laRegione
20.08.20 - 15:00

Occupazione in forte calo, il maggiore dal 1993

Su base annua nel secondo trimestre la contrazione è stata dell'1,6%, pari a 82'000 occupati in meno. Tasso di disoccupazione in aumento dal 4,2 al 4,6%

occupazione-in-forte-calo-il-maggiore-dal-1993
Il numero degli uomini occupati è diminuito dell'1,5%, mentre quello delle donne dell'1,7% (foto: Ti-Press)

Forte calo degli occupati in Svizzera: su base annua nel secondo trimestre dell'anno la contrazione è stata dell'1,6%, pari a 82'000 persone in meno, la maggiore dal 1993, indica una nota odierna dell'Ufficio federale di statistica (UST).

Nello stesso lasso di tempo, il tasso di disoccupazione secondo la definizione dell'Ufficio internazionale del lavoro (ILO) è aumentato dal 4,2 al 4,6% in Svizzera e dal 6,6 al 6,9% nell'UE. Il numero degli uomini occupati è diminuito dell'1,5%, mentre quello delle donne dell'1,7%.

In termini di equivalenti a tempo pieno (ETP), il calo rispetto allo stesso trimestre del 2019 è stato dell'1,2% e ha toccato maggiormente le donne (-2,4%) rispetto agli uomini (-0,4%).

Senza tener conto delle variazioni stagionali, tra il primo e il secondo trimestre 2020 il numero delle persone occupate e quello degli ETP sono regrediti rispettivamente del 2,5 e del 2,2%.

Nell'arco di un anno il numero degli occupati di nazionalità svizzera è diminuito del 2,4%, mentre quello degli occupati di nazionalità straniera è aumentato leggermente dello 0,2%.

Nel secondo trimestre del 2020 la Svizzera contava 223'000 disoccupati secondo gli standard ILO, 17'000 in più rispetto all'anno precedente. La quota di persone disoccupate rispetto alla popolazione attiva si è attestata al 4,6%, registrando quindi un incremento rispetto al secondo trimestre del 2019 (4,2%). A titolo di paragone, il tasso di disoccupazione nell'area dell'euro è passato dal 6,6% al 6,9% nello stesso periodo.

Su base annua il tasso di disoccupazione giovanile in Svizzera (persone dai 15 ai 24 anni) ai sensi dell'ILO è aumentato dal 6,2 all'8,4%.

Sempre nel periodo in rassegna, tra i 2,4 milioni di persone non attive, 225'000 erano disponibili a cominciare un'attività lavorativa, ma non stavano cercando attivamente lavoro. Secondo la definizione dell'ILO, queste persone non sono considerate disoccupate. Rispetto al secondo trimestre del 2019, questo gruppo ha subito un forte incremento (+56 000 persone, +32,8%), fatto che spiega tra l'altro il notevole calo del numero di persone occupate a fronte di un aumento piuttosto moderato della disoccupazione, sottolinea l'UST.

A causa del lockdown, il secondo trimestre ha subito una riduzione del 9,5% della durata effettiva del lavoro settimanale per persona occupata rispetto allo stesso trimestre del 2019. Il calo è stato più marcato tra i lavoratori e le lavoratrici indipendenti (-13,9%) che tra quelli dipendenti (-9,1%), conclude l'UST, che a settembre pubblicherà analisi più dettagliate sull'evoluzione del mercato del lavoro sotto l'effetto del Covid-19.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Economia
4 gior
Per Ubs il 2022 si chiude con il segno positivo
Nel quarto trimestre la banca ha registrato un utile di 1,65 miliardi, per un totale complessivo di 7,63 sull’arco dell’intero anno
Economia
1 sett
Banca Migros supera il milione di clienti
La clientela nel 2022 registra un +27% rispetto all’anno precedente, sulla scia dell’introduzione della nuova carta di credito Cumulus
Economia
1 sett
Credit Suisse prevede un’inflazione più alta
La banca scommette su un rincaro 2023 che dovrebbe raggiungere l’1,7%, oltre a un aumento pari a 1,75% anche per i tassi della Banca nazionale svizzera
Economia
1 sett
Blocchi regionali e protezionismo contro le economie emergenti
I Paesi Non Allineati Nuovi (Nan) temono che la loro crescita venga ostacolata dai muri commerciali eretti da Stati Uniti, Europa e Cina
Economia
1 sett
E all’improvviso nulla più turba le Borse
Inflazione, tassi d’interessi più elevati, rallentamento cinese, timori di recessione: in Europa e negli Usa l’ottimismo si diffonde, nonostante tutto
Economia
2 sett
Lufthansa vuole comprare una quota di Ita Airways
È l’unica offerta arrivata al Governo italiano, tedeschi pronti a rilevare l’intera compagnia aerea
Economia
2 sett
Importante cessione nel settore chimico
Sika, gruppo attivo nelle specialità chimiche, ha deciso di vendere una parte dell’ex filiale del colosso tedesco Basf
Speciale Economia
2 sett
La deglobalizzazione non è la strada giusta
Economia
3 sett
Il franco si indebolisce sull’euro: moneta europea sopra 1,00
È la prima volta dall’inizio di luglio 2022 che l’euro torna sopra la parità
Economia
3 sett
Pry-Cam Home, la nuova frontiera di Prysmian
Il colosso mondiale della produzione di cavi ad alta tecnologia entra nelle case con una tecnologia che monitora la rete elettrica domestica
© Regiopress, All rights reserved