laRegione
tagli-alla-schindler-in-svizzera-200-impieghi-in-meno
Ancora incerto in quale misura la ristrutturazione interesserà la sede locarnese (Ti-Press)
Economia
24.07.20 - 15:080

Tagli alla Schindler, in Svizzera 200 impieghi in meno

Il colosso lucernese punta a ridurre i costi nei prossimi due anni. Si accavallano in Svizzera le notizie di soppressioni d'impieghi e chiusure di unità

Il previsto taglio dell'organico presso Schindler interesserà anche la Svizzera: andrà perso circa il 10% dei 2000 posti che saranno cancellati a livello mondiale, vale a dire quindi grosso modo 200. Lo ha indicato all'agenzia Awp il Ceo Thomas Oetterli.

Il colosso lucernese degli ascensori e delle scale mobili punta a ridurre i costi nei prossimi due anni: la contrazione dell'organico concernerà soprattutto le attività amministrative e interesserà quindi anche le unità centrali del gruppo, ha spiegato Oetterli.

Per l'azienda si tratta di rafforzare la sua competitività e di adattarsi alle mutate condizioni del mercato. La crisi del Covid-19 non fa che accentuare la concorrenza e in Svizzera la situazione è resa ancora più complicata dalla forza del franco.

La decisione di adottare queste misure non è stata presa in preda al panico, ma perché l'impresa ragiona sul lungo termine, ha sottolineato il manager. "Noi pensiamo in anni e non in trimestri. Se si guarda il nostro bilancio si vede che Schindler è un'azienda solida e con una liquidità molto elevata. Vogliamo crescere più velocemente del mercato e continuare a realizzare i nostri progetti strategici", ha concluso Oetterli.

Parola d'ordine: ristrutturazione

Oggi Schindler e Sulzer, nei giorni scorsi SR Technics, Gategroup, Mikron e tanti altri: si accavallano in Svizzera le notizie di soppressioni di impieghi e chiusure di unità. Per molti "ristrutturazione" rimarrà la parola d'ordine anche nelle prossime settimane, stando agli esperti della società di consulenza AlixPartners.

Dappertutto - spiega lo specialista Michael Baur all'agenzia Awp - nei piani alti delle aziende la domanda è la stessa: siamo sufficientemente in buona forma per affrontare i difficili prossimi anni? "Ora è importante che le aziende analizzino in dettaglio la propria situazione, il mercato e la concorrenza: e che non si limitino a sperare in una ripresa anticipata".

"È essenziale riconoscere se si stanno affrontando cambiamenti a breve o a lungo termine", afferma il responsabile di AlixPartners per l'Europa, il Medio Oriente e l'Africa. "Sussiste sempre il pericolo che il momento scelto per prendere provvedimenti sia troppo in là nel tempo".

Secondo Bauer i programmi di aiuto governativo sono da considerare in modo positivo: danno alle aziende più tempo per reagire. "Tuttavia, al più tardi quando finiscono questi sostegni, come il lavoro ridotto o prestiti Covid-19, le aziende dovranno prendere decisioni su eventuali ristrutturazioni", osserva il consulente. "Soprattutto se le prospettive rimarranno fosche".

"Contrariamente alla crisi finanziaria del 2009, il problema non è quello del finanziamento e della liquidità: la crisi attuale si basa sulla domanda e sui consumatori", osserva da parte sua Beatrix Morath, responsabile svizzera di AlixPartners. I settori che sono stati maggiormente colpiti sono quelli che hanno già sofferto per profondi e fondamentali cambiamenti del mercato, come l'industria automobilistica, che è nel pieno della transizione verso l'elettromobilità.

Lo stesso vale per il ramo dei viaggi. "In questo settore abbiamo visto una concorrenza agguerrita prima della crisi, con l'ingresso sul mercato, negli ultimi anni, di alcuni nuovi operatori. Quando è arrivata la crisi non erano quasi più disponibili cuscinetti finanziari".

In tale comparto la crisi è tutt'altro che finita con l'allentamento delle restrizioni legate alla pandemia. "Il settore viaggi è stato colpito il più velocemente e più duramente e probabilmente soffrirà più a lungo", si dice convinta Morath. "Durante l'isolamento, le aziende erano condannate all'inazione e non è successo nulla". Con la ripresa dell'attività le sfide si sono fatte difficili, "soprattutto ora, nella fase di avvio: i costi sono tornati immediatamente a salire, mentre le entrate rimangono incerte".

Anche nel commercio al dettaglio vi è una forte pressione verso una ristrutturazione. Al di fuori del comparto alimentare, vi era già stato uno spostamento verso la vendita online. "Il trend si è ulteriormente intensificato nel periodo delle chiusure". Nel segmento del lusso poi si soffre, oltre che per la debolezza dei consumi, anche per il crollo del turismo.

Ma anche chi opera nel campo dei media non è messo bene. Nonostante la domanda di informazione sia molto elevata i ricavi pubblicitari continuano a diminuire. Altre forme di introiti, attraverso abbonamenti o l'utilizzo di pagamenti online, non possono compensare questa evoluzione. "Nel settore le crisi del passato hanno spesso dimostrato che ciò che è andato perduto non può essere recuperato".

Meno univoco è il quadro nell'industria. Mentre i produttori di beni strumentali in particolare hanno avuto seri problemi, altri rami se la sono cavata meglio. Molto spesso si tratta comunque di trovare nuovi equilibri fra la sicurezza della catena di approvvigionamento, da un lato, e l'aumento dei costi dall'altro, conclude Morath.

 

TOP NEWS Economia
Economia
3 gior
Rischio bolla immobiliare in aumento a causa della pandemia
Lo sostiene un'analisi condotta da Ubs. Lo Swiss Real Estate Bubble Index è salito a 1,52 punti contro l'1,30 registrato nei primi tre mesi del 2020
Economia
5 gior
L'annus horribilis del sistema pensionistico
Complice la crisi del coronavirus, lo stato di salute del sistema pensionistico svizzero è negativo come non lo era da almeno 15 anni
Economia
5 gior
Banche online, in autunno avvia attività Flowbank
L'azienda vanta una tecnologia che permetterà ai clienti di effettuare tutte le loro transazioni sullo stesso software, indipendentemente dal dispositivo scelto
Economia
5 gior
Il gigante farmaceutico Bayer perde 9,5 miliardi
Nel secondo trimestre di quest'anno le vendite sono state incrementate dalle attività agricole della società, mentre la pandemia ha pesato sui prodotti farmaceutici.
Sondaggio
Economia
6 gior
Svizzeri hanno speso all'estero due miliardi in meno per Covid
La stima è di Credit Suisse, che si basa sulle transazioni delle carte di debito, tenendo conto del fatto che oltre confine si paga maggiormente senza contanti
Mercati finanziari
6 gior
Un luglio in volata per Wall Street
È stata messa in conto una rapida ripresa a 'V' non corrisposta dai fatti
Economia
6 gior
Dagli Stati Uniti all’Europa è corsa al bitcoin
I flussi di acquisto delle criptovalute sono aumentati in modo sorprendente nelle prime settimane di quarantena
Economia
1 sett
Ermotti: 'La Svizzera non deve lasciarsi ricattare'
Il Ceo uscente dell'Ubs afferma di essere contrario all'attuale accordo quadro e ricorda: la parola d'ordine a Berna dovrebbe essere 'neutralità'
Economia
1 sett
Usa, il Pil crolla nel secondo trimestre: -32.9%
Anche se migliore rispetto alle attese degli analisti il calo è comunque senza precedenti per la sua severità
Economia
1 sett
Credit Suisse: sale l'utile, si riducono le succursali
Utile netto cresciuto del 24% per la banca elvetica (1,16 miliardi di franchi), che ha varato un piano di risparmio di 400 milioni
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile