Con un aumento medio dell'1% previsto per il prossimo anno, i premi delle casse malattia andranno a gravare pesantemente su molte famiglie che, a causa del coronavirus, già hanno meno denaro a disposizione", avverte in un comunicato odierno Felix Schneuwly, esperto di assicurazione malattia presso il servizio di confronto online Comparis.

I premi dell'assicurazione malattia rappresentano in media il 6,2% delle spese delle famiglie svizzere. Nel peggiore dei casi, tenendo conto della riduzione dello stipendio del 20-30%, in proporzione il carico dei premi aumenta fino a raggiungere il 16% del reddito lordo, secondo lo studio.

Comparis ha esaminato l'onere rappresentato dai premi per un adulto senza copertura infortuni con il modello Medico di famiglia più diffuso e la franchigia minima a Zurigo, Berna, Bellinzona e Ginevra, con uno stipendio mediano lordo di 6'538 franchi al mese.

In media nelle città di Zurigo, Berna e Bellinzona l'assicurazione di base incide sul reddito per il 7%, a Ginevra invece per l'8%. in caso di lavoro ridotto o di disoccupazione il carico aumenta di 2 punti percentuali, sottolinea lo studio.

I disoccupati che hanno perso il 30% del reddito devono improvvisamente impiegare il 16% di questo per pagare i premi dell'assicurazione malattia, indica Comparis.

In base alla previsione sulle spese del settore sanitario svolta dal Centro di studi congiunturali (KOF) su incarico di Comparis, Schneuwly ritiene che nel 2020 i costi sanitari dovrebbero aumentare di fatto del 3,3%. A suo parere, comunque, con una media dell'1% l'aumento dei premi della cassa malattia sarà decisamente inferiore. Il motivo, secondo l'esperto di Comparis, è che "di fronte all'attuale recessione causata dal coronavirus, le compagnie di assicurazione andranno a intaccare una parte delle loro riserve, limitando così l'aumento dei premi."

TOP NEWS Economia
Economia
5 ore
Cala il Pil in Svizzera. Ma meno del previsto: -7,3%
La Seco rivede al rialzo la prima stima (che prevedeva una contrazione dell'8,2%) relativa al secondo trimestre.
Economia
2 gior
Fondi ex Ddr, Julius Baer dovrà restituirli
Ammonta a circa 150 milioni di franchi la somma accordata dal Tribunale federale alle autorità tedesche
Economia
4 gior
Riciclaggio, Banca Syz nel mirino della Finma
Al centro dell'attenzione dell'autorità di vigilanza c'è la relazione di cliente angolano vicino a persone politicamente esposte
Economia
4 gior
Matrimonio tra Ubs e Credit Suisse, trattative ferme
Lo sostiene il periodico Bilanz, citando due fonti direttamente coinvolte nei colloqui che riferiscono di come i contatti non siano ripresi dopo l'estate
Economia
5 gior
Ermotti: 'Le fusioni bancarie sono inevitabili'
Dopo l'ipotesi Ubs-Credit Suisse si fa strada l'idea di mega-fusioni bancarie, anche con istituti esteri
Economia
5 gior
Forum economico 2021, Lugano in corsa
Per il dopo Davos tra le possibili location ci sarebbero, oltre alla città sul Ceresio, Montreaux e il Bürgenstock
Economia
6 gior
L'edizione 2021 del Wef non si terrà a Davos
il Forum economico mondiale non si terrà nella cittadina grigionese, nemmeno in estate, come invece speravano gli operatori del settore alberghiero
Economia
6 gior
Alpiq: lascia André Schnidrig, gli subentra Antje Kannglesser
Il Ceo abbandona per motivi di salute, con effetto immediato. Il perfezionamento del passaggio entro aprile
Economia
1 sett
La lotta al riciclaggio in Svizzera non funziona
L'ex numero uno del Mros cita il Ticino e parla di un sistema normativo che punisce i pesci piccoli, ma che risparmia spesso quelli grossi
Economia
1 sett
O la borsa o la vita: la finanziarizzazione della vita quotidiana
La sociologa dell'Usi Léna Pellandini-Simányi ci spiega le conseguenze di una vita ormai colonizzata da mutui, carte di credito, fondi.
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile